Martedì, 28 Settembre 2021
Partner Borghi

Sanità, via libera alla legge sulla responsabilità medica: "Più tutele e garanzie per pazienti e professionisti"

La legge interviene sulle tutele dei professionisti aumentandole, aggiungendo nuovi meccanismi a garanzia del diritto al risarcimento da parte dei cittadini danneggiati da un errore sanitario

Dopo oltre un decennio di attesa, è definitivamente approvata la legge sulla responsabilità professionale e la sicurezza delle cure. Si tratta di un provvedimento atteso ormai da ben oltre un decennio da parte degli operatori della sanità. "Un provvedimento che dà una risposta alle esigenze dei cittadini, a quelle degli operatori sanitari e più in generale alla sanità pubblica con un impatto positivo anche per i nostri territori - afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio - attraverso il potenziamento del monitoraggio, una migliore gestione del rischio clinico, la riduzione della medicina difensiva che spesso non fa bene al paziente e appesantisce di costi inutili il sistema". 

La legge interviene sulle tutele dei professionisti aumentandole, aggiungendo nuovi meccanismi a garanzia del diritto al risarcimento da parte dei cittadini danneggiati da un errore sanitario. "Negli anni passati - commenta Di Maio - una legislazione frastagliata e poco chiara lasciava spazio a troppi margini di interpretazione in sede giudiziale togliendo, così, la necessaria serenità ai professionisti sanitari, indotti a fare in molti casi un uso massiccio della medicina difensiva con il conseguente aggravio di costi sul bilancio pubblico". Dunque le norme approvate consentono di regolare meglio l'attività di gestione del rischio sanitario, prevedendo che tutte le strutture attivino un'adeguata funzione di monitoraggio, prevenzione e gestione del rischio (risk management). 

La legge ha inoltre modificato la responsabilità penale e civile per gli esercenti la professione sanitaria. E ancora, nel testo si fa riferimento all'obbligo per tutte le strutture sanitarie pubbliche e private di essere provviste di una copertura assicurativa, e si ribadisce l'obbligatorieta' dell'assicurazione per tutti i liberi professionisti.  A tutela dei pazienti, invece, vengono introdotte nuove misure come quella riguardante la trasparenza dei dati: le strutture sanitarie saranno tenute a fornire ai pazienti la documentazione clinica da loro richiesta entro 7 giorni. Verrà infine istituito un Fondo di garanzia per il rimborso dei danni derivati da responsabilità sanitaria. 

"Nelle prossime settimane organizzeremo in Romagna un incontro pubblico allo scopo di presentare a professionisti e cittadini i contenuti del provvedimento - conclude Di Maio - che rappresenta un importante cambio di passo per il sistema sanitario e per la vita delle persone".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, via libera alla legge sulla responsabilità medica: "Più tutele e garanzie per pazienti e professionisti"

CesenaToday è in caricamento