menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hera, previsti 63 milioni di euro di investimenti per la provincia di Forlì-Cesena

Nell’ambito di risultati di eccellenza a livello di Gruppo, il territorio di Forlì-Cesena si contraddistingue per alte percentuali di raccolta differenziata: 50,3% nel 2013, con Forlì e Cesena su valori ben superiori

Investimenti, nuovi progetti, ricchezza distribuita al territorio. Sono i punti forti del piano industriale al 2018 di Hera, approvato recentemente dall’azienda e presentato giovedì a Cesena dall’amministratore delegato Stefano Venier ai sindaci del territorio di Forlì-Cesena aderenti al Patto di Sindacato. Si confermano l’interesse strategico e l’attenzione per il territorio, seguendo le 4 linee guida che ispirano la tabella di marcia di sviluppo della multiutility nel suo complesso: efficienza, innovazione, crescita ed eccellenza.

I risultati e i target del Gruppo al 2018 - Le stime del Gruppo, che dal 2013 è presente anche nel Nord Est a seguito dell’incorporazione di AcegasAps e dall’1 luglio 2014 di Amga Udine, parlano di un margine operativo lordo oltre 1 miliardo di euro e un dividendo per azione confermato al livello dello scorso anno. Sono obiettivi sfidanti, visto che il contesto economico di riferimento è ancora complesso: la crescita in Italia vedrà una leggera ripresa solo a partire dal prossimo biennio e aziende come Hera sono chiamate dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Servizio Idrico a garantire sempre più qualità insieme a tariffe contenute a carico dei cittadini.

Le basi del piano industriale sono però solide, come dimostrato dai risultati ottenuti fino ad ora: dal 2002 al 2013 sul territorio servito il Gruppo Hera ha effettuato oltre 4,3 miliardi di euro di investimenti e il valore aggiunto distribuito a lavoratori, azionisti, fornitori e pubblica amministrazione ha superato i 16 miliardi di euro. Negli ultimi 11 anni Hera è riuscita inoltre ad abbassare la percentuale di rifiuti smaltiti in discarica dal 49% al 16% (con l’obiettivo di arrivare sotto l’8% nel 2018), mentre le emissioni dei termovalorizzatori di Hera, misurate rispetto ad un limite di legge del 100%, si sono ridotte dal 41% del 2004 al 14% nel 2013.

Ogni anno distribuita a Forlì-Cesena ricchezza per oltre 100 milioni di euro - Nel territorio di Forlì-Cesena il valore aggiunto distribuito da Hera nel 2013 è stato pari a 103,7 milioni di euro, in linea con l’anno precedente. In particolare, 35 milioni sono andati ai lavoratori, 43 milioni ai fornitori locali, 8 milioni agli azionisti e circa 18 milioni alle pubbliche amministrazioni.

Previsti entro il 2018 oltre 2 miliardi di investimenti, 63 milioni solo a Forlì-Cesena - Nell’ambito del piano industriale, il Gruppo Hera ha previsto da qui al 2018 oltre 2 miliardi di investimenti, di cui il 70% sarà destinato alla filiera reti. Nella provincia di Forlì-Cesena gli investimenti diretti nel periodo del piano saranno in totale 63 milioni, 13 già pianificati nel 2015.

Il servizio idrico al centro dell’attenzione di Hera - Nei prossimi anni i piani della multiutility prevedono investimenti diretti sul servizio idrico nel territorio di Forlì-Cesena per circa 40 milioni di euro. Di questi, 20 milioni saranno destinati al cesenate per migliorare e potenziare i depuratori di Cesena, Cesenatico e Savignano e per interventi sulle fognature in alcune frazioni. Tutti gli investimenti rientrano nella strategia di aumentare l’efficienza delle reti.

Ambiente: raccolta differenziata sopra la media italiana - Nell’ambito di risultati di eccellenza a livello di Gruppo, il territorio di Forlì-Cesena si contraddistingue per alte percentuali di raccolta differenziata: 50,3% nel 2013, con Forlì e Cesena su valori ben superiori. Un risultato raggiunto grazie agli investimenti fatti negli anni e che si prevede di migliorare in futuro grazie all’ulteriore sviluppo del modello di gestione che già oggi raccoglie ogni anno 400 kg per abitante di rifiuti differenziati, destinati per il 94% a recupero finale. Il Gruppo Hera, infatti, ha alimentato nel 2013con la raccolta differenziata ben 191 impianti di recupero, di cui 5 nel territorio di Forlì-Cesena (in prevalenza impianti di compostaggio).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento