Martedì, 23 Luglio 2024
Politica Savignano sul Rubicone

Comune di Savignano, rispettato il patto di stabilità

Anche per l'anno 2012, così come per l'ultimo triennio, il Comune di Savignano sul Rubicone ha rispettato il Patto di Stabilità interno. La presa d'atto delle risultanze finali degli obiettivi programmatici del patto di stabilità è avvenuta

Anche per l'anno 2012, così come per l'ultimo triennio, il Comune di Savignano sul Rubicone ha rispettato il Patto di Stabilità interno. La presa d'atto delle risultanze finali degli obiettivi programmatici del patto di stabilità è avvenuta con Delibera di Giunta nr. 38 del 9/4/2013 sulla base della certificazione del Responsabile del Settore Finanziario.

Il patto di stabilità interno è quell'accordo tra Stato ed Enti locali (Comuni, Province, Regioni) che impegna tutti gli Enti a non aumentare le loro spese per permettere di rispettare i vincoli di bilancio posti dall'Unione Europea (che valuta il bilancio aggregato di tutto il settore pubblico). Nel corso del 2012 i Comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti erano tenuti a comunicare ogni trimestre al Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato tutti i dati relativi al patto di stabilità interno ed a concorrere, più in generale, alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica. Nel caso di mancato rispetto del patto scatta una procedura di infrazione e relative sanzioni.

“Abbiamo messo in atto tutte le strategie programmatiche e di gestione per rispettare le soglie di spesa fissate per il 2012. Un risultato importante se pensiamo al contesto in cui operiamo” dichiara il Sindaco Elena Battistini. “Ci siamo mossi in nome della trasparenza, della rigorosità e della veridicità dei conti. Il rispetto del patto però non è solo un complesso adempimento gestionale, è un obiettivo al quale concorrono tutti i nostri concittadini, con i sacrifici e le fatiche di tutti i giorni. Sappiamo bene che ci sono opere pubbliche indispensabili che aspettano di essere realizzate. I soldi in cassa ci sarebbero ma i vincoli che il patto ci impone impediscono di spenderli. Noi Sindaci abbiamo chiesto a gran voce l'allentamento del patto. Una prima, seppur parziale e timida, risposta del Governo alle istanze dei Sindaci è possibile cogliere dal d.l. 35 dell'8 aprile 2013, il cosiddetto decreto pagamenti o “sblocca-debiti”. Per quanto riguarda il nostro territorio, vediamo nella fusione dei Comuni di Savignano e San Mauro non solo una risposta per lo sviluppo futuro ma anche un aiuto immediato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Savignano, rispettato il patto di stabilità
CesenaToday è in caricamento