menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Candidato alle regionali, Bulbi torna sulla scena: "Al centro le periferie. Pd deve stare tra la gente"

Una candidatura alle regionali che rimette sulla scena l'esperto politico locale: "Ma in realtà non me ne sono mai allontanato, ho fatto il sindaco di un piccolo Comune, che è la cosa più bella"

La direzione cesenate del Pd ha ufficializzato la candidatura di Massimo Bulbi alle elezioni regionali, accanto alla confermatissima Lia Montalti. L'esperto ex presidente della Provincia ed ex sindaco di Roncofreddo, 57 anni, ha vinto la concorrenza del 62enne Daniele Gualdi, già assessore alla cultura del Comune. 

Le primarie informali che si sono svolte nei 27 circoli del Pd coinvolgendo circa 400 persone, hanno decretato una netta maggioranza di consensi per colui che è stato dieci anni presidente della Provincia, ed è numero uno di Federcaccia.

Ma quali sono le priorità e i propositi di Bulbi? "Proseguire nella strada tracciata dal buon governo di Bonaccini. Bisogna mettere al centro dell'agenda politica le periferie, avvicinandole al centro. Il mio impegno sarà massimo per quelli che sono i capisaldi del territorio, le piccole e medie imprese, l'agricoltura e la cooperazione. Ma fondamentali sono anche le infrastrutture, se vogliamo ampliare il nostro appeal turistico dobbiamo curare la manutenzione".

Una candidatura alle regionali che rimette sulla scena politica l'esperto Bulbi: "Ma in realtà dico che non me ne sono mai allontanato, ho fatto il sindaco di un piccolo Comune che è la cosa più bella, ascoltare i problemi della gente e cercare di risolverli. Per un periodo i miei impegni professionali mi hanno costretto a ridurre il mio apporto in politica".

Grande amico di Enrico Letta e critico in passato con Renzi, Bulbi è molto diplomatico sull'ex segretario: "Come vedo il Pd senza Renzi? Quando qualcuno se ne va è sempre un dolore, come è successo con Bersani ed Errani. La cosa importante è che il partito non si chiuda in se stesso. Dobbiamo andare tra la gente, nelle scuole, tra i giovani e tra gli anziani, dobbiamo essere presenti nei territori. Come ha fatto il presidente Bonaccini che è venuto due volte a Montecodruzzo". 

Il Pd cesenate esprimerà due candidature e quello forlivese tre: "Con Lia Montalti non mi sento in concorrenza, anzi lavoreremo in tandem".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento