WeekEnd

Raf e Umberto Tozzi, Flavio Boltro, 1° maggio alla Rocca malatestiana, Fiera dei salumi e formaggi: si scalda il weekend cesenate

I due grandi nomi della musica italiana saranno al Carisport di Cesena con lo spettacolo "Due. La nostra storia", mentre la star della tromba Boltro suonerà, tra gli altri, insieme al cesenate Guido Pistocchi

In occasione del 1° maggio alla Rocca malatestiana di Cesena si potrà godere di una giornata per tutti, sono tanti gli eventi, tra i quali i concerti di alcune eccellenze musicali del territorio e un paio di ospiti di caratura nazionale. Non potevano mancare l'appuntamento in Piazza del Popolo organizzato dai sindacati e il ritorno della sfilata dei trattori. Ma questo è solo un assaggio di tutti gli appuntamenti che si svolgeranno da venerdì a domenica sul territorio.

In musica con grandi nomi e 1° maggio

Dopo una serie di rinvii arriva finalmente il concerto di Raf e Umberto Tozzi a Cesena: il Nuovo Teatro Carisport  ospita i due grandi nomi della musica italiana sabato. Lo spettacolo "Due. La nostra storia" ha riportato i due artisti live nei teatri. Due repertori indimenticabili, rivisitati a due voci, in un’atmosfera unica che si scalda grazie a una scaletta straordinaria, in cui non potranno mancare i loro grandi successi. A Cesena si celebra anche l'International Jazz Day con due appuntamenti venerdì: ci sarà uno degli artisti più conosciuti e apprezzati nell’ambito della musica jazz, la star della tromba Flavio Boltro. Ad accompagnarlo sul palco del Teatro Jolly una formazione tipicamente soul-jazz composta da Alessandro Fariselli e Alessandro Scala (sassofoni), Sam Gambarini (organo) e Fabio Nobile (batteria). La serata riserverà una sorpresa in più, perché al gruppo si aggiungerà anche un ospite speciale: il celebre trombettista cesenate Guido Pistocchi, considerato uno dei grandi strumentisti della scena jazzistica italiana. Secondo appuntamento, in centro a Cesena: sarà il Resident Band Trio a scaldare l’atmosfera con sonorità jazz per proseguire poi con la jam session a cui si uniranno musicisti ospiti che daranno vita a uno spettacolo unico, originale, sempre nuovo, in pieno stile jazz.  Quando la televisione si guardava nei bar, quando Sanremo era il centro del mondo della musica leggera, tra i volti e le voci di maggiore successo c’era anche lei: Jula de Palma, la  signora del jazz italiano. Ed è proprio lei, le sue canzoni, che tornano a rivivere nell’album tribute "Ripensandoci" di Sabrina Rocchi e Franco Naddei, che sarà presentato in anteprima venerdì al Teatro Petrella di Longiano. Domenica la Rocca Malatestiana è protagonista della scena culturale e musicale cesenate, con una giornata-evento rivolta a tutti, famiglie con bambini, giovani e adulti. Tra i tanti eventi, alcune eccellenze musicali del territorio e un paio di ospiti di caratura nazionale si esibiranno sul palco: si spazia dal cantautorato al calypso nn Roll, dal soul al reggae, dal rock n Roll al noise con i Lovesick duo, The Caribbean Delights, Afreak, Out Of Order, Fadi, Sandri, Ugo Fagioli. Il 1° maggio si festeggia, come da tradizione, anche in piazza con i sindacati e con il ritorno, dopo due anni di stop a causa del Covid, della sfilata dei trattori. La Festa dei lavoratori e delle lavoratrici confluisce in un pomeriggio di eventi, musica e convivialità.

