"Cemento a Diolaguardia: distruzione del paesaggio collinare"

Sono in corso lavori importanti per la costruzione di decine e decine di appartamenti nella piccola frazione di Diolaguardia di Roncofreddo (FC). L'allarme arriva da Davide Fabbri, dei verdi di Forlì-Cesena

“ll paesaggio collinare sta subendo attacchi vergognosi in nome della cementificazione.Sono in corso lavori importanti per la costruzione di decine e decine di appartamenti nella piccola frazione di Diolaguardia di Roncofreddo (FC).Come è stato possibile autorizzare a Diolaguardia una vergognosa cementificazione in un territorio collinare e pregiato dal punto di vista ambientale, che andrebbe tutelato?”. L'allarme arriva da Davide Fabbri, dei verdi di Forlì-Cesena.

“La maxi lottizzazione in corso è stata autorizzata con SCIA n. 1203 del 7.3.2012, è di proprietà di una società immobiliare (Drive e Go srl), l'architetto progettista è Adriano Bonetti; sul sindaco del Comune di Roncofreddo Franco Cedioli del PD ricade la grave responsabilità politica di questa maxi operazione edilizia ingiustificata a danno del paesaggio collinare.Il sindaco di Roncofreddo farebbe bene a rispondere a questa elementare domanda: perchè ferire a morte il territorio con questa colata di cemento per la realizzazione di tanti appartamenti da vendere a prezzo di mercato (a prezzi non calmierati dall'ente pubblico), molti dei quali rimarranno invenduti?”, accusa Fabbri.

“Si sta continuando a costruire a dismisura, senza tener conto degli effettivi fabbisogni residenziali. Tanti piani urbanistici, diverse varianti al Prg: a Diolaguardia di Roncofreddo si è sicuramente superato il limite all'antropizzazione del territorio e alla sua cementificazione. Tutto questo accade per diversi motivi:debole è il governo della politica locale, che non pone argine agli interessi di rendita fondiaria dei proprietari delle aree. Scarsa è la normativa di tutela urbanistica e ambientale. Forti sono gli interessi economici e immobiliari che spingono verso il consumo del territorio a discapito della tutela ambientale. Quasi assente la presenza di persone attive a Roncofreddo su questi temi così delicati: servirebbero persone motivate a difendere il proprio territorio, per cercare di impedire nuove ferite all’ambiente e al paesaggio, per cercare di diffondere una idea diversa di modernità. Come mai nessuno interviene in Consiglio comunale a Roncofreddo a denunciare questo scempio ambientale? Perchè questo assordante silenzio della politica locale di Roncofreddo in merito a questo progetto così impattante? Occorre mettere un "freno" al consumo del territorio: il suolo è una risorsa assolutamente «esauribile», occorre puntare sul recupero del patrimonio edilizio esistente”, conclude Fabbri.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento