rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Politica Cesenatico

Busto di Mussolini, il Pd attacca: "Ma quale operazione culturale"

Il segretario del pd e il capogruppo in consiglio comunale, Mario Drudi e Matteo Gozzoli: "si vuole attribuire valore artistico e culturale a dei busti che non hanno alcun valore artistico"

“Il 28 gennaio, ossia il giorno successivo alla giornata della memoria, è stata resa pubblica la delibera che, di fatto, ha sancito, che il sindaco Buda e la sua amministrazione un giorno commemorano la Giornata della Memoria e il giorno successivo riportano a Cesenatico il busto di Benito Mussolini e di Vittorio di Emanuele III promulgatori delle leggi razziali, questi sono i fatti”. La vedono così  a Cesenaticoil il segretario del pd e il capogruppo in consiglio comunale, Mario Drudi e Matteo Gozzoli

“Lo scorso 10 gennaio, infatti, la giunta comunale di Cesenatico ha approvato un contratto di comodato d’uso gratuito per la durata di 9 anni avete ad oggetto due busti bronzei raffiguranti rispettivamente Benito Mussolini e Vittorio Emanuele III, già appartenuti al dissolto Ospedale e Istituzioni Riunite (O.I.R.). (In realtà l’operazione costa 3.000 euro di assicurazione). “Bisogna sgombrare subito il tavolo da possibili equivoci –commenta  Drudi –  l’amministrazione Buda di sicuro risponderà che si tratta soltanto di un’operazione culturale, non cadiamo in questa trappola, si vuole attribuire valore artistico e culturale a dei busti che non hanno alcun valore artistico per cui non si capisce il reale motivo di questa operazione”.

Poi aggiunge: “Le recenti polemiche nazionali mi fanno dire che se sotto all’operazione c’è un tentativo di revisione della figura del Duce, il PD di Cesenatico si opporrà, non esistono un fascismo buono e uno cattivo dopo alle leggi razziali, il fascismo si è presentato subito con una faccia feroce: botte, pestaggi,discriminazioni e uccisioni sin dai primi momenti e per esempio l’uccisione di Matteotti avvenne nel 1924 e non nel 1943”.

Sul “fantomatico” valore culturale dell’operazione ritorna anche Gozzoli: “Cesenatico è una città che negli ultimi decenni ha fatto gran parte delle sue fortune rivalutando e riqualificando il proprio patrimonio storico e culturale dandogli anche una forte valenza turistica. Il Museo della Marineria, le Conserve, il porto canale leonardesco, casa Moretti, gli scavi archeologici nell'entroterra, l'antiquarium ecc. Riportare a Cesenatico un busto di Benito Mussolini e uno di Vittorio Emanuele III ha il sapore di un’operazione di revisionismo che va contro la storia di Cesenatico che fa male alla memoria di tanti nostri concittadini e che danneggia l’immagine della nostra città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Busto di Mussolini, il Pd attacca: "Ma quale operazione culturale"

CesenaToday è in caricamento