Bagno di Romagna, "Baccini sindaco o commissario?"

"Ci chiediamo per quale motivo si continuano a tartassare le nostre famiglie, molte delle quali faticano ad arrivare alla fine del mese?"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"Risolto e archiviato il problema "commissariamento" legato al mancato rispetto del Patto di Stabilità, incassato il cospicuo contributo della Regione Emilia Romagna, che permetterà molto facilmente di rispettare il patto di stabilità nel 2014 per l'abbattimento del Patto 2014, questo è quanto ci troviamo a constatare dopo quasi sette mesi di attività della nuova Amministrazione: incremento ai massimi livelli dell'addizionale IRPEF; aliquote TASI portate al massimo; aumento della retta dell'asilo nido; trasporti scolastici a pagamento; inserimento della tassa di soggiorno; aumento delle tariffe di macellazione; controlli autovelox che improvvisamente sono passati dalla E-45 alle vie del paese; nuovi parcheggi di prossima apertura vicino alle Poste (area palestra comunale) da gratuiti…a pagamento!

Nel bilancio comunale si trovano ad oggi soldi in avanzo ancora non evidenziati. Constatiamo invece che si sta andando oltre la mera logica contabile dell'innalzamento delle tasse e del taglio ai servizi, seguendo un preciso disegno politico. Il commissario avrebbe chiesto sicuramente minori sacrifici ai nostri cittadini. Le azioni del buon amministrare si dovrebbero concentrare sulla capacità di offrire servizi mantenendo un'imposizione fiscale ragionevole, senza gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini che già sono travolti da una pesante crisi economica e sociale. Alla luce di queste considerazioni ci chiediamo per quale motivo si continuano a tartassare le nostre famiglie, molte delle quali faticano ad arrivare alla fine del mese?"

La nostra Sinistra

Torna su
CesenaToday è in caricamento