Elezioni 2018, ecco i candidati de "Il Popolo della Famiglia": "Dialogheremo con tutti"

Su quindici, sono due i cesenati che vi hanno trovato posto: Marco Zani e Massimo Pistoia

In un affollato incontro a Cesena, presieduto dal referente nazionale de "Il Popolo della Famiglia'" Mirko De Carli, è stata presentata la lista dei candidati del partito che scenderanno in lizza nel collegio Emilia Romagna 01 per un posto nel parlamento nazionale nelle prossime elezioni politiche del quattro marzo 2018. Su quindici, sono due i cesenati che vi hanno trovato posto: Marco Zani e Massimo Pistoia. Un momento quindi molto importante per un partito che solo due anni fa ancora non esisteva e adesso si presenta da solo in un momento particolarmente difficile nel contesto nazionale e locale proprio per l'istituzione 'famiglia' che, a loro dire, è fortemente minacciata e decontestualizzata dall'attuale maggioranza di governo.

“Provengo dall'esperienza dello scoutismo – dice Zani, sottolineando tuttavia che "non è la stessa vissuta da Matteo Renzi" - e dopo che l'ennesimo Family Day, nonostante abbia   mosso milioni di persone, è stato liquidato dal governo perchè, come dissero,  senza rappresentatività in Parlamento eravamo nessuno, ora con Il Popolo Della Famiglia vogliamo essere presenti nelle decisioni future che interessano l'istituzione base dell'umanità”. “Sono fortemente preoccupato per i nostri figli - continua Massimo - quale futuro gli lasceremo andando avanti con  questa deriva?. La nostra presenza in città si è rafforzata, siamo conosciuti anche grazie al banchetto che da due mesi stiamo tenendo in galleria Urtoller e alle iniziative in programma che ci porteranno alle elezioni”.

A questo riguardo è stato presentato un calendario di quattro manifestazioni, tutte a Palazzo del Capitano con inizio alle 17.30, iniziando il 14 gennaio quando sarà relatore il fondatore del partito Mario Adinolfi che presenterà il suo libro “O Capiamo o Moriamo”, un volumetto di facile lettura di duecento pagine in cui tocca i temi più scottanti della realtà di oggi come: eugenetica, gender, questione demografica. Seguirà il 28 gennaio Silvana De Mari che parlerà del bio testamento. A febbraio due appuntamenti ad iniziare dall'11 con Gianfranco Amato, presidente dei “Giuristi per la Vita” che esaminerà la teoria gender, per finire il 24 con De Carli, referente nazionale. Proprio quest'ultimo ha delineando le linee dalle quali sono scaturiti i candidati.

“Si tratta di persone di lunga militanza nel nostro partito – ha detto il delegato nazionale, nonché candidato nella stessa lista – che credono che la famiglia sia quella di Betlemme, ovvero padre, madre e figli e basta. Questi, come tutti i nostri militanti, non possono accettare che le nostre tradizioni giudaico - romane - cristiane vengano messe in discussione ed annullate. Provengono tutti dalla società civile, nessuno è un politico di professione, ma tutti sono accomunati della dottrina morale della chiesa e dei valori dell'occidente che vanno difesi, oppure fra qualche anno non saranno altro che ricordi”. “I nostri principi - conclude De Carli - non sono negoziabili. Dialogheremo con tutti e saremo aperti ad ogni formazione e non offriremo l'aiuto a chi li mette in crisi oppure rifiuteremo il nostro appoggio se nell'eventuale governo dove fossimo presenti si volesse modificarli”.

La lista dei candidati de Il Popolo della Famiglia

Massimo Pistoia (Cesena)
Marco Zani (Cesena)
Mirko De Carli
Sergio De Vita (Rimini)
Luca Campisi (Riccione)
Carla Camerani (Ravenna)
Stefano Gardini (Ravenna)
Carla Lodi (Forlì)
Jorik Bernardi (Faenza)
Sergio Aurelio Perrini (Rimini)
Gian Paolo Babini (Lugo)
Sara Gazzoni (Forlì)
Vittorio Melandri (Ravenna)
Mauro Turrini (Riolo Terme)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento