Cambiamo pungola il sindaco Lattuca: "In ogni decisione contorni nebulosi"

Attacca la lista civica: "In perfetta continuità con il passato, il sindaco Lattuca preferisce la propaganda al confronto, cercando miseramente di incolpare le minoranze per la sua totale incapacità di avviare un dialogo degno di tale nome"

"Il sindaco Enzo Lattuca sembra molto più impegnato nel dare lezioni di politica piuttosto che disegnare i contorni chiari della sua Amministrazione". La lista civica "Cambiamo" pungola il primo cittadino dopo il consiglio comunale di giovedì, dove tra gli argomenti da discutere c'erano anche due variazioni di bilancio. "Al loro interno c'erano provvedimenti condivisibili insieme a misure figlie di scelte sbagliate sia del passato che dell'attuale amministrazione - premettono da "Cambiamo" -. Primo fra tutti l'incasso da t-red drasticamente ridimensionato rispetto a quanto previsto a bilancio l'anno scorso, secondo una previsione sballata di raddoppio degli incassi che non sarebbe mai avvenuta dato anche il ritardo nell'installazione dell'opera, per cui il Covid ha segnato una tempestiva giustificazione. Ma questo non ha impedito l'installazione di ulteriori dispositivi di sanzione elettronica pur ammettendo che, nella lotta agli insoluti, la voce più difficile da recuperare è proprio quelle delle contravvenzioni. Il tutto per rendere poi fintamente gratuite le scuole dell'infanzia. Per non parlare  delle risorse destinate a ridurre il peso del mutuo conseguente alla liquidazione di 'Valore Città' e la scomoda vicenda 'Gessi', con ulteriori danni risarciti".

"Ma la cosa veramente inaccettabile è vedere risorse stanziate per progetti dei quali veniamo a conoscenza tramite la stampa, e solo a grandi linee - viene evidenziato -. Vediamo soldi stanziati per contributi alle imprese, ma non abbiamo la minima informazione su come si vogliano concretamente utilizzare Vediamo soldi stanziati per un progetto di rilancio del mercato ortofrutticolo, ma sappiamo solo quel poco che abbiamo letto sui giornali. Vediamo soldi stanziati per il progetto "un'altra stazione", ma anche qui siamo solo a dichiarazioni di massima con risorse destinate ad altri murales quando quelli già realizzati, al di là del gusto estetico, sembrano privi di un progetto d'insieme che renda dignitosa la riqualificazione. O i 25mila euro destinati all'acquisto di attrezzature per il futuro emporio solidale che lì dovrà sorgere ma di cui, nella bozza progettuale, manca ancora un piano finanziario di sostenibilità e di gestione".

"Infine, il sindaco ha la faccia tosta di dichiarare che le opposizioni sono poco attive nelle commissioni, quando invece chi spesso tace sono proprio i membri della maggioranza a differenza delle numerose sollecitazioni che giungono, anche per iscritto, dai gruppi di minoranza. Manca del tutto il senso della realtà ed il rispetto per il lavoro delle istituzioni, dimenticando che è difficile parlare di argomenti che si conoscono solo tramite articoli sulla stampa - concludono da "Cambiamo" -. La verità è un'altra: in perfetta continuità con il passato, il sindaco Lattuca preferisce la propaganda al confronto, cercando miseramente di incolpare le minoranze per la sua totale incapacità di avviare un dialogo degno di tale nome".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

Torna su
CesenaToday è in caricamento