Bagno, "La nostra sinistra": "Il Comune non ha il progetto per il centro storico"

"Chi ha letto i media locali nei giorni scorsi dovrebbe aver capito che il Comune di Bagno di Romagna ha ricevuto un altro contributo per la riqualificazione del centro storico di San Piero: 100.000 euro dal bando “Distretti 2015”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Chi ha letto i media locali nei giorni scorsi dovrebbe aver capito che il Comune di Bagno di Romagna ha ricevuto un altro contributo per la riqualificazione del centro storico di San Piero: 100.000 euro dal bando “Distretti 2015” della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. Dovrebbe, perché in effetti questa informazione è passata in secondo piano: come sempre infatti, i nostri Amministratori ci propinano il bicchiere mezzo vuoto e anziché annunciare una buona notizia cercano responsabilità altrui per celare le proprie incapacità di attuare un programma. 
 

Senza voler tornare ampiamente sul passato pensiamo solo che chi ha preceduto gli attuali Amministratori abbia portato a casa un buon risultato assicurandosi l’iniziale contributo regionale di 500,000 euro. Con la recente aggiunta del contributo della Fondazione infatti, l’ultimo sforzo ora tocca al Comune. Stando alle ultime dichiarazioni però, pare che i nostri Amministratori non riescano a reperire nel bilancio comunale i 150,000 euro necessari per dare il via ai lavori, ammesso e non concesso che il progetto esecutivo dell’opera di riqualificazione sia stato predisposto (cosa che a noi non risulta).
 

Ci chiediamo dunque se l’Amministrazione intenda realmente portare avanti questo progetto, visto che sono già state messe le mani avanti anche per il 2016. A causa dei vincoli stringenti del Patto di Stabilità infatti, anche laddove i fondi venissero reperiti nel bilancio dell’anno prossimo, è stato preannunciato che non potranno essere spesi. Sappiamo però che vi era un impegno della precedente Amministrazione Regionale per non far incidere questo investimento sul Patto (più precisamente sul saldo obiettivo) con un proprio intervento diretto, rivolto a tutti i Comuni impegnati nelle riqualificazioni e che sarebbe andato a sommarsi al contributo finanziario a fondo perduto già stanziato.

Forse varrebbe la pena lavorare per cercare di far mantenere questo impegno, così come sarebbe opportuno impegnarsi per realizzare qualche altro investimento visto che da oltre un anno a questa parte non si è visto un solo intervento in manutenzioni o lavori pubblici, anche su progetti già in parte finanziati come quello del centro storico appunto, quello della palestra di San Piero o di alcune strade di campagna. Con questo non vogliamo essere accusati di fare demagogia, perché certo la strada di questi progetti - seppur in parte finanziati - è in salita, ma governare è anche questo: districarsi tra i mille cavilli per cercare di portare avanti il proprio programma di mandato.

Ancora una volta, il tentativo a cui assistiamo è quello di gettare fumo negli occhi a chi legge, andando a scomodare addirittura la gestione del nostro Comune tra il 2002 e il 2006, più di dieci anni fa. Ci piacerebbe invece assistere a progetti che prendono forma e magari qualche cantiere avviato entro la fine di quest’anno, o perché no, ci piacerebbe conoscere lo stato del bilancio preventivo 2015 visto che, come dichiarava il nostro Sindaco nel novembre scorso l’intenzione era quella di “procedere alla approvazione del bilancio di previsione nella prima parte dell’anno solare - (ndr. addirittura si proponeva il 28 Febbraio 2015) - in modo da rendere chiare sin da subito le linee politiche e gli impegni che l’Amministrazione vorrà assumere nei confronti dei cittadini e fornire a questi ultimi i dati ed i parametri per permettere loro di organizzare i propri programmi privati, evitando la prassi in uso negli ultimi anni di arrivare ad una definizione delle previsioni a fine anno”.

La lista "La nostra sinistra" - Bagno di Romagna 

Torna su
CesenaToday è in caricamento