Domenica, 21 Luglio 2024
Politica

Casali (Pdl): "Regolamento delle urbanizzazioni? Dalla padella alla brace"

Le modifiche proposte, che hanno visto il voto contrario del gruppo consigliare del Pdl, sono sicuramente peggiorative; la delibera, presentata come una semplice limatura regolamentare, si dimostra al contrario particolarmente gravosa

"Nell’ultimo Consiglio Comunale - scrive il gruppo consiliare del Pdl - sono state approvate alcune modifiche al regolamento inerente le opere di urbanizzazione a carico dei soggetti attuatori. Le modifiche proposte, che hanno visto il voto contrario del gruppo consigliare del Pdl, sono sicuramente peggiorative; la delibera, presentata come una semplice limatura regolamentare, si dimostra al contrario particolarmente gravosa nei confronti di quelle imprese edili che si assumono direttamente l’onere della realizzazione delle opere di urbanizzazione, mettendo in luce sperequazioni e appesantimenti burocratici".

"Addossare alle imprese i costi di manutenzione e conservazione delle opere eseguite nell’interregno fra il collaudo provvisorio e definitivo, significa inevitabilmente effettuare una traslazione di oneri che dovrebbero essere a carico della pubblica amministrazione fin dal momento del primo collaudo. Paradossale inoltre anche la gestione dei costi circa l’illuminazione pubblica che nel regolamento viene presa in carico dall’amministrazione entro il primo mese dell’anno successivo alla data del collaudo definitivo; in pratica se il collaudo definitivo dovesse cadere nel mese di gennaio, la presa in carico dei costi avverrebbe solo a partire dal mese di gennaio dell’anno successivo".

"Anche in merito alle garanzie fideiussorie si registra una situazione particolarmente iniqua, con la possibilità si di svincolo della stessa per stato di avanzamento lavori, svincolo però che percentualmente è molto inferiore ai lavori già eseguiti. In ultimo, ma non in ordine di importanza, anche l’aspetto burocratico ne esce inevitabilmente appesantito. Viene eliminata la figura del tecnico designato a seguire l’impresa nell’esecuzione delle opere e vengono aggravate anche le procedure di presentazione delle documentazione per altro già voluminosa.
Le modifiche introdotte si presentano quindi in profonda antitesi rispetto agli indirizzi spesso proclamati dall’attuale giunta. La stessa infatti non perde occasione per manifestare, solo a parole purtroppo, l’intento di ridurre le procedure burocratiche e aiutare le imprese. Solo parole, purtroppo, perché analizzando i regolamenti adottati e le modifiche proposte, ci si accorge che quegli intenti rimangono senza nessuna soluzione operativa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casali (Pdl): "Regolamento delle urbanizzazioni? Dalla padella alla brace"
CesenaToday è in caricamento