Cesena futura Smart City: il sindaco Lucchi e il Questore Sanna studiano il futuro a Olidata

Venerdì il presidente di Olidata Riccardo Tassi e l’amministratore delegato Marco Sangiorgi, insieme al direttore Alberto Colombo, hanno accolto il sindaco, il vicesindaco e il questore nella nuova aula multimediale appena inaugurata nella sede di Pievesestina

Sicurezza, efficienza energetica, sostenibilità ambientale: sono queste le nuove sfide per i Comuni e le grandi Aziende Pubbliche e Private interessate a investire in tecnologia e innovazione per andare verso la Smart City del futuro. Sfide a cui il terriorio cesenate e forlivese guarda con particolare interesse. Lo conferma la nuova visita che il sindaco di Cesena Paolo Lucchi e il vicensindaco Carlo Battistini hanno fatto a Olidata, accompagnati questa volta dal questore di Forlì-Cesena Salvatore Sanna, per scoprire più da vicino gli innovativi servizi offerti dalla storica azienda cesenate - leader italiana dell’Information Technology - nel campo dell’efficientamento gestionale integrato.

Venerdì il presidente di Olidata Riccardo Tassi e l’amministratore delegato Marco Sangiorgi, insieme al direttore Alberto Colombo, hanno accolto il sindaco, il vicesindaco e il questore nella nuova aula multimediale appena inaugurata nella sede di Pievesestina, e hanno illustrato loro i progetti proposti ai Comuni, alle Aziende Pubbliche e alla Piccola e Media Impresa per investire in un futuro sempre più efficiente e funzionale, economico ed eco-sostenibile, con un occhio di riguardo al tema dell’energy saving e della sicurezza nelle città.

“I vantaggi offerti dalla tecnologia led, abbinati a un’esperienza trentennale nella progettazione di software di gestione, ci consentono oggi di proporre innovativi servizi e soluzioni di Energy Management in grado di far risparmiare fino al 70% in energia elettrica - ha spiegato il presidente di Olidata Riccardo Tassi alle istituzioni in visita all’azienda - In un universo energetico caratterizzato da crescenti consumi ed esigenze di sostenibilità, riteniamo che possa essere una grande opportunità, per i comuni e per le grandi Aziende pubbliche e private, quella di poter gestire in modo efficiente le proprie risorse, allo stesso tempo riducendo la propria impronta sull’ambiente”.

Le soluzioni proposte a P.A. e Pmi consistono in illuminazione Led a basso consumo e a ridotto impatto ambientale, regolata da un avanzato sistema di building automation progettato da Olidata, che consente di efficientare tutti gli impianti del proprio edificio, o della propria città, tagliando i costi delle utenze per la fornitura di energia elettrica mediante la gestione automatizzata dei carichi, il monitoraggio e comando a distanza delle funzioni, il salvataggio e l’analisi su piattaforma remota dei propri consumi.

Oltre a fungere da semplice corpo illuminante a risparmio energetico, poi, il punto luce led può diventare una vera e propria centralina di telegestione con servizi integrati. Su ogni lampione, infatti, è possibile installare hot spot wi-fi  e telecamere per la video sorveglianza. Il software di building automation “Oli Box”, collegato a una centrale operativa, permette quindi di svolgere funzioni extra come sorvegliare alcune aree urbane e garantire la pubblica sicurezza, monitorare la presenza di polveri sottili nell’aria, controllare i flussi di traffico stradale e controllare i dati meteo. “Sono rimasto favorevolmente colpito dai servizi e dalle soluzioni tecnologiche presentate da Olidata - dichiara il questore di Forlì-Cesena Salvatore Sanna - In modo particolare dalle opportunità offerte dalle centrali di tele gestione. Questi moderni sistemi integrati di videosorveglianza possono essere infatti molto utili ai fini della sicurezza urbana, del controllo del territorio, ed eventualmente possono essere impiegati per indagini che si dovessero svolgere a seguito  di atti criminosi”.

“Questo incontro con Olidata ed il questore – sottolinea dal canto suo il sindaco Paolo Lucchi -  è stata l’occasione per affrontare alcuni temi di rilievo, con una particolare focalizzazione sugli aspetti collegati alla sicurezza. Partendo dal progetto avviato dall’Amministrazione per la creazione di una rete di videosorveglianza costituita da oltre 400 telecamere diffuse in tutta la città, con il questore abbiamo cominciato a ragionare sulle possibili sinergie fra questo sistema e l’attività delle forze dell'ordine, poiché nel futuro più prossimo sarà bene mettere a disposizione della nostra città un sistema di controllo in grado di mixare tecnologia, impegno diretto delle forze dell'ordine, partecipazione dei cittadini. Senza dimenticare che, in vista dell'iniziativa pubblica prevista ad inizio gennaio 2015, nella quale presenteremo idee sul futuro del centro storico, abbiamo chiesto ad Olidata di affiancarci nella ricerca di ipotesi innovative e di servizi per le imprese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento