Bagno di Romagna, i sindacati promuovono Baccini: "Bene sul bilancio 2015"

"Il confronto - annunciano Cgil, Cisl e Uil - proseguirà nelle prossime settimane, in attesa dei provvedimenti legislativi nazionali che dovranno chiarire il quadro relativo alla tassazione locale che ogni Comune potrà utilizzare per definire in modo compiuto il proprio bilancio preventivo 2015".

Il sindaco Marco Baccini apre ad un confronto sulle scelte di bilancio per il prossimo anno con i sindacati. Lo rendono noto Cgil, Cisl e Uil di Cesena, evidenziando come il dibattito con l’amministrazione comunale di Bagno di Romagna sul progetto di bilancio preventivo del 2015 sia "iniziato nel migliore dei modi". I sindacati ricordano come "altrettanto bene si era conclusa la frenetica discussione sul bilancio 2014, avvenuta in una situazione drammatica per le casse del Comune, ma con la disponibilità dell’amministrazione a modificare, in corso d’opera, la delibera sulla Tasi introducendo, su richiesta delle organizzazioni sindacali, detrazioni a favore delle abitazioni con rendite catastali più basse".

Durante questo primo incontro, Cgil, Cisl e Uil hanno avanzato proposte in merito "all’esigenza di abbassare la tassazione locale, impostare le scelte  relative a tassazione e tariffe con maggiore equità sociale attraverso la progressività delle aliquote e l’utilizzo dello strumento dell’Isee che dal 1 gennaio prossimo verrà ulteriormente migliorato". Hanno inoltre sottolineato "l’esigenza di prestare particolare attenzione agli interventi sul sociale, fondamentali per il supporto alle famiglie in difficoltà, in questa fase di profonda crisi economica che sta interessando anche il territorio della Valle del Savio".

Specifici interventi sono stati proposti anche relativamente alla lotta all’evasione fiscale che, attraverso la convenzione con l’agenzia delle entrate, può portare considerevoli risorse alle cassa comunali, e all’introduzione di agevolazioni per i locali “slot machine free”, come già avvenuto in altre realtà. Infine i sindacati hanno apprezzato l’intervento del sindaco, congiuntamente ai colleghi dell’Unione Valle Savio, a difesa dei Patronati “minacciati” da una drastico taglio delle risorse contenuto nella legge di stabilità in discussione in questi giorni alla Camera dei Deputati.

I sindaci, attraverso una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Matteo Renzi, hanno sottolineato l’importanza dell’attività svolte dai Patronati gratuitamente a favore dei cittadini, in particolare nei territori decentrati e privati da anni della presenza di presidi delle istituzioni pubbliche. "Il confronto - annunciano Cgil, Cisl e Uil - proseguirà nelle prossime settimane, in attesa dei provvedimenti legislativi nazionali che dovranno chiarire il quadro relativo alla tassazione locale che ogni Comune potrà utilizzare per definire in modo compiuto il proprio bilancio preventivo 2015".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento