menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si alza il sipario sulla stagione del Cinema Teatro Moderno

Ritorna il teatro a Savignano: il cartellone si apre con La lampada di Aladino e termina con un omaggio alla fotografia. Spazio alla prosa e alla danza contemporanea

Si rinnova al Cinema Teatro Moderno di Savignano sul Rubicone la felice unione tra il grande teatro e la tradizione della sala cinematografica di paese che per una intera stagione presta il suo sipario a un cartellone di prosa, danza contemporanea e immancabile fotografia d’autore.

Con l’avvio della nuova stagione ripartono gli spettacoli, sette appuntamenti in programma dal 30 novembre 2018 al 13 aprile 2019, affidati alla più che cinquantennale esperienza di ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna.

Ad inaugurare il cartellone venerdì 30 novembre sarà la prosa con La lampada di Aladino, un’opera teatrale classica per marionette scritta da Nina Gernet, il cui motivo è tratto dalle favole arabe de I Racconti delle mille e una notte. Si tratta di una rappresentazione romantica dell’amore la cui prima assoluta risale al 1° ottobre 1940.

Il secondo appuntamento è un esordio per il palcoscenico del Moderno sul quale mercoledì 12 dicembre si affaccia la danza, per la prima volta nell’ambito della stagione teatrale. In scena Vanitas, di Fattoria Vittadini. Il progetto nasce dall’incontro artistico tra la coreografa e performer Francesca Penzo, l'artista newmedia Jacques- André Dupont e il sound designer Clemént Destéphen. In un succedersi graduale e luminoso di immagini e suoni, la coreografia dei corpi rappresenterà con levità il tema della caducità della vita e della morte, non come tabù ma come momento fondamentale di un equilibrio di cui è necessario prendersi cura. Lo spettacolo è presentato nell’ambito di E’ BAL.

Sabato 19 gennaio si torna alla prosa con Siamo stati a Elsinore scritto e diretto da Francesca Iacoviello e Lisa Severo di Teatro Zenit. A calcare le scene la Compagnia Fuali in un Amleto rivisto e riletto dal gruppo di commedianti invitati ad Elsinore per incastrare Re Claudio. Sospeso nel tempo, un gruppo di attori rivive la celebre tragedia Shakespeariana, restituendo in essa la propria vita e la propria esperienza.

Sempre per la sezione prosa domenica 17 febbraio Un alt(r)o Everest di e con Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi per Atir Teatro Ringhera  racconta di due amici, Jim Davidson e Mike Price, che decidono di scalare il Monte Rainier, negli Stati Uniti. Ma quella scalata non sarà solo la conquista di una vetta. Sarà un punto di non ritorno, un cammino impensato dentro alle profondità del loro legame. L’ingresso allo spettacolo è ridotto per i soci CAI.

Giovedì 7 marzo un ritorno atteso dal pubblico del teatro savignanese che potrà prendere parte al rito sonoro Vedo ancora una piccola porta, di e con Mariangela Gualtieri accompagnata da Stefano Aiolli, violoncello e voce. La poetessa e il giovane strumentista e compositore toscano cantano un invito a non smettere di credere nella potenza salvifica della bellezza.

Domenica 24 marzo si torna alla prosa con Happy Hour, la nuova scrittura di Cristian Ceresoli, a sei anni dal debutto de La merda che gli ha valso numerosi premi, tra cui l’oscar del teatro europeo al Fringe Festival di Edimburgo, e regalato un grande successo di pubblico e critica, dall’Europa al Brasile, dall’Australia al Nord America. Qui, per la regia di Simon Boberg, Silvia Gallerano incarna la piccola Ado, una ragazzina affamata d’amore, mentre Stefano Cenci è suo fratello Kerfuffle che daranno vita ad una partitura in cui si incontra un’umanità che gode della vita, veste ghepardato e è disposta a tutto per difendere il proprio entusiasmo.

Non poteva mancare a Savignano sul Rubicone, città del SI FEST, l’appuntamento con la fotografia che chiuderà il cartellone sabato 13 aprile con Gli occhi di Vivian Meier. I’m a camera, di e con Roberto Carlone, fondatore della Banda Osiris. La fotografa americana Vivian Maier (1926-2009), bambinaia dalla vita enigmatica, quando morì lasciò circa 150 mila foto di una forza impressionante che nessuno vide mai se non dopo la sua morte. La storia della bambinaia fotografa si snoda attraverso quattro personaggi impersonati da un solo attore e musicista, Roberto Carlone, co-autore di colonne sonore per Mattero Garrone,  Cristina Comencini e Antonio Albanese e di famose sigle televisive e radiofoniche come Parla con me, Caterpillar, Un giorno da pecora.

Tutti gli spettacoli iniziano alle 21, con ingresso intero a 15 euro e ridotto a 12 euro (under-27 e over-65). Il biglietto di ingresso per Siamo stati a Elsinore è di 5 euro. L’abbonamento costa 50 euro per 6 spettacoli + 1 (Siamo stati a Elsinore) e può essere sottoscritto alla Biblioteca comunale di Savignano (lunedì-venerdì, ore 14-18.30; sabato, 9-13): la campagna abbonamenti è attiva dal 5 al 10 novembre per i rinnovi, e dal 12 al 17 novembre per le nuove sottoscrizioni. I biglietti per i singoli spettacoli sono in prevendita dal 19 novembre sul sito www.vivaticket.it e dal 20 novembre al Cinema Teatro Moderno (martedì, ore 10-12; mercoledì, 17-19; giorni di spettacolo, 20-21; dal 20 novembre sono attive anche le prenotazioni telefoniche al numero di telefono 327 735 1223). È possibile usare i bonus cultura dei programmi 18app e Carta del docente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento