rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Politica

Cesena Siamo Noi chiama a raccolta i cittadini: "Partecipate alla manifestazione in Piazza del Popolo contro la guerra"

"Alla pace, alla partecipazione ed alla collaborazione si ispira il nostro lavoro, quindi non possiamo rimanere indifferenti alla chiamata al lavoro per la pace  e per questo chiamiamo anche tutti i cittadini cesenati, a partecipare alla mobilitazione di sabato"

"Cesena siamo noi è un movimento civico che chiama tutti i cittadini che si riconoscono nei valori della Costituzione, inscritta nella nostra Carta dei Valori, a partecipare direttamente e attivamente alla difesa dei beni comuni ed a partecipare direttamente alla vita della nostra città. Alla città si rivolge il nostro sguardo ed è per questo che non aderiamo direttamente ad iniziative che hanno una risonanza nazionale ed internazionale". Ad affermarlo è il gruppo consiliare di Cesena Siamo Noi. 

"Alla pace, alla partecipazione ed alla collaborazione si ispira il nostro lavoro, quindi non possiamo rimanere indifferenti alla chiamata al lavoro per la pace  e per questo chiamiamo anche tutti i cittadini cesenati, che siano nostri sostenitori o non lo siano, a partecipare alla mobilitazione di sabato 29 ottobre in Piazza del Popolo a Cesena contro la guerra. Non dimentichiamo che i valori scolpiti nella Costituzione nascono dall’orrore di una guerra, insensata come tutte le guerre, che ha lasciato tracce non dimenticabili in ogni famiglia. Non sia la paura di diventare più poveri la spinta a rifiutare la guerra. Non c’è guerra che arricchisce l’umano, la guerra rigeneratrice è stata la cifra del delirio nazifascista e di coloro che sulle guerre arricchiscono. Queste riflessioni vanno portate anche nella dimensione cittadina ed è fondante del nostro movimento ancorarle alla ricerca della lingua, del metodo e della pratica di una politica che parta dall’ ascolto.
Ogni cittadino di questa città ha diritto a essere riconosciuto come parte essenziale di una comunità. Il primato del denaro e della ricchezza hanno mortificato lo spazio della relazione spontanea e gratuita.   L’economia senza regole che domina oggi sta disgregando la possibilità di sentirsi parte di una comunità, di condividere una lingua, un paesaggio comuni e mortifica la tensione a salvaguardare il tempo e lo spazio di cui la comunità ha necessità per rinnovarsi. La vita rischia di ridursi alle due dimensioni degli schermi ed alle asettiche distanze di sicurezza. Non viviamo nel tempo della verità e della giustizia e guai se qualcuno volesse arrogarsene l’esclusiva. Noi chiediamo però che la ricerca di questi valori, che determinano la nostra umanità, spingano i cittadini a prendere insieme a noi, e per questo ci chiamiamo Cesena siamo noi, la responsabilità di sospendere il tempo della guerra, di stare nel mezzo per ricucire la lingua, per mettere insieme l’assassino e la vittima, perché il dolore di ognuno sia il nostro e lo stare nel mezzo diventi la risposta a ogni negazione dell’altro. Stare nel mezzo richiede la massima responsabilità, il sentirsi sempre responsabili di quello che accade e implica la sfida senza paura di cercare il metodo e la pratica per una politica quotidiana che non escluda nessuno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesena Siamo Noi chiama a raccolta i cittadini: "Partecipate alla manifestazione in Piazza del Popolo contro la guerra"

CesenaToday è in caricamento