Cesenatico, nomadi sull'Adriatica: caravan allontanati. Ma la Lega chiede più controlli

“È salito a 6 il numero di roulotte di altrettante famiglie rom che sostano abusivamente nell’area limitrofa alla statale Adriatica”

FOTO DI REPERTORIO

Caravan di nomadi allontanati dopo una sosta temporanea nell’area limitrofa alla statale Adriatica. A monitorare la situazione sono stati gli agenti della Polizia Municipale di Cesenatico ed i Carabinieri. "Devo dire che attività di questo genere sono di routine durante la stagione estiva, accade spesso infatti che aree verdi pubbliche o private vengano utilizzate impropriamente ma le forze dell'ordine hanno messo a punto negli anni un sistema in grado di monitorare ed evitare che si creino dei bivacchi non consentiti", ha evidenziato il sindaco Matteo Gozzoli.

Il primo cittadino ha replicato alla Lega, che chiedeva dopo l'arrivo delle roulotte di “più controlli” anche “dal punto di vista igienico sanitario soprattutto perché oltre agli adulti, ci hanno segnalato la presenza di moltissimi bambini”. La denuncia del Carroccio si è inserita nel più ampio dibattito sull’ipotesi di monitorare i campi nomadi avanzata dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini: “non si capisce per quale motivo queste persone non possano essere censite come accade per tutti noi".

"Se l’intenzione di queste famiglie è quella di lavorare e integrarsi nella nostra società, allora non c’è nulla di male nel monitorare la loro presenza sul territorio per conoscerne il numero e le generalità e capire se siano in regola con le norme relative all’ingresso e al soggiorno - viene evidenziato in una nota -. Al di là della provenienza e della nazionalità di queste persone, infatti, si pone l’urgenza di sanare una situazione che anche a Cesenatico è al limite, dove a rimetterci sono prima di tutto i bambini ai quali molto spesso non è permesso andare a scuola".

Per la Lega “tutte le polemiche sono evidentemente strumentali perché il dato oggettivo è che il Pd non ha mai fatto nulla per capire chi sia questa gente e cosa faccia per vivere. È anche per questo motivo che chiediamo al sindaco Gozzoli di prendere atto dell’emergenza che si pone con queste famiglie sul fronte della legalità e della sicurezza e di intervenire per scongiurare il peggio".

La replica del sindaco

Immediata la replica del primo cittadino: "Non vi è alcuna "emergenza Rom" a Cesenatico come denunciato dalla Lega Nord. Lunedì pomeriggio, nei pressi dell'area camper lungo l'Adriatica, sono arrivate alcune roulotte di proprietà di famiglie di nomadi. Già martedì mattinata la Polizia Municipale di Cesenatico e i Carabinieri sono intervenuti sul posto per verificare la situazione e per informarli che in quella zona è consentita la sosta non oltre le 48 ore. Nel pomeriggio sono ritornati sul posto 5 agenti della Polizia Municipale di Cesenatico insieme al nostro comandante, e, dopo un confronto, le roulotte hanno lasciato l'area".

"Devo dire che attività di questo genere sono di routine durante la stagione estiva, accade spesso infatti che aree verdi pubbliche o private vengano utilizzate impropriamente ma le forze dell'ordine hanno messo a punto negli anni un sistema in grado di monitorare ed evitare che si creino dei bivacchi non consentiti - osserva Gozzoli -. Proprio per questo motivo abbiamo recentemente adibito a parcheggio custodito alcune di queste aree proprio per evitare tali fenomeni. Si tratta di un lavoro che Vigili e Carabinieri svolgono in silenzio, senza creare allarmi e li ringrazio per tutto quello che fanno per il nostro territorio".

Conclude il sindaco: "Non comprendo questo clima di odio e tensione sociale che la Lega e il Ministro dell'Interno stanno aizzando a livello nazionale e locale. In Italia ci sono problemi enormi come la corruzione e le criminalità organizzate che stanno distruggendo parti del nostro Paese e il problema oggi sarebbero i Rom? Magari anche da censire? Lo sapete che la stragrande maggioranza dei cittadini di etnia Rom presenti in Italia sono cittadini dell'Unione Europea? In linea di diritto significa censire francesi, tedeschi o olandesi presenti nel nostro Paese. Tutto ciò non mi sembra lavorare sulla sicurezza, ma lavorare sulla parte più buia dell'animo umano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento