menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro-destra contro Buda: "Non è vero che i pagamenti del Comune sono congelati"

"L'astro nascente della politica cesenaticense, ovvero Roberto Buda, si è trasformato in una stella cadente". E' questa l'opinione della coalizione di centro-destra dell'ex sindaco

“L’astro nascente della politica cesenaticense, ovvero Roberto Buda, si è trasformato in una stella cadente”. E’ questa l’opinione della coalizione di centro-destra di cui fanno parte Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che commentano le dichiarazioni e gli atti del sindaco uscente che, dicono in una nota, hanno “il solo scopo di invelenire il clima e di fare sconquassi, con la diffusione di notizie false”.

“Buda sa di essere alla fine della sua parabola amministrativa, per sua responsabilità, e così, per nuocere a chi, secondo la sua interpretazione, lo ha abbandonato, non esita a danneggiare Cesenatico e i suoi abitanti. Ed è proprio qui che si misura la sua levatura: se ben quattro forze politiche alleate hanno deciso, chi prima chi poi, di dividere la propria strada da quella di Buda non possono che esserci motivi seri che coinvolgono in prima persona il sindaco uscente e il suo modo personalistico di concepire la cosa pubblica”. 

“Riteniamo che tutte le problematiche sollevate ad arte da Buda e da esponenti della sua lista civica (si fa per dire!) siano superabili. Il Comune per circa un mese si troverà in gestione provvisoria, potrà quindi ottemperare a tutti i pagamenti di obbligazioni già assunte, come afferma l’articolo 163, comma 2, del Testo unico degli Enti locali. Per cui immaginiamo che tutte le iniziative (feste, ecc) di carattere ricorrente che egli ha citato fossero già state programmate e contrattualizzate da tempo, come avrebbe dovuto fare una buona amministrazione, e che, di conseguenza, non possano incontrare difficoltà di sorta. Al contrario, se l’amministrazione e in particolare il settore finanziario non l’avessero fatto, la responsabilità di questa carenza programmatoria ricadrebbe per intero sul sindaco e sul suo assessore al bilancio".

"Tra l’altro, ci si chiede come si potessero quantificare le spese del Comune senza avere un preventivo e un programma delle iniziative da sostenere e ribadiamo che se avessero seguito questa strada oggi, pur in gestione provvisoria, non ci sarebbe alcun problema. Ma c’è un’altra cosa che afferma l’articolo 163 del Tuel e Buda deve stare molto attento a che sia osservata. Dice infatti la norma che il Comune dovrà corrispondere le obbligazioni necessarie a evitare che siano arrecati danni patrimoniali certi e gravi all’ente. In parole povere, non succeda che il sindaco uscente neghi pagamenti dovuti per fare terrorismo, perché incorrerebbe in gravissime responsabilità. Quanto al bilancio, ormai non spetta più a Buda decidere, ma alla prossima Giunta quando si insedierà." 

"Buda e i suoi supporter, infine, oltre a diffondere questa ridda di dichiarazioni fasulle, farebbero bene a comunicare ai cittadini le dimissioni del candidato Gianluca Baldisserri dalla presidenza del CdA di Cesenatico Servizi. Appare infatti irrituale che il presidente di una società interamente in mano al Comune di Cesenatico si candidi nella lista ‘civica’ a sostegno di Buda pur mantenendo questa carica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento