L'anticiclone "ammazza inverno" non molla la presa: gelate solo da inversione termica

Ci saranno foschie, nebbie e brinate da inversione termica, ma nessuna traccia dell'inverno "vero"

Continua la fase di "non inverno", malgrado le brinate notturne. La causa è da attribuire ad un possente campo anticiclonico sull'Europa occidentale e centrale, che tiene al riparo anche l'Italia da perturbazioni atlantiche o irruzioni di aria fredda dell'Est Europa. Ci saranno foschie, nebbie e brinate da inversione termica, ma nessuna traccia dell'inverno vero.

Spiega il servizio meteorologico dell'Arpae: "La persistenza di una struttura di alta pressione favorirà condizioni di tempo stabile, con riduzione di visibilità per nebbie o foschie dense sulle aree pianeggianti. Le temperature inizialmente in flessione risulteranno poi stazionarie; da segnalare estese gelate durante le ore più fredde della giornata". La colonnina di mercurio oscillerà nei valori minimi tra -1 e 3 gradi, con valori inferiori sulle aree di aperta campagna dove si potranno avere delle gelate, mentre le massime saranno comprese tra 6 e 8 gradi. Solo verso la terza decade del mese si vedono cenni di cambiamento. Spiega Arpae: "Un'area di alta pressione sembra posizionarsi tra l'Atlantico e l'Europa nord-occidentale convogliando correnti settentrionali sulla nostra regione, con possibile arrivo di deboli impulsi perturbati provenienti da nord-est. Saranno quindi possibili alcuni eventi di precipitazione, più probabili a termine periodo, con quantitativi pluviometrici che tuttavia non si prospettano particolarmente significativi. Le temperature tenderanno a rimanere leggermente superiori alla media climatologica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra fine gennaio ed inizio febbraio, "il campo di alta pressione presente tra l'Atlantico e l'Europa nord-occidentale sembra cominciare ad indebolirsi favorendo la discesa verso il bacino del Mediterraneo di deboli impulsi perturbati provenienti dai quadranti settentrionali. Saranno quindi possibili alcuni eventi di precipitazioni, con quantitativi attesi non particolarmente rilevanti, ma in linea con la norma del periodo. Le temperature tenderanno a mantenersi su valori in linea con la media meteorologica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento