Politica

Bonaccini: "Tanta gente al mare e in montagna, ma dobbiamo essere prudenti"

"Prudenza perchè si riapre con una quota di rischio sempre minore, ma siccome una quota di rischio c'è, non vorrei trovarmi tra qualche settimana o mese a dover richiudere"

Gia' ieri in Emilia-Romagna "si vedeva tanta piu' gente in giro, al mare e in montagna, pur potendo circolare solo all'interno della regione". Lo dice il governatore Stefano Bonaccini, questa mattina ai microfoni di 'Centocitta'' su Radio1, alle prese da oggi con la riapertura dei confini regionali. "Oggi ci sono rischi molto piu' bassi di qualche mese fa- sottolinea Bonaccini- ora dobbiamo contare sui consigli di chi ha la competenza e la professionalita' per dirci se la curva epidemiologica e' al ribasso. E lo e', vediamo i numeri". Per questo, spiega il governatore, "si e' deciso insieme di riaprire il Paese. Dobbiamo pero' ricordare a tutti di mantenere i distanziamenti, garantire l'uso della mascherina e continuare ad avere prudenza perche' si riapre con una quota di rischio sempre minore, ma siccome una quota di rischio c'e', non vorrei trovarmi tra qualche settimana o mese a dover richiudere cio' che con tanti sacrifici abbiamo aperto". Ieri intanto "abbiamo avuto parecchia gente in giro, sia al mare sia in Appennino, dove si registra un boom di presenze", afferma Bonaccini, dicendosi "fiducioso che gli italiani trascorreranno le vacanze nel nostro Paese e che il turismo andra' meglio di quello che ci possiamo aspettare". (Agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonaccini: "Tanta gente al mare e in montagna, ma dobbiamo essere prudenti"

CesenaToday è in caricamento