menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cesenatico, la Lega Nord contro Buda: "Usa falsità per colpirci"

"Il sindaco uscente Roberto Buda continua a mettere in giro falsità. Ormai isolato, usa come arma la calunnia per colpire alla cieca i consiglieri di centro-destra"

“Il sindaco uscente Roberto Buda continua a mettere in giro falsità. Ormai isolato, usa come arma la calunnia per colpire alla cieca i consiglieri di centro-destra, gli assessori che si sono dimessi e le forze politiche che hanno scelto la propria autonomia piuttosto che l’ambiguità e la supponenza di un candidato sindaco con i piedi in troppe staffe. La sua pagina FB è un fiorire di propaganda da Minculpop, del tutto destituita da credibilità, esattamente come il protagonista di questa farsa, il candidato Buda, che punta alla delegittimazione degli ex alleati anziché spiegare le vere ragioni per cui l’alleanza è stata sciolta e perché consiglieri e assessori della Giunta uscente hanno dovuto assumere la decisione sofferta di abbandonare la maggioranza”: a tornare alla carica contro Roberto Buda è la Lega Nord, partito suo ex sostenitore

Il riferimento del Carroccio è “quel video che Buda ha postato su Fb, dove il sindaco uscente descrive l’ultima seduta di Consiglio sul bilancio. Ebbene Buda sembra non essere stato presente, tanto falsifica e travisa la realtà. Mai che si assuma una responsabilità, mai che faccia un ‘ mea culpa’. Per fortuna che la seduta è stata trasmessa in streaming e quindi tutti i cittadini di Cesenatico hanno potuto constatare, o potranno farlo, le bugie sparse a piene mani da Buda. Ci sono ragioni ben precise per cui i consiglieri di Lega Nord e Forza Italia non hanno votato il bilancio”.

“Le stesse ragioni che erano state pronunciate giorni prima in commissione. Quindi non una novità. Buda nei giorni precedenti al voto, che già conosceva perché era stato largamente preannunciato, non ha cercato di correggere i propri errori, ma ha fatto terrorismo sui quotidiani, ha fatto pressioni su tutti i gruppi di maggioranza e opposizione, ha di fatto ricattato moralmente i singoli parlando di un ‘commissariamento’ che sarebbe durato un anno o che avrebbe impedito il pagamento degli stipendi. Tutte balle. Mentre è vero quello che i consiglieri del centro-destra gli hanno rinfacciato.

Enrico Dall’Olio della Lega Nord non ha avuto alcun bisogno di leggere una velina (vedi streaming). Il tema in discussione gli era ampiamente noto, come era evidente l’artificio contabile messo in atto da Buda sull’Imu proveniente dalle piattaforme, una voce di bilancio che avrebbe ‘tenuto’ solo fin dopo le elezioni. Buda sta sbagliando tutto: di fatto, dà ragione agli esponenti del centro destra che hanno diffidato della sua scarsa trasparenza, della sua autoreferenzialità, della sua sindrome da ‘uomo solo al comando’ senza averne i numeri”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento