Cesenatico, battaglia sui dehors, Bignami (Fi): "La Regione intervenga"

In un’interrogazione il consigliere punta il dito contro l’interpretazione restrittiva delle norme da parte del Comune e chiede alla Giunta di intervenire attraverso il proprio ufficio urbanistico

La polemica tra ristoratori e Amministrazione comunale divampata a Cesenatico in merito all’installazione di dehors su suolo pubblico in concessione nel porto canale è oggetto di un’interrogazione presentata in Regione da Galeazzo Bignami (Fi).

"Il Comune – riporta il consigliere – applica un proprio regolamento che non tiene conto delle esigenze dei gestori degli esercizi pubblici prospicenti il porto canale, meta di turisti intenzionati a godere del panorama seduti comodamente protetti dal sole o dalle intemperie. In un contesto di vuoto normativo sul concetto di “protezione di spazi esterni” – prosegue il capogruppo forzista – il Comune di Cesenatico sarebbe addirittura arrivato a prevedere la revoca definitiva della concessione dopo tre sanzioni amministrative per violazioni del regolamento edilizio comunale".

Da qui l’iniziativa di Bignami, che chiede alla Giunta regionale “se non si ritenga opportuno intervenire tramite il proprio ufficio urbanistico al fine di chiarire in modo inequivocabile come applicare le norme statali e regionali in materia onde evitare prese di posizione controfattuali come quelle dell’amministrazione comunale di Cesenatico”.

Tale posizione viene riaffermata anche dalla Consigliera Provinciale di Forlì Cesena Lina Amormino, che porterà all’attenzione del consiglio provinciale la necessità di porre in essere un chiarimento dal punto di vista amministrativo sulla gestione dei dehors.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento