rotate-mobile
Politica

Ambiente e rifiuti, per la Lega tanti aspetti da chiarire: "Dagli spazzini di quartiere al censimento 'Carta Smeraldo', all'efficacia di Ecoself"

“Non si contano le segnalazioni pervenute sulla scarsa pulizia della città che abbiamo tradotto in interrogativi alla Giunta rimasti inascoltati"

 “Il tema non è nuovo: servizi di pulizia della città e raccolta rifiuti. Molte questioni non chiarite e nuovi interrogativi. Di qui, la presentazione di un’interrogazione alla Giunta comunale. Una ventina di domande su diversi argomenti: per capire le ragioni di un ‘censimento’ in centro storico promosso da Hera, Agenzia Servizi idrici e rifiuti e Comune di Cesena, perché sia meglio illustrato il nuovo servizio degli ‘spazzini di quartiere’ e soprattutto per confrontare i costi e l’efficacia del sistema di raccolta rifiuti ‘Ecoself’ rispetto al precedente mediante cassonetti”. Così in una nota la consigliera del Gruppo Lega Antonella Celletti.

“Non si contano le segnalazioni pervenute sulla scarsa pulizia della città che abbiamo tradotto in interrogativi alla Giunta rimasti inascoltati. Improvvisamente, il 6 settembre scorso, è arrivata la notizia di un nuovo servizio che dovrebbe partire fra due giorni, nel mese di ottobre. Si tratta dell’operazione ‘spazzini di quartiere’: quattro operatori ecologici per l’intera area urbana (12 quartieri) a cui spetterebbe ‘pulire aree critiche, effettuare sopralluoghi in prossimità di incroci, rotonde, fossi e zone particolarmente popolate, raccogliere rifiuti abbandonati e segnalare la presenza degli ingombranti’. Insomma, svolgere il lavoro che l’attuale gestione dei servizi di pulitura e raccolta rifiuti sembra non essere in grado di fare".

"Un’iniziativa che appare più propagandistica che altro e che solleva non poche perplessità: chi ne cura la gestione, quanto costa, esiste già una pianificazione delle presenze degli ‘spazzini’ sul territorio, come sono stati individuati gli operatori ecologici e da chi sono stati assunti. Ma al di là dei chiarimenti operativi, l’immediata conseguenza dell’operazione ‘spazzini di quartiere’ è la certificazione delle attuali carenze del servizio di raccolta rifiuti e pulizia della città. Quali iniziative intende assumere la Giunta a questo proposito nei confronti dell’attuale gestore? C’è poi un’altra novità su cui la Giunta dovrà fornire chiarimenti. Nei giorni scorsi nelle buchette della posta dei residenti del centro storico è stato inserito un foglio con oggetto ‘censimento Carta Smeraldo (la tessera Hera per i servizi ambientali)’. Nel foglio si legge che ‘operatori Hera si recheranno presso le abitazioni per verificare i codici delle tessere e abbinarle all’utenza Tari’ e che ‘alla fine della verifica è richiesta la firma dell’intestatario del contratto Tari o di un suo delegato’. Nessun chiarimento sulle motivazioni del censimento, né se sia obbligatorio rispondere e, in quel caso, sulla base di quali norme, ma soprattutto non si chiarisce quali finalità si configurino nell’abbinamento delle tessere all’utenza Tari solo per i possessori della Carta Smeraldo, di solito utenti di Ecoself (nonostante il censimento sia allargato anche a utenti non dotati di Carta Smeraldo). Un trattamento poco trasparente e chiaro da parte di chi dovrebbe offrire servizi efficienti ed efficaci ai contribuenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiente e rifiuti, per la Lega tanti aspetti da chiarire: "Dagli spazzini di quartiere al censimento 'Carta Smeraldo', all'efficacia di Ecoself"

CesenaToday è in caricamento