Fiera dei salumi e formaggi, feste di Santa Croce e del Partigiano e passeggiata ecologica

Dopo due anni di stop forzato domenica ritorna la tradizionale fiera dei salumi e dei formaggi a Mercato Saraceno, una fiera delle tradizioni secolari che, fin dal 1500, si svolge ogni anno nel primo weekend di maggio. La particolare conformazione urbanistica del territorio, che dispone il paese su terrazzamenti di diversi livelli, viene oltremodo valorizzata durante la Fiera grazie alla divisione delle categorie di vendita messa a punto negli ultimi anni: si trovano così distribuiti per il paese, oltre ai consueti banchi di abbigliamento, calzature e minuterie, degli spazi che diventano veri e propri percorsi alla scoperta dei gusti del territorio. Come ogni anno torna il tradizionale appuntamento del Primo maggio con Pro Loco di Monteleone, la frazione Bandiera Arancione del Touring Club del comune di Roncofreddo con la tradizionale Passeggiata ecologica alla scoperta della bellezza naturalistica del Gorgo scuro, piccolo angolo di sorprendente bellezza che si trova lungo il corso dell’Urgone. Da domenica appuntamento con la storica Festa di Santa Croce a Savignano sul Rubicone: l’evento ha il suo cuore in Borgo San Rocco dove i savignanesi non mancano di raccogliersi, anche solo per una passeggiata, e ritrovare l’atmosfera accogliente e sincera della festa di paese. Il programma comprende arte, musica, spettacoli, sport, per grandi e piccoli. Dopo 2 anni di pausa forzata, sabato torna la Festa del Partigiano, promossa da Circolo Arci Bagnile: l'edizione di quest'anno è incentrata sul decimo anniversario della realizzazione del documentario "A Bagnile vivevan gli eroi".

Sui palchi dei teatri

Ultimo appuntamento con la personale dedicate alla regista Emma Dante, a Cesena, nell’ambito della rassegna di Teatro Ragazzi 2022: venerdì al Teatro Bonci è in programma "Anastasia Genoveffa e Cenerentola". In scena, tutto è giocato tra il dentro e il fuori di un paravento che definisce i luoghi dove si svolge l’azione. Ciò che non si vede è magico, ciò che è alla portata degli occhi è invece reale. La sensibilizzazione sul tema della sindrome di Asperger, annoverata fra i disturbi dello spettro autistico, sarà protagonista di una serata al Teatro Petrella di Longiano. Sabato verrà infatti proiettato il film "I fiori del convolvolo", cortometraggio di 30 minuti diretto da Giuseppe Fabbri: si narra la storia di Mattia, un bambino affetto da Sindrome di Asperger. Le Quinte Strappate tornano in scena con uno spettacolo dedicato ai più piccoli: sabato al Teatro Bogart di Cesena, presentano "Accendiamo la notte", la storia di Elia e Teresa, due fratelli con caratteri molto diversi accomunati da una sola cosa, alla fine di ogni giornata, poco prima di andare a letto, hanno una gran paura del buio. Si conclude sabato alla Biblioteca Malatestiana, il ciclo di letture ad alta voce dedicato alla fiaba contemporanea "C’era una volta e ancora c’è": l’attrice Maria Vittoria Scarlattei legge alcuni testi tratti da "Un cigno selvatico" del Premio Pulizer Michael Cunningham insieme a brevi racconti composti dalla classe 5B del Liceo Linguistico Statale “Ilaria Alpi” di Cesena. 

Cosa fare nel weekend a Forlì

Cosa fare nel weekend a Ravenna

Cosa fare nel weekend a Rimini

Trekking

Sabato a Trappisa ci sarà la presentazione del libro fotografico: “Ottantuno” di Isacco Emiliani e suo nonno Tonino. Prima un trekking da Casanova dell’Alpe, raggiunto il grande albero nei pressi di Romiceto, Emiliani e suo nonno faranno un affascinante racconto. Domenica un percorso verso uno dei luoghi simbolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi: il Santuario e la foresta de La Verna. Si arriverà al santuario dal basso, percorrendo la prima parte del Sentiero Natura, passando per La Beccia e la “Cappella degli Uccelli” (edificata nel 1602 per ricordare un fatto narrato nei Fioretti di San Francesco).

