Cesenatico, società partecipate: si vendono tutte le quote di Start Romagna

Le decisioni assunte confermano la volontà contenute in atti già approvati dal consiglio comunale riguardo la cessione integrale della partecipazione in Start Romagna", spiega l'assessore Amormino

Approvato dalla giunta comunale di Cesenatico il Piano di razionalizzazione delle società partecipate prescritto dalla Legge di Stabilità 2015. Sono state oggetto di analisi e valutazione Cesenatico Servizi e Vena, Atr Società consortile, Hera, Unica Reti, Lepida, Romagna Acque, Terme S.Agnese e Start Romagna. Spiega l'assessore Lina Amormino: "Le decisioni assunte confermano la volontà contenute in atti già approvati dal consiglio comunale riguardo la cessione integrale della partecipazione in Start Romagna (vettore del trasporto pubblico locale urbano ed extra urbano), e parziale di Hera spa, oltre alla cessazione della Azienda speciale Farmacie Comunali (servizio trasferito alla diretta gestione del Comune)".

"Precedentemente si era già proceduto a liquidare le società di trasformazione urbana delle Colonie di Ponente (STU Città del Mare) e la società Promozione e Turismo (servizi e promozione dell’aeroporto di Forlì) - continua Amormino -. Relativamente alla Società Vena srl (proprietaria della palazzina ad uso uffici dell’ex acquedotto comunale, che attualmente ospita la Scuola di Musica Caimmi, il Coro ed altre Associazioni) la scelta è quella di accorpare la società a Cesenatico Servizi (che ne detiene attualmente l’intera partecipazione) oppure al Comune stesso retrocedendo l’immobile. Si conferma la partecipazione (percentualmente assai modesta) nelle società di ambito o di rete Unica Reti, Romagna Acque, Lepida, Atr, per le quali sussiste l’obbligo della intera partecipazione pubblica".

"Confermato inoltre il mantenimento della partecipazione in Terme di S.Agnese spa, analogamente a quanto deciso dai Comuni di Bagno di Romagna e Verghereto e all’opposto di quanto dichiarato dalla Provincia di Forlì e dal Comune di Cesena, anch’essi soci - chiosa l'assessore -. Per questa società dovranno essere individuate nuove sinergie ed opportunità con i servizi del Comune di Cesenatico, in particolare con la Farmacia Comunale di Bagnarola.  Riguardo alle concrete azioni di razionalizzazione gestionale si richiamano le decisioni già assunte ed attuate in merito alla composizione dei Consigli di Amministrazione di Cesenatico Servizi e Vene srl, con riduzione da sette a cinque componenti, di cui uno solo retribuito, oltre al riaffidamento con gara di servizi in scadenza e la dismissione o il trasferimento a terzi di attività economicamente non più sostenibili o redditizie, come il Mercato Ittico, gli impianti pubblicitari su suolo pubblico, le illuminazioni votive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Il mondo dell'imprenditoria cesenate è in lutto: è morto Augusto Suzzi, fondatore della 'Suba'

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • I numeri settimanali del Covid, il Cesenate è l'area più colpita: forte aumento dei contagi

Torna su
CesenaToday è in caricamento