rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
WeekEnd

Nel weekend di Capodanno, anche senza feste in piazza, non mancano musica, presepi, arte, installazioni luminose

Ci sono appuntamenti a teatro e in diretta tv, itinerari alla scoperta di Longiano dei presepi e non solo, bancarelle e pattinaggio sul ghiaccio, in questo weekend che saluta la fine del 2021

Liscio, pop, illusioni ottiche e danze acrobatiche, musica classica, presepi sull'acqua e nei centri storici, mercatini, videomapping, pattinaggio, racconti di grandi personaggi, installazioni luminose e mostre. Questi sono gli ingredienti del fine settimana che traghetta nel nuovo anno: ecco tutti gli eventi sul territorio da venerdì a domenica.

Capodanno in tv e a teatro

I grandi protagonisti dell'ultima notte dell'anno a Cesena saranno la Mirko Casadei Popular Folk Orchestra con Roy Paci & Aretuska, anche se non più in piazza del Popolo. “Balamondo – Il Capodanno più bello della Romagna” si terrà a porte chiuse in diretta tv. Al Teatro Bonci la fine del 2021 si festeggia invece con la danza acrobatica: venerdì è in scena, per la prima volta a Cesena, Evolution Dance Theater, la compagnia diretta dal coreografo americano Anthony Heinl, ex membro dei Momix, che presenta Blu infinito. Illusioni ottiche, effetti speciali, ombre colorate, performance che sfidano la gravità, strutture telescopiche e la sorprendente tecnologia dello schermo interattivo. Al Teatro Comunale di Gambettola si apre il 2022, sabato, con un concerto di musica classica eseguito dal Quartetto Fauves di Ravenna, per uno scambio di auguri di buon anno. Sul palco alcune delle musiche più famose di Mozart, Cirri e Beethoven, accompagnati dai loro strumenti musicali, violino, viola e violoncello.

Luci, trenini, videomapping nei centri storici

Uno gnomo gigante in piazza e altri suoi piccoli amici, daranno il benvenuto, invece, a Bagno di Romagna a grandi e piccini, con la Casetta di Babbo Natale, mentre il trenino natalizio percorrerà il tragitto fino a San Piero in Bagno per far vivere l'emozione del Natale visitando anche il borgo vicino, anch'esso illuminato a festa. Nelle domeniche e festivi è in programma il mercatino nelle vie del borgo. A Longiano si può ammirare l'affascinante installazione "Imago nativitas"che coniuga arte, storia e tecnologia nel contesto della corte del Castello Malatestiano. L'installazione comprende una proiezione e un videomapping in cui si vedranno scorrere più di 100 immagini a tema natività in un excursus che va dall'arte antica a quella contemporanea.  A Mercato Saraceno, pista di pattinaggio sul ghiaccio e la prima mostra presepiale di Gennaro Cerqua.

Presepi da non perdere

Cesenatico continua a brillare con le luci del suo tradizionale Presepe della Marineria, un'attrazione non solo per la Romagna per l'intera nazione. La storica opera natalizia - progettata da Tinin Mantegazza e realizzato dagli artisti Maurizio Bertoni e Mino Savadori su idea dell’allora presidente degli albergatori Guerrino Gardini - è ancor protagonista delle festività della città e rimarrà allestito fino a domenica 16 gennaio 2022. Da non dimenticare il suggestivo il Presepe delle Conserve. Continua fino al 9 gennaio la XXXI edizione della manifestazione natalizia Longiano dei Presepi, con tante natività in piazze, strade, giardini e angoli suggestivi del bellissimo centro storico medievale della città Bandiera Arancione del Touring, e anche nei musei, che saranno aperti ogni pomeriggio. Domenica confermata la visita guidata Scopri Longiano dei Presepi, per chi volesse visitare il percorso dei presepi di Longiano con una guida. Continua l'iniziativa delle parrocchia di Villachiaviche e Gattolino di invitare le persone ad allestire il presepe fuori dalla propria abitazione, cosi da creare il Paese dei Presepi. A Villachiaviche hanno aderito 35 famiglie, mentre 16 a Gattolino.

