Torna la Young Musicians European Orchestra con Paolo Olmi e nuovi grandi solisti

Il progetto e' stato presentato a Cesena nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena dal presidente Bruno Piraccini e dallo stesso maestro Olmi

 Dopo il grande successo dei Concerti di Natale di Ravenna e Finale Emilia,con le loro azioni di solidarietà per le zone del terremoto e per la Palestina, anche quest'anno torna in gennaio la Young Musicians European Orchestra diretta da Paolo Olmi per i concerti del Nuovo Anno a Faenza, Cesena e Lugo. Il progetto e' stato presentato a Cesena nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena dal presidente Bruno Piraccini e dallo stesso maestro Olmi.

La tournee' 2015 debutterà al Teatro Masini di Faenza il 10 gennaio e tocchera' poi la Chiesa di S.Agostino di Cesena l'11 gennaio e il Teatro Rossini di Lugo il 12 gennaio. Tutti gli appuntamenti sono offerti gratuitamente alla cittadinanza dalla  dalla Cassa di Risparmio di Cesena  insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena,alla Fondazione Cassa di Risparmio e Fondazione del Monte di Faenza e a  quella di Lugo. "I concerti, organizzati dalla Cooperativa Emilia Romagna Concerti, sono tutti alle 21 e a ingresso libero e - afferma Silvana Lugaresi Amministratore di Erconcerti - la collaborazione con le Fondazioni Bancarie locali, le amministrazioni comunali e la Regione ci permette di attivare un circuito virtuoso che coinvolge quasi tutta la Romagna(Ravenna, Cesena, Faenza e Lugo) razionalizzando le spese e rendendo piu' capillare la diffusione della Musica. "Speriamo che dal prossimo anno  si unisca a noi anche Forlì, ddove in passato abbiamo prodotto concerti che hanno avuto un enorme afflusso di pubblico".

L'Orchestra, ormai di casa nella nostra Regione, e'composta da musicisti di 12 nazioni diverse di eta' media attorno ai 22 anni  e si accompagna sempre a giovanissimi solisti emergenti, spesso al  loro debutto italiano. Dopo il funambolico violinista Roman Kim-Kazako- e il piu' riflessivo Jiafeng Chen -cinese-la nuova scoperta del Maestro Olmi si chiama Yury Revich, ventenne, violinista apprezzatissimo in tutto il mondo e  sul web dove e' anche il protagonista di alcuni cortometraggi che descrivono la sua vita di giovane artista russo a Vienna.
Revich , che alcune settimane fa ha colto trionfali successi nella prima tournee in Giappone,sara' impegnato nel Concerto in mi maggiore  per violino e orchestra di Bach e nella famosissima Meditation dalla Thais di Massenet.

In tutti i concerti il programma sarà completato dalla Simple Symphony di Britten  mentre a Faenza sara' anche eseguita una "prima" nazionale: il brano "Mater", composto dal trentasettenne Cristian Carrara per voce recitante  e orchestra , nella interpretazione carismatica di Ivano Marescotti . Il pubblico cesenate avra' invece la possibilita' di sentire un'altra curiosita': il Concerto in fa maggiore per Corno di Bassetto e orchestra scritto da Alessandro Rolla, contemporaneo di Niccolo' Paganini. Il Corno di bassetto è caduto in disuso dall'inizio dell'800, soppiantato dal clarinetto, ma uno dei pochi specialisti al mondo che suoni da virtuoso  questo strumento e' un cesenate, Sauro Berti, che si è diplomato alcuni anni fa al Conservatorio Maderna e fa parte oggi dell'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento