Chi ha tradito il Pd? Chi ha mandato alle stelle Lega e M5S? L'analisi sui flussi di voto

A rispondere a tutte queste domande è una dettagliata analisi elaborata dall'Istituto Ixè per il Gruppo Citynews, a cui CesenaToday appartiene

Chi sono gli elettori che hanno permesso al Movimento 5 Stelle di fare il “pieno elettorale” anche nella regione rossa per eccellenza? Verso quali partiti sono fuggiti gli elettori di centro-sinistra che hanno decretato la disfatta del Partito Democratico? Ed ancora: cos'è che ha reso più forte il centro-destra in Emilia-Romagna? A rispondere a tutte queste domande è una dettagliata analisi elaborata dall'Istituto Ixè per il Gruppo Citynews, a cui CesenaToday appartiene

Analizzando i cosiddetti “flussi di voto” in Emilia-Romagna il quadro che emerge è abbastanza chiaro e in un qualche modo sfata l'idea che potrebbe sorgere di primo acchito, vale a dire che gli elettori di centro-sinistra si sono riversati in massa nel movimento fondato da Beppe Grillo. E' un fenomeno che si è verificato, ma non così massicciamente. 

La disfatta del Pd: gli elettori hanno scelto Lega

Partiamo proprio dalla disfatta del Pd, che è l'argomento più in voga del dopo voto del 4 marzo. Dall'analisi dell'Istituto Ixè per Citynews emerge che in Emilia-Romagna il 56% di coloro che votarono Pd alle Politiche 2013 hanno riconfermato la loro scelta domenica scorsa. Quasi la metà quindi, ha cambiato idea. Per andare dove? Al netto dell'astensione (che è stata del 14%  del precedente elettorato del Pd), il primo rivolo è andato a “rimpolpare” la Lega Nord (ha fatto questa scelta l'8,2% degli ex elettori Pd), il secondo il M5S (scelto dal 7,2% di chi nel 2013 aveva votato Pd) ed infine Liberi e Uguali su cui è transitato il 5,9% degli ex elettori dem).

La Romagna svolta a destra: capoluoghi a confronto

M5S primo partito, perché?

Il Movimento 5 Stelle in Emilia-Romagna è cresciuto per una combinazione di fattori. Anzitutto, almeno vedere l'indagine dell'Istituto Ixè per la nostra regione, non è vero che il M5S ha mantenuto lo stesso elettorato che aveva ottenuto nel 2013. Il 60% di questo infatti ha rimesso la 'x' sul M5S cinque anni dopo, ma il 40% ha abbandonato i pentastellati, vale a dire un “tasso di abbandono” molto simile a quello del Pd. Verso chi? L'astensione, ancora una volta, per il 13,6% dell'ex elettorato M5S ma soprattutto verso la Lega Nord (17,3% degli elettori del M5S del 2013 in Emilia-Romagna hanno fatto questa scelta). Da parte sua la Lega non “restituisce” altrettanto: solo il 9,3% del suo ex elettorato confluisce nel M5S. L'interscambio tra queste due formazioni politiche è l'unica variabile apprezzabile per entrambe, essendo invece entrambe “impermeabili” a flussi in uscita verso Pd e Forza Italia. Chi ha ingrossato, dunque, le fila del M5S? Sicuramente il Pd, come detto sopra, in modo significativo l'area a sinistra del Pd (l'ex Sel dona il 14% del suo elettorato di cinque anni fa, ma anche l'area della destra sociale (Fratelli d'Italia “dona” al M5S il 15,4% del suo ex elettorato). Ma è stata l'area centrista a rafforzare grandemente i grillini: la metà (il 49,6%) di coloro che nel 2013 scelsero il progetto politico centrista di Mario Monti, Scelta Civica, confluiscono nel M5S (un altro 25% di questo elettorato non più rappresentato ha disertato le urne, vale a dire il tasso di astensione più alto). Infine il M5S pesca il suo nuovo elettorato dall'area dell'astensione (il 17,7% di coloro che non votarono nel 2013 in Emilia-Romagna, e quindi con un saldo positivo rispetto all' "uscita" verso il non-voto).

La Lega è il vero vincitore in Emilia-Romagna, ecco perché

Si parla di vittoria del centro-destra, ma in Emilia-Romagna, dati dell'Istituto Ixé per Citynews alla mano, la vittoria è della Lega. Il Carroccio è il partito che è riuscito a tenersi stretti tutti i suoi precedenti elettori del 2013 (in realtà numericamente parlando erano molto pochi, per esempio rispetto al M5S, e quindi è più facile tenersi stretto il proprio elettorato “fedelissimo”). L'82,4% di chi voto Lega nel 2013 ha riconfermato la sua scelta. Poi la Lega (non più Nord) ha preso un po' da tutti, senza dare niente a nessuno, tranne che qualcosa ai grillini: i suoi principali “donatori” in Emilia-Romagna sono, nell'ordine Forza Italia (36,4% dell'elettorato berlusconiano del 2013), Fratelli d'Italia (il 21,7% dell'elettorato del 2013), M5S (17,3% dell'elettorato 2013), Pd (8,2% degli elettori 2013). Infine la Lega ha preso anche dall'area dell'astensione (il 7,8%). A tutte queste formazioni dalla Lega sono travasate solo briciole: il 3% dell'ex elettorato leghista ha scelto Forza Italia, l'1,8%  ha scelto Fratelli d'Italia, il 9,3% ha abbandonato il Carroccio per il M5S, zero percento verso il Pd , mentre infine solo 1,9% del vecchio elettorato leghista del 2013 ha scelto di non votare.

Cesena senza parlamentari, chi sono gli 11 eletti in Romagna

Le classi d'età: M5S per i giovani, Pd e FI per gli anziani, l'astensione e Lega a mezza età

L'indagine dell'Istituto Ixè per Citynews dà un'inequivocabile lettura per le classi d'età. Il M5S ottiene grandi numeri tra i giovani: 37% tra i 18-24 anni, il 46% tra i 25 e i 34 anni, il 45% tra i 25 e i 44 anni, il 27% tra i 55 e i 64 anni, il 18% tra i 55 e i 64 anni e appena l'11% negli over 65. La Lega, invece, fa il pieno nella mezza età: ha il 15% tra i 18 e i 24 anni, il 18% nella fascia 25-34, il 16% nella fascia 35-44 e poi esplode al 34% tra i 45 e i 55 anni, andando al 25% tra i 55 e i 64 anni, calando di nuovo al 18% tra gli over 65. Il Pd ha molto del suo elettorato tra i più vecchi: ha il 15% tra i neo-votanti, tra il 14% e il 18% tra 25 e i 55 anni, vale a dire quanto la Lega, poi cresce notevolmente dopo i 55 anni andando al 30% e addirittura al 45% negli over 65. Forza Italia in Emilia-Romagna è praticamente scelto solo da over 45 anni, prima di fatto è inesistente, poi va all'8% tra i 45 e i 54 anni, per poi assestarsi al 16-18% dell'elettorato sopra i 55 anni. Per quanto riguarda infine Liberi e Uguali, questo pesca trasversalmente su tutte le fasce d'età, con qualcosa in più tra i neo-votanti, ma crolla totalmente a picco nella fascia intermedia tra i 45 e i 54 anni (appena l'1,9% dell'elettorato. Infine l'astensione: è un fenomeno particolarmente diffuso tra i giovani 18-24 anni (uno su quattro non è andato a votare), probabilmente per disinteresse, e tra i 45 e i 54 anni, forse per disillusione (30% di astensione), dopo queste due fasi della vita di disaffezione al voto si torna in parte alle urne. La fascia tra i 25 e i 34 anni è la più partecipe al voto (14% di astensione)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se si guarda al genere sono partiti più “femminili” Leu, Pd, M5S e Forza Italia, sono più “maschili” Lega, Fratelli d'Italia e le formazioni politiche più piccole ed estreme, sia a destra che a sinistra. Il non voto in Emilia-Romagna è più forte tra le donne (25%), rispetto che tra gli uomini (17%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • Drammatico scontro tra uno scooter e un camion, perdono la vita padre e figlia

  • La tragedia sullo scooter, l'amore per la figlia e la passione per il Maggiolino: "Donato era solare e allegro"

  • Violento scontro all'incrocio tra auto e moto, il motociclista è in Rianimazione

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

Torna su
CesenaToday è in caricamento