Confronto sul bilancio preventivo 2019, il Psi: "Risposte non soddisfacenti"

Entra nel dettaglio Bisulli: "Si ritiene che la pressione fiscale anche a Cesena sia eccessiva soprattutto con riferimento all'Imu per negozi, capannoni ed uffici"

Il Partito Socialista di Cesena ha partecipato alla riunione di confronto sul bilancio preventivo 2019 del comune malatestiano. "I socialisti cesenati nella loro ultima assemblea avevano predisposto delle richieste che sono state consegnate al sindaco Paolo Lucchi ed ai componenti della giunta presenti - afferma la segretaria Anna Maria Bisulli -. Le prime risposte a caldo (no diminuzione dell' Imu, no al piano casa) non sono state certo soddisfacenti. L'invito, alla Giunta ed al Pd quale partito di maggioranza, è quello di cambiare atteggiamento per una reale condivisione delle scelte ed un attenzione magiore all'economia della città dopo che i bilanci passati hanno visto avanzi considerevoli. Il Psi di Cesena è disponibile per un dialogo con tutte le forze politiche affini per costruire insieme un "Progetto Cesena"".

Entra nel dettaglio Bisulli: "Si ritiene che la pressione fiscale anche a Cesena sia eccessiva soprattutto con riferimento all'Imu per negozi, capannoni ed uffici che è da sempre al massimo.Si propone una sua diminuzione in percentuale da stabilire già dal bilancio 2019. Potrebbe essere un incentivo a diminuire gli affitti e rivitalizzare il centro". Tra le richieste anche "più appartamenti protetti, singoli o doppi per anziani autosufficienti, per consentire  una vita autonoma in un contesto sociosanitario. “A casa propria” con elementi di sicurezza, di aiuto e di sostegno che un centro servizi può offrire in caso di bisogno. Pubblici e privati".

Viene chiesto anche un "Piano Casa" "per acquisire alloggi a basso costo (l'invenduto in appartamenti supera i 2000), per rispondere all'enorme lista d'attesa e aiutare l'economia. Prevedere un piano a riscatto per le giovani coppie". Tra le priorità quella di "considerare l'Edilizia Scolastica ancora una priorità per mettere a norma più scuole possibili". Per quanto concerne il capitolo dei trasporti pubblici il Psi ritiene opportuno "migliorare il collegamento con le periferie ed i comuni limitrofi con più le corse ampliando gli orari serali".

Annotazioni anche per sulla sanità: "il nuovo ospedale non deve essere la scusa per trascurare il Bufalini. Segnaliamo il ritardo nella ristrutturazione della Chirurgia d'Urgenza. Per le liste d'attesa non sono concepibili le alchimie per evitare di incorrere palesemente ai fuori norma". Focus anche sulla cura del verde pubblico, "che attualmente lascia a desiderare, potrebbe vedere un progetto legato al lavoro per i giovani". Tra le richieste anche "borse lavoro su basi meritocratiche e sociali li potrebbe impegnare alla cura dei parchi non più sede di attività illegali ma rivissuti da tutti". Infine "la cura di Cesena Centro deve vedere realizzata più pulizia, da escrementi animali e non, con un accurato lavaggio sia per ragioni estetiche che igieniche".
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento