Il problema della cattiva educazione di qualche cittadino sulla gestione dello smaltimento dei rifiuti

"Dopo diversi solleciti in merito ho cominciato a monitorare la situazione smaltimento rifiuti documentando il tutto con fotografie, subito dopo qualche giorno mi sono reso conto che il problema non era da sottovalutare"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

"Dopo diversi solleciti in merito ho cominciato a monitorare la situazione smaltimento rifiuti documentando il tutto con fotografie, subito dopo qualche giorno mi sono reso conto che il problema non era da sottovalutare e ho deciso di formulare un'interpellanza da sottoporre in consiglio comunale, chiedendo l'istituzione di una campagna informativa, al fine di sensibilizzare la cittadinanza sulle corrette norme di comportamento per il conferimento dei rifiuti e per porre un freno all'abbandono fuori dai cassonetti.

L’abbandono dei rifiuti è un cattivo comportamento purtroppo sempre più diffuso, con forti ripercussioni sul territorio e sulla nostra società, pertanto ritengo doveroso intervenire con tutti i mezzi necessari per emarginare il fenomeno. L’abbandono dei rifiuti costituisce un illecito punibile con una sanzione sino a 3.000 euro. Tale comportamento causa degrado sociale del territorio, provoca un aumento deicosti per la rimozione degli stessi ed infine deturpa il territorio. Negli ultimi anni si sono implementate le dotazioni del nostro Comune per il conferimento dei rifiuti, aumentando il numero dei cassonetti ed installando anche delle colonnine per lo smaltimento degli oli alimentari usati.

In questi ultimi tempi nel nostro territorio ed anche in quelli limitrofi si assiste sempre più spesso a fenomeni di abbandono di rifiuti al di fuori degli appositi cassonetti. È un vero e proprio esempio di inciviltà e di menefreghismo, messo in atto da chi non si accorge di danneggiare, oltre che l’ambiente ed il proprio Comune, anche se stesso, perché le spese per le rimozioni dei rifiuti ricadono, inevitabilmente, su tutta la Comunità. Le segnalazioni di tanti cittadini che, al contrario di chi abbandona, dimostrano di amare veramente l’ambiente e Gambettola, devono spingere l'Amministrazione Comunale ad intervenire con una campagna volta ad informare ed a responsabilizzare le persone. Tale piaga sociale si può vincere solo collaborando tutti insieme, Amministrazione Comunale, cittadini ed ente gestore dei rifiuti, ognuno nel rispetto del proprio ruolo.

Il nostro Paese è dotato di tutti gli strumenti per  poter smaltire i rifiuti anche in raccolta differenziata, soprattutto con l'aiuto di una stazione ecologica, luogo a disposizione di tutti i cittadini, in cui possono essere raccolte diverse tipologie di rifiuti. Le stazioni Ecologiche integrano le raccolte stradali o domiciliari e rappresentano l’opzione ambientale più sostenibile e di minore impatto per la raccolta dei rifiuti urbani, dove il cittadino può conferire “gratuitamente” tutti quei rifiuti urbani che, per tipologia, peso e dimensioni non possono essere raccolti con il servizio ordinario. Molti cittadini probabilmente non conoscono le modalità per lo smaltimento dei rifiuti
cosiddetti ingombranti quali televisori, frigoriferi, divani ecc, e forse non sono a conoscenza dall'isola ecologica presente sul territorio di Gambettola.

Il degrado prodotto dagli abbandoni di rifiuti, si può combattere solo lavorando tutti insieme con buonsenso: Comune, ente gestore dei rifiuti e cittadini. È fondamentale il contributo della cittadinanza, che deve segnalare i fenomeni di abbandono a cui assiste, perché solo cogliendo in flagranza i responsabili è possibile sanzionarli. Gambettola non può più tollerare che alcune zone del suo territorio vengano usate come “cassonetto a cielo aperto. Per arginare il problema e per informare i cittadini si potrebbe realizzare un progetto informativo dinamico, semplice e diretto, come volantini informativi casa per casa che spiegano cosa il Comune ha fatto e cosa intende fare in futuro
per risolvere il problema degli abbandoni, come si devono conferire in modo corretto i rifiuti, ed infine cosa fare se si assiste a fenomeni di abbandono, quindi chiedo al Sindaco e alla sua giunta se ritengono opportuno intervenire ad arginare il fenomeno dell'abbandono dei
rifiuti; se ritengono necessario coordinare una campagna informativa sulla gestione dello smaltimento rifiuti; coinvolgendo attivamente la cittadinanza, nonché le scuole, quale strumento d'insegnamento per le nuove generazioni, al fine di formare adulti consapevoli; se ritengono necessario monitorare le zone più predisposte e più colpite dall'abbandono rifiuti al fine di poter sanzionare i colpevoli".

Torna su
CesenaToday è in caricamento