Cesenatico, approvato l'assestamento al bilancio. Il M5S: "Ci sono sprechi"

"Le poche cose che vengono realizzate sono finanziate attraverso l’accesso ai mutui determinando un ritorno all’indebitamento dell’ente", dice Fattori

Via libera dal Consiglio comunale di Cesenatico all’assestamento al bilancio. Storce il naso il consigliere comunale pentastellato Giuliano Fattori: "Emergono le criticità già denunciate lo scorso febbraio. E' un bilancio fatto di sprechi, con imposizione fiscale massima che non è in grado di liberare risorse per intervenire sulla città. Ed infatti le poche cose che vengono realizzate sono finanziate attraverso l’accesso ai mutui determinando un ritorno all’indebitamento dell’ente. Anche i 600mila euro stanziati quest’anno per interventi di asfaltatura sono totalmente finanziati attraverso mutui. Una macchina comunale ed una Cesenatico Servizi che nonostante le dichiarazioni di questi anni di efficientamento soffrono come mai di conflittualità interne con una gestione politica che ha ormai paralizzato tutti gli uffici, nonostante le tante nuove assunzione recenti2.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E per sopperire a queste criticità si ritorna a spendere come non mai in incarichi esterni, in soli sei mesi sono più che raddoppiate le consulenze legali e nei soli lavori pubblici la spesa in incarichi supera i 400mila euro - continua l'esponente del Movimento 5 Stelle -. Consulenze esterne che non favoriscono però la qualità della spesa e le corrette tempistiche di intervento: è trascorso solo un anno dai lavori di asfaltatura del ponte mobile, pareva la soluzione definitiva eppure oggi occorre reintervenire con una spesa di 30 mila euro. Rimangono sproporzionati i crediti di dubbia esigibilità vantati dal comune: solo per la tassa dei rifiuti ci sono crediti di oltre 6 milioni di euro, gli insoluti sulla prima rata 2019 sfiorano il 20% e per l’anno scorso il 15% degli utenti non ha pagato. Anche i recenti cambi normativi inseriti nel decreto crescita permettono ai comuni di essere più incisivi ma qui manca la volontà politica di farlo. Manca una guida alla città di Cesenatico, con una maggioranza totalmente assente che nell’ultimo anno ha completamente perso la voglia di amministrare, bloccati nella burocrazia ed inefficienza che loro stessi hanno alimentato".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento