menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagno di Romagna, Sentiero degli Gnomi: "Quattro anni per la nuova gestione"

Durante lo stesso consiglio è stata, inoltre, approvata la sperimentazione di nuove modalità per la concessione di contributi a sostegno di iniziative culturali, turistiche e sportive

Sono state approvate durante il consiglio comunale di venerdì due delibere di ambito turistico. La prima riguarda la gestione del Sentiero degli Gnomi di Bagno di Romagna. “Al termine del contratto di gestione l’intenzione dell’Amministrazione è quella di procedere con un nuovo affidamento, della durata di quattro anni - afferma il vicesindaco Alessia Rossi - per questo il passaggio in consiglio comunale: il Consiglio ha approvato l’impegno di spesa pluriennale, nel nuovo bando sarà infatti previsto un contributo annuo di 2.725 euro per la gestione del Sentiero".

"Si tratta di un importo pari a circa la metà del contributo dovuto nel precedente affidamento, in questo modo, da una parte si riduce la spesa a carico del Comune e dall’altra si chiede al gestore stesso impegno e capacità nel promuovere visite guidate ed altre iniziative legate al sentiero, anche per il perseguimento dell'equilibrio economico della gestione - aggiunge -. Dopo questo passaggio sarà la Giunta a procedere con la definizione degli indirizzi per la gara di affidamento, la quale avverrà prioritariamente attraverso il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione, facendo salva la possibilità di procedere con procedure di gara tradizionali qualora sul Mercato Elettronico non vi fosse un numero adeguato di soggetti qualificati ed il criterio di aggiudicazione sarà quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Gli interessati saranno, quindi, chiamati a presentare un progetto di gestione dell’area che verrà valutato da una commissione esterna sulla base dei criteri espressi dalla Giunta".

“Tra i criteri di valutazione dei progetti - conclude Rossi - avranno un peso importante la coerenza narrativa con le specifiche dell’area, la proposta artistica che si intende realizzare, inclusi fattibilità, numero e tipologia delle rappresentazioni, l’integrazione con le altre risorse turistiche del territorio comunale, indicazioni di miglioramento dell'area in gestione, il piano di comunicazione e di promozione del Sentiero ed, infine, verranno introdotti alcuni elementi di valutazione di customer satisfaction, (soddisfazione del consumatore) in modo da poter avere un riscontro diretto di quella che è la percezione dei fruitori del Sentiero e quindi poter implementare e migliorare il servizio.”

Durante lo stesso consiglio è stata, inoltre, approvata la sperimentazione di nuove modalità per la concessione di contributi a sostegno di iniziative culturali, turistiche e sportive. “Questa sperimentazione - afferma il vicesindaco - nasce dall’esigenza di riorganizzare l’erogazione di contributi per eventi e manifestazioni, dato che il regolamento vigente risale agli Anni 90 e si basa sulla totale discrezionalità della Giunta. In Consiglio è stata autorizzata questa sperimentazione per il 2015, dando così modo alla Giunta di definire i dettagli ed aprire una procedura ad evidenza pubblica per la raccolta dei progetti. Questo vuole essere un primo passo verso l’elaborazione di un regolamento comunale che disciplini in maniera più strutturata ed organica la concessione di patrocinio, agevolazioni economiche e contributi finanziari.
Gli obiettivi principali consistono nella volontà di introdurre meccanismi trasparenti e strutturati per l’allocazione delle risorse (che dopo l’introduzione dell’Imposta di Soggiorno raggiungono cifre considerevoli), attraverso l’utilizzo di una commissione esterna per la valutazione delle istanze e nell’ individuazione di formule premianti per i soggetti proponenti che sono in grado di curare una programmazione culturale ed economica di lungo periodo".

"In più, questo vuole anche essere uno strumento con il quale esprimere l’indirizzo dell’Amministrazione, incanalato nei criteri di valutazione presenti all’interno del bando. Questi criteri rispondono in primo luogo all’esigenza di definire fortemente il nostro territorio, valorizzandone le peculiarità: storia, cultura, tradizioni e marchi di qualità che ci contraddistinguono (la tradizione termale, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, la Strada dei Vini e dei Sapori) - chiosa -. Inoltre, gli stessi criteri fungono anche da stimolo per gli attori del territorio: stimolo a rafforzare le sinergie esistenti o a sperimentarne di nuove, andando a premiare coloro che sapranno distinguersi per le collaborazioni attivate, sia locali che esterne; stimolo ad introdurre elementi di innovazione nel campo della promozione e comunicazione ed infine, verranno premiati anche coloro che sapranno inserire i propri progetti all’interno di linee guida tematiche scaturite dal confronto tra Amministrazione ed operatori, per far sì che tutto il territorio comunale possa presentarsi in maniera aggregata ed essere quindi più forte nella propria promozione verso l’esterno. Questo non vuole, ovviamente, reprimere lo spirito di iniziativa, l’originalità degli attori in campo, ma con questo esperimento” conclude la Vicesindaco “vogliamo cercare di strutturare la nostra offerta, attraverso una programmazione di lungo periodo ed una valorizzazione condivisa del nostro territorio, coinvolgendo tutti gli operatori e gli attori locali e potenziando la nostra attrattività”.   
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento