Ausl Romagna, Morrone: "Schizzano le spese sanitarie per richiedenti asilo"

Il segretario della Lega Nord Romagna, Jacopo Morrone, rende noto i costi sostenuti dall’Ausl di Romagna per erogare le prestazioni sanitarie gratuite agli immigrati ospiti nelle strutture di accoglienza del territorio

"464mila euro spesi solo nel primo semestre del 2017". Il segretario della Lega Nord Romagna, Jacopo Morrone, rende noto i costi sostenuti dall’Ausl di Romagna per erogare le prestazioni sanitarie gratuite agli immigrati ospiti nelle strutture di accoglienza del territorio. "In un quadro complessivo emiliano romagnolo, nel periodo 2014 - primo semestre del 2017 le Ausl della Regione si sono sobbarcate costi per complessivi 8.382.000 euro", afferma Morrone.

Morrone le definisce "cifre da capogiro, che a livello romagnolo, sono quadruplicate per un totale di 1.110.403,00 euro (dati riferiti sempre al periodo 2014 – primo semestre 2017). Una vera e propria zavorra in costante aumento. Se nel 2014 infatti sono stati spesi complessivamente 99.364 euro, nel 2015 si parla di 221.484 euro, nel 2016 si sale ancora fino a toccare quota 325.478 euroe da gennaio a giugno 2017 si taglia il traguardo dei 464mila euro".

"Certo sarebbe interessante sapere di che tipo di prestazioni sanitarie si tratti, anche perché - conclude Morrone - a tutto c’è un limite e la copertura di questi costi da parte di un’azienda sanitaria come quella romagnola si fa sentire. Non è possibile continuare a scaricare sui nostri cittadini costi di questo tipo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento