rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
WeekEnd

Rocco Papaleo, circo teatro, jazz, visite alla scoperta della città: ecco le proposte per il weekend cesenate

"Peachum. Un’opera da tre soldi", in scena al Teatro Bonci, vede la collaborazione tra Fausto Paravidino e Rocco Papaleo, mentre lo spettacolo di circo teatro, “Kolòk, i terribili vicini di casa” è affidato a Olivia Ferraris e Milo Scotton

Da Brecht agli spettacoli per i più piccini, dal circo in teatro ai manicomi, musica per tutti con la partenza del Maderna Jazz festival, e poi alla scoperta della Cesena ebraica e della Rocca. Si parla di 'Mani pulite', dei social e di internet, delle pievi della Romagna, e ancora nuove mostre, laboratori e cinema. Ecco tutti gli eventi da venerdì a domenica sul territorio cesenate.

Sui palchi dei teatri

Fausto Paravidino riscrive l’epopea a rovescio dell’antieroe di Brecht: il suo nuovo spettacolo, "Peachum. Un’opera da tre soldi", è in scena al Teatro Bonci di Cesena  fino a domenica. L’autore e regista è sul palco nel ruolo di Mickey, antagonista di Peachum, qui un commerciante senza scrupoli oltre che il re dei mendicanti, interpretato da Rocco Papaleo. I due artisti sono alla loro prima collaborazione teatrale. L’opera da tre soldi, la più rappresentata e conosciuta di Brecht, debuttò nel 1928; si rifà alla Beggar’s Opera di John Gay (XVIII secolo).  Nuovo appuntamento della rassegna Famiglie a teatro, al Teatro Comunale di Gambettola: sabato andrà in scena lo spettacolo “Papero Alfredo” della compagnia marchigiana ATGTP. Una storia divertente che racconta del rapporto tra vecchio e nuovo, tra babbi e figli: generazioni destinate ad amarsi, sfidarsi, e rincorrersi per l’eternità. Si intitola “Io voglio vivere” lo spettacolo che la compagnia Zombie Not Dead metterà in scena venerdì al Cine Teatro Victor di San Vittore. Scritto e diretto da Cristian Milandri e ispirato a storie e testimonianze reali (ma anche alla serie tv American Horror Story), lo spettacolo rappresenta la vita all’interno dei manicomi. Prosegue il laboratorio di arte applicata, nuova proposta didattica di Claudia Castellucci, drammaturga, coreografa e didatta, cofondatrice della nota compagnia teatrale Societas. Rivolto ad artisti, artigiani e studenti, il laboratorio, che si tiene al Teatro Comandini di Cesena, ha l’intento di sperimentare e ricongiungere il rapporto tra arte e artigianato. Domenica al Palazzo Dolcini, Teatro comunale di Mercato Saraceno, va in scena  lo spettacolo di circo teatro, “Kolòk, i terribili vicini di casa” di e con Olivia Ferraris e Milo Scotton.  L'esibizione unisce gli elementi del teatro comico e acrobatico con parole, musica, e giocoleria  e tratta il tema dell’integrazione partendo dalla vita in un condominio. Dopo due anni di assenza, torna il Carnevale di Gambettola, d’ora in poi Carnevale della Romagna. Insieme al Carnevale è tornato anche il Concorso per il manifesto, che sceglie fra gli studenti delle scuole della Romagna l’immagine promozionale della festa gambettolese per eccellenza: domenica si terrà la cerimonia di premiazione delle opere candidate a quest’ottava edizione, presso il Teatro Comunale di Gambettola.

Maderna Jazz Festival al via

Con la masterclass e il concerto “Eterno aprendiz” del clarinettista Gabriele Mirabassi, dedicati alla musica popolare brasiliana, si apre venerdì l’edizione 2022 del Maderna Jazz Festival, rassegna organizzata dal Dipartimento Jazz del Conservatorio "Bruno Maderna" di Cesena diretto da Laura Pistolesi e coordinata dal pianista Michele Francesconi. Gabriele Mirabassi, clarinettista di fama internazionale (ha collaborato con Richard Galliano, Stefano Bollani, John Cage, Gianmaria Testa, Ivano Fossati, Mina) e da quest’anno docente a contratto del Conservatorio cesenate, sarà affiancato in concerto dal chitarrista Giancarlo Bianchetti.

Visite alla scoperta della città

Sabato si replica la visita guidata “Scopri Cesena ebraica” impreziosita dalla conferenza a cura dell’esperto di storia locale Franco Spazzoli. Dal Medioevo alla Shoah: una visita guidata per scoprire la storia della comunità ebraica e i suoi rapporti con la città, dalla fine del Trecento alle “bolle infami” che, due secoli più tardi, ne segnarono l’allontanamento, e dal ritorno a Cesena dopo la Rivoluzione Francese fino alla seconda guerra mondiale. San Valentino si avvicina e alla Rocca Malatestiana è previsto un anticipo dedicato al romanticismo e al cibo. Domenica sarà possibile effettuare un tour guidato alla Rocca alla scoperta di storie di amori malatestiani e pranzare o cenare presso la Casa del custode con un menù realizzato per l'occasione.

Incontri e letture tra Mani pulite ed internet

Venerdì nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana di Cesena si terrà l’incontro “A trent’anni da mani pulite. Un bilancio tra storia e memoria”. Trent’anni dopo l’arresto di Mario Chiesa (era il 17 febbraio del 1992), che segnò l’inizio dell’inchiesta “Mani pulite”, l’editorialista del Corriere della sera Goffredo Buccini, che all’epoca seguì come giovane inviato quelle vicende, e la professoressa Simona Colarizi dell’Università di Roma, che da anni studia la storia politica del secondo dopoguerra, a partire da due loro recentissime pubblicazioni (entrambe Laterza) sul tema, ricostruiranno il biennio 1992-1994 che cambiò il volto istituzionale e la storia del nostro Paese. La Sala lignea ospita, sempre venerdì, un incontro di formazione "Tra social e dintorni", dedicato ai nuovi paradigmi della narrazione collettiva, mutuati dai contemporanei mezzi di comunicazione di massa, dal passato al futuro, dai codici miniati ai meme. Ancora venerdì, al Palazzo del Ridotto si parlerà di internet, della sua evoluzione, dei cambiamenti che ha determinato nella società, delle prospettive aperte dal Metaverso, con la conferenza “Internet: breve storia di idee, persone e tecnologia”. Relatrice Mafalda Sandrini, ricercatrice della Freie University di Berlino, esperta in sociologia della rete. La Biblioteca Malatestiana Ragazzi conclude la programmazione del tutto nuova indirizzata ai bambini dai tre anni e che interesserà l’intero mese di febbraio tra letture ad alta voce e riferimenti letterari di tutto riguardo: venerdì appuntamento con “Se incontrassi un orso” di Silvia Borando. Sabato nell’Aula Magna si terrà la presentazione del libro di Paola Novara “La Romagna delle pievi”  che vuole offrire, tenendo insieme l’intera Romagna, un percorso a chi volesse ripercorrere le indagini sulle tracce degli studiosi e degli archeologi del passato e una sintesi di quanto scritto fino ad oggi.

Cosa fare nel weekend a Forlì

Cosa fare nel weekend a Ravenna

Cosa fare nel weekend a Rimini

Arte, cinema e laboratori

Sabato alla Galleria Pescheria di Cesena si inaugura la mostra “Le Credenze delle Ovarole” con le opere di Tonina Cianca. L’esposizione, allestita nella ricorrenza del decennale della scomparsa della pittrice, consentirà al pubblico di ritrovare i celebri personaggi femminili scaturiti dalla fantasia dell’artista cesenaticense e generati da sue precise esperienze di vita. Scatti di Auschwitz per ricordare. Savignano omaggia la Giornata della Memoria con il linguaggio più congeniale, la fotografia. Sono visibili a Palazzo Vendemini una serie di scatti di autore anonimo, realizzati all’incirca negli anni settanta, fotografie in bianco e nero di dimensione 40x30, un breve ma significativo reportage raccolto all’interno del campo di sterminio tristemente famoso. La Galleria del Ridotto di Cesena ospita la mostra “Dream” di Matteo Maria Salvo. Il titolo ben rappresenta la volontà di riferirsi a un mondo magico che trascende la realtà. La pittura colorata, espressiva - a tratti decorativa – di Matteo Maria Salvo si appropria di un gesto che deriva dalla vitalità dell’illustrazione per approdare a un esito dichiaratamente pittorico che fa del colore il suo cardine fondamentale.  Prosegue la programmazione del Cinema Teatro Moderno per il mese di febbraio. Sabato e domenica, lo schermo del Moderno sarà per un musical, Caro Evan Hansen  (Usa, 2021), di Stephen Chbosky. Domenica il fim per i ragazzi sarà Me contro te, persi nel tempo (Italia, 2022) di Gianluca Leuzzi.  Sabato, nei nuovissimi spazi della biblioteca di Borello i bambini e le bambine dai 6 ai 12 anni potranno conoscere meglio l’argilla grazie ad un laboratorio di manipolazione e creazione: un materiale naturale che proviene dalla terra, forte come una roccia e morbida come la plastilina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rocco Papaleo, circo teatro, jazz, visite alla scoperta della città: ecco le proposte per il weekend cesenate

CesenaToday è in caricamento