rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Politica

Cittadinanza onoraria ai minorenni stranieri, la Lega: "Non dà nessun diritto e crea solo confusione"

“La crociata populista della ‘cittadinanza facile’ ha raggiunto il suo apice a Cesena nel dibattito avvenuto nell’ultima seduta del Consiglio comunale"

“La crociata populista della ‘cittadinanza facile’ ha raggiunto il suo apice a Cesena nel dibattito avvenuto nell’ultima seduta del Consiglio comunale su un documento di Pd e Cesena 2024, elaborato su sollecitazione di ‘Comunità Accogliente’, per conferire la cittadinanza onoraria ai minori stranieri. Una bandierina ideologica i cui obiettivi sono confusi e che rischia di risultare una presa in giro per i minori destinatari a cui non si aggiungerebbero diritti o benefici di cui già non godano. Basta riflettere sul documento nel suo complesso per capire che l’area della cosiddetta sinistra e dei 'cattocom' è refrattaria a ogni ragionamento pragmatico e realistico. Non ci sono studi, statistiche, esempi che tengano: rimane profondo lo spartiacque tra chi ragiona sul piano del confronto documentale e chi imbraccia la spada fiammeggiante della cittadinanza regalata”: Così in una nota i consiglieri del Gruppo Lega replicano a Comunità Accogliente.

“Siamo convintamente contrari al documento, non pregiudizialmente ma per precise e concrete motivazioni dichiarate in Aula senza timore di smentite che, infatti, non sono arrivate. Dai banchi della maggioranza solo attacchi pretestuosi, a dimostrazione del fatto che la ‘cittadinanza onoraria' non è che un mezzo per raggiungere altri scopi (la cittadinanza italiana automatica) strumentalizzando una collettività indistinta di minori stranieri. Non è detto, infatti, che questi minori rimangano per sempre in Italia e che, una volta maggiorenni, considerino la cittadinanza italiana un benefit. Nel nostro Paese diritti, tutele e libertà fondamentali già sono attribuiti a chi vi risiede regolarmente. Che cosa aggiunge dunque la cittadinanza onoraria? Onorificenza che, tra l’altro, è destinata a chi si sia distinto per meriti straordinari, condizione, questa, che di certo non ne giustifica il conferimento a una collettività indistinta di minori durante una ‘cerimonia speciale’ che, paradossalmente, sancirebbe una loro supposta ‘diversità’ ottenendo, nei fatti, l’obiettivo opposto e contrario ai propositi dei proponenti".

"Questo documento, in realtà, oltre a snaturare il concetto di cittadinanza onoraria, strumentalizza i minori stranieri che afferma di voler tutelare, trascinandoli in una contesa squisitamente politica e ideologica da cui sarebbe opportuno e logico tenerli lontani. Noi siamo favorevoli al conferimento della cittadinanza italiana ma dopo un percorso consapevole. Non può essere concessa automaticamente ma deve rimanere come diritto e libertà di una persona di decidere se fare parte di una comunità nazionale anche dal punto di vista giuridico. Non è scontato infatti che la cittadinanza italiana sia un obiettivo vitale per tutti i residenti stranieri. Tra l’altro, l’Italia è il paese UE che negli ultimi cinque anni ha registrato il numero più alto di nuovi cittadini, più di 178 mila. Quindi di cosa stiamo parlando?”, conclude la Lega.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cittadinanza onoraria ai minorenni stranieri, la Lega: "Non dà nessun diritto e crea solo confusione"

CesenaToday è in caricamento