Venerdì, 6 Agosto 2021
Partner

PagoPA: a Cesena i ticket sanitari si pagano in farmacia

Passato, presente e futuro convivono in farmacia con il servizio Connect che permette di pagare i ticket sanitari tramite il servizio pagoPA

Il farmacista è una delle figure che più di altre sono riuscite a resistere agli anni e ai secoli che passano. Quando si pensa a questa figura oggi, si pensa subito a un professionista che dispensa consigli e che ascolta con attenzione i clienti che si rivolgono a lui, un tratto distintivo che deriva direttamente dal passato, quando si occupava in larga misura della preparazione di persona dei farmaci.

L'evoluzione dei farmacisti

Nell’800 il farmacista veniva chiamato anche “speziale”: in quel periodo utilizzava spezie ed erbe medicinali e da questi ingredienti naturali ricavava i principi attivi. Il rispetto nei suoi confronti è aumentato progressivamente all’inizio del XX secolo grazie alle preparazioni galeniche (il medicinale viene prodotto in laboratorio a seconda delle esigenze) applicate alla cosmetica oppure alla cura di patologie minori. Il ruolo centrale di questi laboratori è venuto meno dopo la prima guerra mondiale a causa delle produzioni industriali che sono andate a sostituire i medicinali preparati direttamente dai farmacisti.

Da quel momento, le farmacie galeniche sono diventate molto rare e solamente negli ultimi trent’anni l’interesse nei loro confronti si è rinnovato. Questa tradizione storica era ed è ancora ben presente a Cesena, in cui si può trovare un buon numero di professionisti che hanno a disposizione un laboratorio per la preparazione di farmaci galenici.

"Farmacisti preparatori" tra tradizione e modernità

Oggi i “farmacisti preparatori” ascoltano i clienti e le loro necessità, ma con un occhio alla modernità per garantire un servizio personalizzato che però non è l’unico.

Se la preparazione di un farmaco ad hoc è la loro peculiarità, anche facilitare l’esperienza di pagamento della clientela è diventato uno dei loro obiettivi.

Infatti dal 1° marzo 2021 è in vigore il decreto legge “Semplificazione e innovazione digitale” che consente di pagare i ticket sanitari per prestazioni specialistiche e ambulatoriali attraverso lo standard pagoPA. L’attenzione costante rivolta da Satispay a fornire servizi con un valore aggiunto e all’innovazione ha portato a sviluppare una versione di Connect pensata per farmacie e parafarmacie, un’interfaccia tecnologica che consente di accettare i pagamenti del circuito pagoPA.

Connect: come funziona il servizio

Grazie a Connect, farmacie e parafarmacie aderenti al servizio hanno a disposizione una soluzione che rende più semplice l’esperienza di pagamento. Non solo si possono acquistare medicinali o altri prodotti, ma anche pagare i ticket sanitari usando ogni strumento di pagamento, come contanti, carte di credito o di debito, bancomat e app di pagamento digitale come Satispay.

L’operazione è veloce e semplice, infatti con Connect basta scansionare il QR Code del bollettino e l’importo viene incluso nella ricevuta del cliente: questa avrà valore di quietanza di pagamento e avrà all’interno i dettagli dell’operazione.

Scarica l’app Satispay e scopri le farmacie più vicine aderenti al servizio Connect.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PagoPA: a Cesena i ticket sanitari si pagano in farmacia

CesenaToday è in caricamento