Mostre, installazioni e racconti

Domenica al Museo della Marineria di Cesenatico, ultimo appuntamento del ciclo “Musica al Museo”. In programma “La vita di Secondo Casadei, lo Strauss della Romagna”. Riccarda Casadei parlerà di suo padre Secondo, della sua vita di musicista, dei suoi successi, dei suoi oltre 1000 brani musicali composti. Filmato d’epoca e musica dal vivo faranno da contorno all’iniziativa. E' aperrta al pubblico Waves Orchestra, installazione ideata e realizzata a Cesenatico, con l'intento di valorizzare lo storico edificio dell'Ex Lavatoio, nell’ambito del progetto 'Revival. Revitalization and reuse of the lost heritage in the Adriatic landscape,'. Fino al 9 gennaio 2022 la Galleria del Ridotto di Cesena ospita la mostra Lunario del fotografo cesenate Guido Guidi, a cura di Andrea Simi e Stefania Rössl. L’esposizione propone un percorso fotografico che prende avvio nel 1968 e si conclude nel 2019 con la stampa dell’omonimo volume pubblicato dall’editore inglese Mack. E' aperta anche  la mostra di fotografia 'Balé burdëli. Balere, ballerini e orchestre in Romagna', allestita presso Palazzo Don Baronio, Palazzo Vendemini e la Vecchia Pescheria, e visitabile fino al 6 gennaio 2022. Balé burdëli si pone come ideale chiusura di un anno di importanti celebrazioni per Savignano sul Rubicone e la fotografia, dalla trentesima edizione del Si Fest ai vent’anni del Premio “Marco Pesaresi”, alla riproposta della sua Underground. Le ricorrenze si estendono anche alla musica da ballo della tradizione romagnola, il cosiddetto “liscio”: cinquant’anni fa ci lasciava il Maestro Secondo Casadei, figura simbolica e totemica per questa terra e per questo genere musicale, omaggiato nella scelta del titolo, e nel marzo scorso se ne andava il nipote Raoul, che dello zio aveva raccolto l’eredità musicale e il suo essere punto di riferimento per il settore.  La mostra "Sogni artici. Sognando sotto le aurore" è aperta al pubblico nella Galleria della vecchia Pescheria a Cesena, in centro storico, per tutto l’arco delle vacanze natalizie fino all’Epifania compresa (dal 18 dicembre al 6 gennaio). Questa mostra itinerante, che prima di Cesena era stata esposta a Genova, a Rovereto, a L’Aquila, rappresenta la proposta più affascinante e più nuova per agganciare un pubblico di ogni fascia d’età al tema della luce, un fattore così connaturato alla vita da risultare addirittura scontato e dunque difficile da affrontare con modalità divulgative.  Alla Chiesa di San Zenone, un vero gioiello architettonico situato nel centro storico di Cesena, è visistabile la mostra di Maurizio Ceccarelli dal titolo “Love your world!”, che resterà in esposizione al pubblico fino a domenica 9 gennaio. Il titolo imperativo della mostra enuncia chiaramente i messaggi che l’artista vuole lasciare indelebili e impressi su di noi. Ceccarelli, da sempre schierato con la sua arte nella difesa dei diritti, sensibile ai temi degli attentati terroristici, del male psichico provocato dalla pandemia, della lotta per la difesa del pianeta, ora li affronta con ancora maggior consapevolezza.  Al Vicolo, galleria arte cintemporanea di Cesena, è visitabile la mostra "Alto | Basso" dedicata alle recenti opere di Fiorenza Pancino. L’artista pone una sorta di cintura di margine al tempo, lo perimetra e lo circoscrive per meglio riconoscerlo. Pancino ha tradotto le sue visioni in sculture ceramiche coinvolgendo parallelamente Virginia Morini che le ha interpretate ‘in carne viva’ attraverso una mise en scène resa perenne dalle fotografie. "Muta terra” è il titolo della mostra di arte contemporanea ospitata negli spazi di Palazzo del Capitano a Bagno di Romagna. Sei gli artisti coinvolti, che spaziano dalla pittura, alla scultura, alla fotografia: Alessandro Casetti, Roberto Giordani, Adriano Maraldi, Michela Mariani, Saverio Mercati, Monia Strada. Il Natale di Cesenatico è all'insegna dell'arte, con i tre luoghi della cultura di che si animano grazie a tre mostre visitabili da sabato: a Casa Moretti la mostra di Daniel Dufour "Bonne Année","Pesci fuor d'acqua...tra miracoli, storie e facezie" al Museo della Marineria, mentre la Galleria Comunale si accendecon "La Mia Cesenatico" di Anna Maria Nanni. Le mostre saranno visitabili fino al 16 gennaio 2022  Terra di Romagna, tra graphie, immagini e parole è il progetto che approda alla Stazione degli Artisti, il nuovo spazio dedicato all'arte recuperato nei locali della stazione ferroviaria di Gambettola. La mostra “Terra di Romagna”, che vuole essere un progetto per indagare il territorio della Romagna attraverso tre forme d'arte particolarmente efficaci e complementari, quali la grafica, la fotografia e la parola, sarà ospitata nel nuovo spazio da sabato fino a domenica 9 gennaio. (Gli orari delle mostre potrebbero subire variazioni nei festivi)


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel weekend di Capodanno, anche senza feste in piazza, non mancano musica, presepi, arte, installazioni luminose

CesenaToday è in caricamento