Agricoltura, Italia Viva: "Virus e gelate, serve lo stato di calamità naturale per le aziende"

"Le coltivazioni più colpite sono state quelle tipiche della nostra zona - afferma il coordinatore di Italia Viva, Tommaso Pirini -: albicocco, pesco, kiwi e susino"

Accanto alla grave crisi nazionale dovuta agli effetti del Coronavirus, se ne è affiancata ultimamente un'altra che riguarda il settore frutticolo Emiliano-Romagnolo; a partire da fine marzo, e fino alla mattina del 3 aprile, si sono succeduti almeno 4 fenomeni di abbassamenti di temperatura molto prolungati, con punte di -6°C in vaste aree, che hanno determinato danni ingenti al nostro settore frutticolo. In concomitanza con un inverno mite, infatti le temperature medie di gennaio e febbraio sono state di parecchio al di sopra delle medie storiche, le piante erano in fase fenologica molto avanzata, per cui sono risultate soggette a danni sulla produzione.

"Le coltivazioni più colpite sono state quelle tipiche della nostra zona - afferma il coordinatore di Italia Viva, Tommaso Pirini -: albicocco, pesco, kiwi e susino. Con azzeramenti totali delle produzioni in molte aziende. Le prime stime danno una percentuale di perdita media di prodotto che va da una soglia minima del 70%, con punte del 100%".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per questo motivo - aggiunge -, a fronte di un evento di portata tale che è comparabile soltanto a quanto avvenuto nel lontano 1997, Italia Viva Cesena ritiene opportuno fare richiesta dello stato di calamità naturale per far fronte a questo momento di particolare difficoltà, pena la perdita di molte aziende, oggi nel pieno di una crisi agricola strutturale. Chiediamo un intervento rapido al Governo e alla Regione in supporto delle aziende del territorio e ci siamo attivati in questo senso anche attraverso i nostri rappresentanti in parlamento per dare forza a questa richiesta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due anni di scavi per far emergere un pezzo di storia, anche il campo militare che ospitò Cesare

  • Lavori completati, riapre il supermercato: 700 metri quadrati, darà lavoro a 19 persone

  • Positiva una bambina di prima elementare, in quarantena 19 alunni

  • Coronavirus, nuovo caso a Bagno di Romagna: tamponi per i contatti stretti

  • Col monopattino elettrico in autostrada, scusa incredibile del ragazzo

  • L'evoluzione del virus, torna a muoversi il numero dei positivi nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento