"Pieve in scena": Corrado Tedeschi in "L'uomo che amava le donne"

Sabato alle ore 21 nell'Arena del Parco della Resistenza e della Pace di Pieve di Rivoschino è in programma "L'uomo che amava le donne" con Corrado Tedeschi (regia di Luca Cairati). Lo spettacolo è tratto da un racconto che François Truffaut ricavò dalla sceneggiatura del film L'homme qui aimait les femmes, da lui diretto nel 1977. Il protagonista, Charles Denner, incarna una figura disincantata, ironica, ma insieme tenera e malinconica.

La trama - Cresciuto con una madre libertina, ma severa e dura nei confronti del figlio, che costringe anche a fare da postino per recapitare le lettere scritte ai suoi numerosi amanti, Bertrand ha la sua prima esperienza sessuale con una prostituta nell'età dell'adolescenza. Durante la giovinezza è timido con le donne, ma con il tempo impara molto bene ad ovviare a questo problema. Da buon seduttore, egli predilige le avventure sentimentali poco impegnative, tanto che non permette mai a nessuna donna di passare una notte intera con lui. Una delle poche eccezioni è quella con Delphine, una signora trentenne infelicemente sposata con un medico più anziano, con la quale instaura una relazione che si protrae nel tempo: lei diventa gelosa e finisce addirittura in galera quando tenta di uccidere il marito. Nel frattempo Bertrand vive moltissime avventure, tra cui quelle con una procace sordomuta che lavora in un cinema, con una baby sitter scandinava, con un'insegnante del conservatorio, con una cinese che si esibisce in un numero al luna park.

Finché un giorno Bertrand, turbato dall'inatteso rifiuto di una commessa di 41 anni che sembrava facilmente disponibile, decide di scrivere un libro che racconti tutte le sue conquiste. Durante le feste di Natale, poco prima della pubblicazione della sua autobiografia, egli attraversa incautamente una strada, mentre è a caccia di una nuova "preda", e viene travolto da un'auto. Morirà poco dopo all'ospedale quando, nel tentativo di approcciare una giovane infermiera bionda, stacca inavvertitamente la sacca di alimentazione del sangue che lo teneva in vita.
Termina così il lungo flashback e si torna alla scena del funerale di Bertrand, dove ognuna delle sue donne si sofferma a turno sulla sua bara, gettandovi sopra una manciata di terra. Di Bertrand cosa rimarrà alla fine? Grazie all'aiuto della sua ultima conquista Geneviève, resterà il libro autobiografico che verrà dato alle stampe, testimonianza tangibile di un uomo non qualunque, ma di un uomo che amava le donne.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Il centro si popola di zombie per un Halloween in stile “The Walking Dead”

    • Gratis
    • 31 ottobre 2020
    • Centro storico
  • Da Leonardo da Vinci a Renato Serra: il tour in centro fra storia e “Cesenati illustri”

    • dal 3 al 24 ottobre 2020
    • Centro storico
  • Le Giornate Fai d'Autunno alla scoperta di Palazzo Oir e dello studio di Arnaldo Mussolini

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Due incantevoli chiese cesenati tutte da scoprire

    • Gratis
    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • chiesa di Santa Cristina e la chiesa di Sant'Agostino
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    CesenaToday è in caricamento