In mostra

Da Parigi a Cesena, dal racconto in bianco e nero alla visione a colori: da sabato gli spazi espostivi della Galleria del Ridotto ospitano la mostra “Paris Expression et Mouvements” a cura di Romano Turci. Le immagini che compongono l’esposizione sono tutte in bianconero, inedite e scattate durante un viaggio che risale all’aprile 1980. Inquadra alla perfezione la vera anima del Ridotto del Teatro cittadino “Alessandro Bonci”, invece, la mostra “L’Urbanistica (non solo carte) Uffici Ridotto Teatro Bonci 1998 – 2018” a cura del cesenate Vincenzo Stivala, architetto di origini salentine, ed ex dipendente comunale ospitata nel foyer del teatro: una ventina di anni fa infatti il Ridotto del Teatro ha ospitato alcuni uffici del settore Programmazione urbanistica. La Biblioteca Malatestiana omaggia Pier Paolo Pasolini, grande regista, scrittore e intellettuale. E' visitabile la mostra “Pier Paolo Pasolini. Il cinema tra realtà, mito e poesia” allestita dal Centro Cinema – Città di Cesena nella nuova Mediateca  fino al 31 maggio prossimo. Un percorso fotografico che prende in considerazione il suo cammino da regista, dagli esordi di Accattone (1961) fino all’ultimo Salò o le 120 giornate di Sodoma, uscito postumo, dopo la sua tragica morte avvenuta a Ostia il 2 novembre del 1975. Dal cinema agli elementi naturali: al Museo della Marineria di Cesenatico, da sabato, si può visitare la mostra "La riviera dell’incanto. Acque e terre nelle vedute di Vittorio Guaccimanni, Gaspare Gambi, Romolo Liverani", a cura di Ilaria Chia. L’esposizione raccoglie un’accurata selezione di 33 opere grafiche, provenienti da collezioni pubbliche e private, incentrate sul tema del mare e dei sui abitanti, sulla magia dell’acqua tra costa ed entroterra. Con l’omaggio al noto scultore, disegnatore ed illustratore Mario Bertozzi continua invece, alla Galleria comunale d’arte “Leonardo da Vinci”,  la serie delle mostre dedicate ad artisti che a partire dalla metà del secolo passato sono stati attivi in ambito locale o che hanno avuto contatti non occasionali con la realtà cittadina di Cesenatico. Spostandosi a Longiano, la Chiesa Madonna di Loreto, adiacente al Castello Malatestiano, ospita,  l'esposizione dedicata a Renato Bruscaglia, uno dei protagonisti della grafica internazionale del secondo Novecento e fra i più distinguibili e prestigiosi incisori italiani. Riconosciuto interprete del paesaggio, la sua opera si distacca dalla scuola naturalistica e figurativa della tradizione prediligendo la tecnica calcografica, e nello specifico l’acquaforte, per giungere ad una personale e innovativa autonomia stilistica. E' aperta la mostra "Figure II" dedicata alle recenti opere di Antonio Bertoni,curata da Gian Ruggero Manzoni, alla galleria di arte contemporanea "Il Vicolo". Tra le tante opzioni che l’arte contemporanea offre, Bertoni ha scelto quella figurativa per rimanere ancorato a una originaria vocazione umanistica dell’arte. Le sue “figure”, volti o più complesse composizioni di corpi, intendono ribadire quella insignificanza del soggetto e quell’atteggiamento antieroico che hanno caratterizzato l’arte del XIX e XX secolo. 


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raf e Umberto Tozzi, Flavio Boltro, 1° maggio alla Rocca malatestiana, Fiera dei salumi e formaggi: si scalda il weekend cesenate
CesenaToday è in caricamento