Alluvione nel riminese, Famiglini (Pli): "Un monito per Cesenatico"

Sarebbe auspicabile che quanto accaduto nella vicina città di Rimini diventasse uno sprone per i nostri amministratori affinché questi non rischino di cullarsi negli allori rappresentati da una rete di scolo che purtroppo appare in parte inaffidabile.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

La scorsa settimana Rimini è stata colpita da un fenomeno meteorologico di portata eccezionale che ha letteralmente riversato sulla città una bomba d'acqua di proporzioni immani trasformando le strade in torrenti e causando, oltre a decine e decine di allagamenti ovunque, danni ingenti e la morte di due persone. Al di la della dimensione storica dell'evento che ha colpito il riminese, la probabilità che fenomeni di questo tipo, anche se di minor intensità, colpiscano il nostro territorio non è affatto trascurabile ma anzi tali calamità possono essere ritenute quali concause di allagamenti occorsi anche nel recente passato del nostro paese. In tal senso sarebbe pertanto bene ricordare che il territorio comunale, nonostante la realizzazione del muretto anti-esondazione posto lungo la via Cesenatico, non può ancora dirsi in piena sicurezza idraulica. Potremmo domandarci, ad esempio, cosa sarebbe successo se il terribile nubifragio che ha colpito Rimini la settimana scorsa fosse accaduto a Cesenatico in concomitanza con la chiusura dello sbarramento del ponte del Gatto.

Il by-pass di Zadina sarebbe riuscito a tenerci tutti all'asciutto e a conservare una adeguata salubrità ambientale lungo le acque prospicienti la costa? Il sistema fognario, ove presente, ed il relativo impianto di depurazione sarebbero stati in grado di far fronte in maniera consona alla situazione sia sul tessuto urbano che sul sistema di drenaggio locale? Purtroppo, secondo quanto ci risulta, l'amministrazione comunale, pur essendo informata sulle preoccupanti problematiche relative al nostro sistema di scolo, non ha finora dimostrato di condividere pienamente l'urgenza con la quale porre in essere quelle opere che servirebbero per mettere in piena sicurezza idraulica il territorio di Cesenatico. Sarebbe pertanto auspicabile che quanto accaduto nella vicina città di Rimini diventasse uno sprone per i nostri amministratori affinché questi non rischino di cullarsi negli allori rappresentati da una rete di scolo che purtroppo appare in parte inaffidabile.

Axel Famiglini
Segretario comunale del P.L.I. Cesenatico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento