rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
WeekEnd

Formaggio di fossa, il fumettista Igort, MalatestaShort, "Se questo è un uomo": weekend intenso sul territorio

Con la 46esima edizione della Fiera del Formaggio di Fossa di Sogliano DOP si torna a celebrare una delle eccellenze del territorio. Appuntamento con un grande fumettista per Cesena Comics e chiusura per il MalatestaShort film festival, nuove stagioni teatrali che partono

Eccellenze del territorio, fumetti e cinema breve, grandi musicisti sui palchi, teatri che si riempiono di nuovo davanti ai migliori intepreti, territori che mostrano i propri tesori, nuova vita per gli oggetti, arte, fotografia, ceramica e Dante:questo e molto altro caratterizza gli eventi che si tengono nel Cesenate da venerdì a domenica.

Fiera del Formaggio di Fossa

Torna, con la 46esima edizione, la Fiera del Formaggio di Fossa di Sogliano DOP, domenica. L’affascinante storia del formaggio di fossa si perde nel tempo. Considerato un piccolo tesoro già nel Settecento, le tecniche di infossatura si sono da allora sempre più raffinate e nel 2009 questo prodotto d’eccellenza romagnola ha ottenuto la Dop con la denominazione “Formaggio di Fossa di Sogliano DOP”.  Per la Fiera si organizzano numerose manifestazioni collaterali: spettacoli teatrali, musicali e ricreativi, area dedicata ai bambini, convegni, concerti, degustazioni di vini e formaggi, con stand di prodotti tipici provenienti da diverse zone d’Italia.

Cesena Comics e MalatestaShort film festival

Proseguono gli incontri di Cesena Comics rivolti a un pubblico giovane e adulto. Domenica  sarà la volta di Igort, poliedrico fumettista dalla voce narrante forte e dal tratto inconfondibile, in Aula Magna della Biblioteca Malatestiana. Igor Tuveri, in arte Igort, è uno degli autori più amati della scena italiana. Inizia la sua carriera a Bologna sul finire degli anni settanta, collaborando a numerose riviste, tra cui Linus, Alter, Frigidaire. Nel 1983, non ancora venticinquenne, fonda insieme ad altri il gruppo Valvoline, un collettivo di avanguardia artistica. Il MalatestaShort Film Festival, appuntamento internazionale di cinema breve che intitola la sua quinta edizione “All you can see”, si conclude nel weekend, con le ultime due giornate. Sabato spazio al "Pitch Day", Focus Cinema Emilia Romagna, e domenica al Concorso Internazionale Extended Cinema terza sessione, con Focus Africa, selezione internazionale cinema africano, in collaborazione con Mashariki Afrikan Film Festival, Rwanda. 

Musica e poesia

Il Concerto per Lucio Briganti, che va in scena venerdì al Teatro comunale di Cesenatico, nasce dal riconoscimento per l’impegno e la passione di Lucio Briganti nell’organizzare dal 2004 al 2009 i concerti jazz (una trentina) del cartellone invernale del Teatro comunale e della rassegna estiva. In quegli anni Briganti assieme ai due amici partecipi di quell’avventura, Alberto Antolini e Marco Zoffoli, portò tanti musicisti sul palcoscenico del teatro, italiani ed internazionali, spesso presenti nei cartelloni di grandi festival e rassegne come Umbria Jazz, per citarne uno.  Venerdì, alle cantine di Villa Nellcote, sarà il turno di Pino Marino. Cantante, paroliere, compositore, produttore e operatore culturale è in attività professionale dalla metà degli anni ‘90 e viene considerato uno dei più attivi protagonisti della scena culturale romana e nazionale. Autore negli anni per vari colleghi fra cui Niccolò Fabi e collaboratore di varie produzioni di spettacoli ed eventi culturali con Daniele Silvestri, Manuel Agnelli ed altri colleghi della scena nazionale. Si esibirà in versione solista , piano e voce. Ancora di jazz si parla, per la seconda data della rassegna “Around the jazz”, in programma sabato, quando il Club Blues Alley di Cesena si prepara ad ospitare un artista che ha fatto la storia della musica italiana, il batterista Ellade Bandini. A dargli manforte sul palco saranno Alessandro Fariselli (sax tenore) e Sam Gambarini (organo hammond).  Da Francesco Guccini a Mina, da Paolo Conte ad Antonello Venditti e a Fabio Concato: le collaborazioni strette da Ellade Bandini con gli artisti più rappresentativi della scena musicale italiana non si contano più. Nuova tappa per "Jolly Be Good", ovvero “buone vibrazioni”, che prosegue al teatro Jolly di Cesena. Sabato sarà l'occasione per addentrarsi nei bassifondi di New York in compagnia di un vorticante Lou Reed, raccontato da Andrea Tarabbia (vincitore del Premio Campiello), a rileggerne le musiche gli Acusting Plays, alias Erik Montanari, già chitarrista del Massimo Zamboni ex CCCP e Andrea Conforti, la cui voce non teme paragoni. Domenica a Palazzo Ghini a Cesena, come primo appuntamento della rassegna "Dante, il pavone dai cento occhi", andrà in scena il recital poetico musicale in omaggio a Dante Alighieri "Nel mondo di Dante, donne ch'avete intelletto d'amor", con musiche originali eseguite dal vivo dai musicisti Daniele Torri, Eros Rambaldi e Nicola Matteini. A completare questo affresco emotivo, il canto espressivo e vibrante di Liana Mussoni e la voce calda e profonda di Angelo Trezza. Eliseo Art lab, il nuovo spazio dedicato alla musica, e alle arti sopra il Cinema Eliseo, ospita, domenica, Stefano Ruiz per un recital pianistico con brani di Wolfgang Amadeus Mozart, Frederic Chopin, Gian Francesco Malipiero, Claude Debussy e George Gershwin. In occasione dei cento anni dalla nascita del Maestro Vittorio Borghesi, compositore ed esecutore virtuoso, venerdì a Palazzo Ghini di Cesena sarà possibile l’acquisto di cartoline con apposizione di un annullo speciale figurato dedicato al Maestro. Ci sarà poi un incontro con il mondo dell’operetta. Protagonista e curatrice dell’evento sarà la cantante lirica Jean Bennett Giorgetti, affiancata dalla pianista Barbara Amaduzzi e dal tenore cesenate Paolo Gabellini. Domenica alla sede dell’Istituto Musicale “Arcangelo Corelli” si tiene una conferenza dello studioso Federico Savini, preceduta e seguita dall’esecuzione di brani musicali, eseguiti da alcuni musicisti dell’Orchestra Borghesi, con particolare riferimento allo strumento della fisarmonica della quale il Maestro era un virtuoso esecutore e compositore.

Teatro

Dopo essere stato applaudito nelle maggiori città italiane nel 2019, "Se questo è un uomo", lo spettacolo di Valter Malosti dall’opera di Primo Levi, arriva al Teatro Bonci di Cesena fino a domenica.  La voce di Levi ha fatto parlare Auschwitz in tutto il mondo: da oltre settant’anni racconta ai lettori di ogni età la verità sullo sterminio nazista. Nel 2019, in occasione del centenario della nascita dello scrittore, Valter Malosti porta in scena per la prima volta direttamente il romanzo, senza alcuna mediazione: parole che nella loro nudità sanno restituire la babele del campo, i suoni, le minacce, gli ordini, il rumore della fabbrica di morte. Il sipario del Teatro Comunale di Gambettola si apre ufficialmente sabato con una delle più brave attrici del panorama nazionale: Lucilla Giagnoni, con lo spettacolo “Donne”, racconti di piccole donne scritti da grandi donne. Racconti commoventi e ironici di tre grandissime scrittrici sudamericane: Isabelle Allende, Clarice Lispector e Angeles Mastretta, che riescono a far trovare la via di uscita dal buio della negatività e far vedere quanto in?nitamente belli siano uomini e donne, e quanto sia prezioso il loro stare insieme. Secondo appuntamento per la rassegna' Pieno di Voci' della Stagione Teatrale 2021/2022 a Villa Torlonia. Sabato sarà in scena Marta Cuscunà con “La semplicità ingannata”. In questo spettacolo Marta Cuscunà, che nella sua ricerca unisce l'attivismo alla drammaturgia, racconta della resistenza femminile di un gruppo di clarisse del Cinquecento che si ribellarono ai dogmi religiosi e alle imposizioni della cultura maschile. Una vicenda che anticipa straordinariamente le attuali lotte alle convenzioni sociali. Prende il via, sempre a Villa Torlonia Teatro “Il Fanciullino”, la rassegna dedicata ai ragazzi e alle loro famiglie: si inizia domenica con la Combriccola dei Lillipuziani che sarà in scena con “Cuochi da Incubo. ll peggiore show cooking della storia!” di e con Matteo Giorgetti ed Emanuele Tumolo.  Sul palco due cuochi “clowns” tra bottiglie volanti, piatti, bicchieri, un pizzico di magia e strane sonorità. L’Associazione dei genitori della Terapia Intensiva Neonatale e della Neonatologia di Cesena e Forlì  ‘Crescere a Piccoli Passi’ organizza, sempre per domenica,  al Teatro Verdi di Cesena l’iniziativa benefica “A piccoli passi sul palco”: l’obiettivo è raccogliere fondi a sostegno del reparto di Cesena diretto dal dottor Marcello Stella e del reparto di Forlì diretto dal dottor Enrico Valletta. 

Alla scoperta del territorio e "C'era una volta" in Fiera

In vista della cerimonia di conferimento del Premio Malatesta Novello per il ciclo “Scopri Cesena”, arrivano due tour straordinari dedicati al Magnifico Signore (1429-1465) che ha donato alla città anche la Biblioteca Malatestiana, di carattere umanistico e che conserva insieme i manoscritti appartenuti all’antico convento di San Francesco e quelli commissionati da Malatesta Novello stesso nel corso del XVesimo secolo. Sabato si ripercorreranno i momenti salienti della vita dell’uomo che, insieme all’amata Violante, cambiò la storia e il volto della nostra città. Il percorso, muovendo dal luogo dove era situato il Palazzo dei Signori, raggiungerà la Rocca Malatestiana, che si aprirà ai visitatori in tutto il suo fascino antico e misterioso. Tutte le domeniche pomeriggio le antiche sale della casa natale del poeta Giovanni Pascoli si animeranno con percorsi guidati tematici e una speciale selezione di documenti originali per toccare con mano la ricerca d’archivio. Sabato appuntamento con “Polaroid: scatti decorati” a cura di Alessia Amati, direttrice artistica Polaroiders Italia. Un incontro per conoscere storia e curiosità sull’iconica Polaroid, imparare ad allestire set e luci per una personale sessione con modella, elaborare e arricchire lo scatto con foglia oro, inchiostri e incisioni. Arte tribale, arredi in stile industriale, modernariato, originali pezzi di design, oggetti del passato che riprendono nuova vita, abbigliamento vintage. Sono solo alcune delle proposte che si potranno trovare sabatoe domenica nei padiglioni di Cesena Fiera in occasione del nuovo appuntamento con “C’era una volta”, la fiera dedicata all' officina antiquaria, vintage e brocantage in programma il terzo week end di ogni mese. Presenti circa 300 espositori non solo dall’Emilia-Romagna, ma anche da Milano, Torino, Genova, Napoli e altre parti della Penisola, con una ricca varietà di offerte.

In mostra

Alla Galleria Pescheria di Cesena è aperta la mostra di Mario Bertozzi dal titolo “Il Segno e la Forma”, che sarà visitabile fino all'8 dicembre. La mostra che è stata fortemente voluta dal figlio Rodolfo, celebra l’autore a un anno dalla sua morte, avvenuta lo scorso 28 novembre, ed è a cura di Francesca Caldari. Forte il legame dell’autore con la città di Cesena, la quale per oltre un ventennio ne ospitò lo studio e se ne avvalse come docente presso numerosi Istituti. Si è conclusa la catalogazione in Opac dell’archivio fotografico di Palazzo Vendemini a Savignano.  In occasione di Si Fest 21 l’archivio, attualmente ospitato nei locali di Palazzo Vendemini in attesa di trovare sede stabile nella futura Fototeca comunale, è stato oggetto di una mostra dal titolo "Luce in archivio. Percorsi visivi dai cataloghi fotografici di Palazzo Vendemini", a cura di Jessica Andreucci e Giuseppe Pazzaglia. La mostra è allestita nella sala “Marco Pesaresi”. In occasione dei cento anni dalla nascita e dei vent’anni dalla sua morte Cesena celebra con una mostra temporanea, allestita  fino a sabato presso la Pinacoteca comunale, l’artista cesenate Eugenio Amadori, affermato violinista di professione, apprezzato pittore e autore di efficaci caricature, sia in forma di disegni che di statuette. Il percorso espositivo è curato dell' esperto di storia e arte locale Franco Spazzoli, che accompagnerà i visitatori ripercorrendo le tappe della vita dell’artista cesenate soffermandosi sulla sua forte passione per la musica e per l’arte e sulla varietà dei mezzi espressivi utilizzati nel corso della sua carriera. Gli spazi espositivi della Galleria d’arte del Ridotto a Cesena ospitano la mostra “1993~2000: 8 anni d’Arte per Cesena”. Per questa occasione espositiva dunque i curatori Pompili e Zattini hanno selezionato una campionatura di opere di Mattia Moreni, Fabrizio Clerici, Giannetto Fieschi, Joachim Schmettau, Susanne Wheland, Lily Salvo, Gianfranco Asveri e Paolo Borghi. La mostra inoltre sarà documentata nel n. 97 (Anno XXIII - 2021) della rivista trimestrale di Arte e Letteratura “Graphie”. In occasione delle giornate di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, a Cesena è visitabile la mostra “Le conseguenze. I femminicidi e lo sguardo di chi resta”, che affronta il tema dei femminicidi con un approccio mai tentato prima, ovvero raccontare i giorni di chi resta. L’autrice, la giornalista e fotografa Stefania Prandi, ha raccolto, nel corso di tre anni, testimonianze, immagini di volti, oggetti, luoghi che raccontano lo sguardo di chi sopravvive al femminicidio. Al Vicolo, galleria arte cintemporanea di Cesena, apre sabato la mostra "Alto | Basso" dedicata alle recenti opere di Fiorenza Pancino. L’artista pone una sorta di cintura di margine al tempo, lo perimetra e lo circoscrive per meglio riconoscerlo. Pancino ha tradotto le sue visioni in sculture ceramiche coinvolgendo parallelamente Virginia Morini che le ha interpretate ‘in carne viva’ attraverso una mise en scène resa perenne dalle fotografie. E' aperta al pubblico la mostra "Per Dante Alighieri: testi, commenti, imitazioni e difese", allestita nella sala piana della Biblioteca Malatestiana. L'esposizione ha come obiettivo descrivere alcuni aspetti della fortuna delle opere di Dante Alighieri utilizzando il patrimonio conservato presso la Biblioteca Malatestiana. Mette in primo piano le bellezze paesaggistiche e monumentali del territorio di Sarsina "Un click per Sarsina", la mostra allestita presso l’Ufficio di Informazione Turistica comunale e composta da 60 scatti tesi a rappresentare nel suo insieme una delle cittadine più ricche di arte, cultura e religiosità della Romagna. Le foto esposte sono frutto del lavoro realizzato da quattro fotografi locali, Marino Alessandrini, Stefano Giannini, Sergio Scarpellini e Roberto Segato, che in questo modo consentono ai visitatori di conoscere e approfondire, anche attraverso un semplice dettaglio, le caratteristiche di quest’area della Valle del Savio che unisce letteratura, teatro e natura in un unico e affascinante racconto storico.  Prosegue all’Archivio di Stato di Cesena l’esposizione della documentazione archivistica riguardante la condizione delle donne ebree a Cesena, allestita in occasione della “Domenica di Carta” nell’ambito della Giornata europea della Cultura ebraica. La mostra si concentra sui nomi delle donne ebree risalenti ai secoli XIV e XVesimo e oggi raccolti in un post-introduttivo all’esposizione delle fonti documentarie prescelte, quasi a registrare la traccia rappresentativa di un’epoca che confluisce attraverso le fonti archivistiche nell’esaltazione della stessa. "Muta terra” è il titolo della mostra di arte contemporanea ospitata negli spazi di Palazzo del Capitano da sabato Sei gli artisti coinvolti, che spaziano dalla pittura, alla scultura, alla fotografia: Alessandro Casetti, Roberto Giordani, Adriano Maraldi, Michela Mariani, Saverio Mercati, Monia Strada. "Tono & Dante. Segni e colori di Tono Zancanaro per la Divina Commedia"   è il titolo della mostra allestita alla Galleria Comunale d’Arte “Leonardo da Vinci” di Cesenatico.  Del celebre artista padovano sono in esposizione stampe litografiche, disegni originali e sculture. In mostra figura anche un busto bronzeo con l’effige di Tono, opera dello scultore veneto Piero Perin, di recente donata al Comune di Cesenatico dall’Archivio Storico di Padova che di Zancanaro reca il nome. La mostra rimanda all’impresa di Tono di illustrare la Commedia dantesca affrontata nel 1964 su incarico dell'editore Laterza di Bari, poi proseguita con il volume commentato dal noto critico d’arte Carlo Ludovico Ragghianti, pubblicato a Pisa nel ’65. Ancora Dante, anche a Longiano: una edizione del 1542 della Divina Commedia, un rarissimo menabò di incisioni realizzate da Luigi Nuti su disegno di Giovanni Flaxman,  la Divina Commedia interamente trascritta a mano ed illustrata in graphic novel style dall’artista newyorkese George Cochrane. Queste alcune proposte che la Fondazione Tito Balestra di Longiano fa sul Sommo Poeta nell'anno delle celebrazioni dantesche e lo fa nel suo stile presentando una “piccola” ma preziosa mostra, un cameo nelle celebrazioni nazionali: “Le pagine di dante- chicche dantesche della donazione Angelucci”, mostra curata da Flaminio Balestra direttore dell'omonima Fondazione e da Carlo Pulsoni accreditato studioso dantesco.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formaggio di fossa, il fumettista Igort, MalatestaShort, "Se questo è un uomo": weekend intenso sul territorio

CesenaToday è in caricamento