Caporalato, Bertani: "Lavoratori pagati tre euro per raccogliere la frutta. Serve sforzo comune contro il sommerso"

È questo il commento di Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, dopo l’audizione dei sindacati sul fenomeno del caporalato, soprattutto nelle provincie di Ravenna e Forlì-Cesena

"Abbiamo avuto la conferma che anche la Romagna è terra di caporalato e sfruttamento, con persone pagate 3 o 4 euro all’ora per raccogliere frutta nei nostri campi. Uno sfruttamento in piena regola che in Emilia-Romagna purtroppo resta ancora una realtà sommersa e poco conosciuta”. È questo il commento di Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, dopo l’audizione dei sindacati sul fenomeno del caporalato, soprattutto nelle provincie di Ravenna e Forlì-Cesena, che si è svolta mercoledì pomeriggio in Assemblea Legislativa, all’interno di una seduta congiunta delle commissioni Politiche economiche e Lavoro richiesta proprio dal capogruppo M5S nelle scorse settimane.

"Ci troviamo davanti a una situazione di grande emergenza dove i lavoratori vengono sfruttati attraverso un sistema capillare che nega qualsiasi tipo di diritto - spiega Andrea Bertani -. Dai dati che ci sono stati forniti oggi in Commissione dai sindacati, delle 30 mila persone coinvolte nel settore agricolo il 15-20% lavora completamente in nero e spesso è costretta a vive in condizioni precarie all’interno di roulotte e appartamenti fatiscenti o addirittura a pagare per essere messi in regola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Servono dunque degli strumenti reali ed efficaci per cercare di arginare questo fenomeno che, sempre secondo quanto hanno riferito le organizzazioni sindacali, non riguarda solo immigrati irregolari sul nostro territorio ma anche lavoratori stanziali e stagionali - conclude l'esponente pentastellato -. Parallelamente su questo fronte forse sarebbe opportuno anche agire sul fronte delle aziende, rendendo pubblici i nomi di chi fa ricorso a questo tipo di lavoro e sfruttamento, in modo tale da far emergere finalmente con chiarezza un fenomeno che, altrimenti è destinato a restare sottotraccia per ancora moltissimo tempo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento