Cesena Siamo Noi: "Sussidiarietà e fiducia al centro della ripresa"

"E’ nei momenti di grande crisi che le risorse della comunità, non solo finanziarie, ma umane e pratiche, sono indispensabili alla ripartenza e vanno coordinate"

"Nel prossimo consiglio comunale del 30 aprile, CSN porta in due interpellanze il tema dei quartieri e dei progetti partecipati, che toccano due temi che, seppur possano sembrare lontani in una fase di emergenza, si rivelano invece intrecciati. Sempre di più nei contesti emergenziali (lo si è visto con il terremoto in Emilia ma non solo) viene valorizzato il principio di sussidiarietà tra enti di livelli diversi e tra enti e cittadini, che può rendere più efficace la risposta dei territori alle emergenze, abilitando inoltre i cittadini a diventare protagonisti delle decisioni che vengono prese in una data emergenza".  

"E’ nei momenti di grande crisi che le risorse della comunità, non solo finanziarie, ma umane e pratiche, sono indispensabili alla ripartenza e vanno coordinate. In questa ottica di sussidiarietà, gli strumenti di partecipazione, si rivelano essenziali. I quartieri sono l’organo di rappresentanza diretto dei cittadini prossimi alla comunità e intermedi rispetto all’Amministrazione. Attraverso i consigli di quartiere possiamo conoscere le problematiche e le esigenze di un territorio o dei singoli cittadini sia possono essere agenti di cambiamento e intervento per ripartire. Per questo abbiamo chiesto all’Amministrazione quali valutazioni ha fatto circa il rinnovo dei consigli di quartiere, ad oggi sospesi per vari motivi legittimi da diversi mesi, quale il periodo migliore visto il permanere dello stato emergenziale (se dopo l’estate per garantire partecipazione in sicurezza senza costi extra oppure in altro momento) e se in modalità telematica oppure tramite seggi nei plessi scolastici".

"Vogliamo vedere i quartieri come strumento per supportare e rafforzare la capacità di resilienza del tessuto sociale della nostra comunità, di fronte alla situazione di emergenza globale. Al centro di questo sistema e della ripartenza è la fiducia, che nasce in primis dal vedere realizzato quando concordato e promesso anche in passato. Se un cittadino si attiva e partecipa, arrivando a far approvare dei progetti, deve essere incentivato a continuare con l’ascolto che viene dato al suo contributo. Ci sono cittadini che, da due anni, attendono la messa in opera dei progetti partecipati, che hanno proposto e promosso perché avrebbero migliorato la vita del loro quartiere o comunità, in particolare per maggior sicurezza stradale e nuova illuminazione in zone residenziali.  In primis vorremmo informare questi cittadini sullo stato di avanzamento delle procedure d’appalto per i progetti approvati nel 2018 e negli anni precedenti e posticipati al 2020 e sul criterio di priorità che verrà adottato per metterli in calendario. Questo è importante per dare continuità a promesse fatte, che l’Amministrazione ha già confermato avrebbe mantenuto e che oggi,  in una situazione mutata per circostanze straordinarie, ci sembra importante ribadire. Crediamo che lo strumento dell’interpellanza sia lo strumento adatto per approfondire i criteri e i tempi che verranno applicati in questa situazione e per ribadire esplicitamente questo impegno da parte dell’Amministrazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Serve poi capire quali strumenti ci saranno a disposizione dei cittadini che vorranno mettersi a disposizione, per questo abbiamo chiesto quando partirà il lavoro per predisporre il nuovo regolamento sui Patti di Collaborazione e come l’Amministrazione intende pianificare il bilancio per le attività partecipate, incluso il finanziamento previsto per i nuovi consigli di quartiere. La nostra intenzione è di continuare a lavorare sulla costruzione di una comunità resiliente, attiva e fiduciosa con passione, empatia e generosità. Vogliamo stimolare l’Amministrazione a mettere al centro della ripresa della comunità cesenate la sussidiarietà e i cittadini stessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due anni di scavi per far emergere un pezzo di storia, anche il campo militare che ospitò Cesare

  • Lavori completati, riapre il supermercato: 700 metri quadrati, darà lavoro a 19 persone

  • Positiva una bambina di prima elementare, in quarantena 19 alunni

  • Coronavirus, i nuovi casi a Cesena: un malato è in Terapia intensiva

  • Coronavirus, nuovo caso a Bagno di Romagna: tamponi per i contatti stretti

  • Col monopattino elettrico in autostrada, scusa incredibile del ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento