Sistemi elettronici di assistenza alla guida: saranno obbligatori dal 2022

I sistemi di assistenza alla guida o ADAS (acronimo di Advanced Driver Assistance Systems) diventeranno obbligatori in Europa a partire dal 2022. Ma di cosa si tratta esattamente?

I sistemi elettronici di assistenza alla guida o ADAS (acronimo di Advanced Driver Assistance Systems) sono sempre più diffusi nelle nuove vetture e sviluppati per migliorare la sicurezza in auto: con il termine ADAS si indicano le tecnologie che aiutano a prevenire eventuali incidenti.

Rientrano in questa categoria equipaggiamenti di vario genere, dai sensori pioggia o per il parcheggio ad evoluti sistemi come il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza o il riconoscimento automatico dei segnali stradali.

Tra i sistemi più utili ricordiamo in particolare il cruise control adattivo, capace di mantenere una velocità di crociera, modificando anche costantemente l'andatura in base al traffico. Questo dispositivo è infatti in grado di ridurre o aumentare automaticamente la velocità in base alla situazione del traffico, mantenendo sempre la giusta distanza di sicurezza dagli altri veicoli, grazie all’utilizzo di radar e telecamere.

Passiamo poi alla frenata automatica d’emergenza: un sistema in grado di evitare collisioni con altri veicoli se si procede a bassa velocità.

Proseguiamo con il Lane Keeping System che, oltre ad avvisare il guidatore del superamento della linea di corsia, riporta automaticamente il veicolo nella carreggiata. 

Tra i sistemi ADAS più diffusi troviamo anche il Blind Spot Assist, in italiano il monitoraggio dell’angolo cieco, in grado di tenere sotto controllo il cosiddetto “angolo cieco” dello specchietto. In caso di un potenziale pericolo di collisione, questo sistema avverte il guidatore con un suono o con una vibrazione del volante.

Terminiamo con il Traffic Sign Recognition, sistema in grado di visualizzare i segnali stradali sulla strumentazione dell'auto grazie a una telecamera puntata sulla strada.

Gli ADAS diventeranno obbligatori in Europa a partire dal 2022; per le vetture già in commercio e omologate per la vendita prima del 2022, le nuove dotazioni diventeranno obbligatorie a partire dal 2024. 

Le nuove auto dovranno montare le seguenti dotazioni di sicurezza:

  • frenata automatica d'emergenza;
  • regolazione intelligente della velocità;
  • mantenimento attivo della corsia di marcia;
  • predisposizione per il montaggio del rilevatore del tasso alcolemico;
  • sistemi di rilevamento della stanchezza e della distrazione del guidatore;
  • scatola nera;
  • telecamera di retromarcia.

Tutte queste tecnologie promettono di rendere più sicure le strade e gli spostamenti in auto, facilitandoci alla guida in tante occasioni, ma è importante ricordare che è sempre e comunque fondamentale mantenersi sempre all'erta: il mondo delle auto senza pilota è vicino, ma non è ancora arrivato!

Patente a punti: come sapere quanti te ne restano?

Dash Cam: la sicurezza di un testimone oggettivo

Accessori auto: i prodotti più venduti sul web 

Caricabatteria auto USB

Aspirapolvere per Auto Black+Decker

Vivavoce Bluetooth Aigoss

Organiser per Bagagliaio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento