Ricollocato il busto di Filippo Zappi, opera di Fioravanti

Con una inusuale e calorosa cerimonia, con tutti gli studenti spettatori e protagonisti, si è svolta martedì mattina nell'atrio della scuola media di Mercato Saraceno, la ricollocazione del busto bronzeo di Filippo Zappi, opera di Ilario Fioravanti degli anni sessanta

Con una inusuale e calorosa cerimonia, con tutti gli studenti spettatori e protagonisti, si è svolta martedì mattina nell'atrio della scuola media di Mercato Saraceno, la ricollocazione del busto bronzeo di Filippo Zappi, opera di Ilario Fioravanti degli anni sessanta. L’iniziativa è stata l’occasione per commemorare il mercatese Filippo Zappi (ufficiale di Marina, esploratore al Polo Nord con la spedizione del dirigibile Italia), a cui la scuola è intitolata. È stato proiettato un video e sono stati esposti elaborati sulla vita e sulle imprese di Zappi, frutto di una ricerca realizzata dalla classe 3^ B, guidata dalla professoressa Daniela Aldini.

Alla cerimonia, coordinata dalla dirigente dell’istituto scolastico mercatese, Lorenza Prati, erano presenti: la figlia di Filippo Zappi, Laura e il nipote Filippo Belloni; Adele Briani Fioravanti, vedova di Ilario, progettista dell’edificio scolastico ed autore della scultura bronzea del busto dell’esploratore mercatese; Loredana Aldini, ex dirigente dell’istituto scolastico mercatese; Monica Rossi, assessore alla Scuola del Comune di Mercato Saraceno; Gianpiero Giordani, della Associazione culturale “Fogli Volanti”. I congiunti di Zappi hanno risposto alle domande di alcuni dei tantissimi ragazzi presenti. Toccante il racconto di Adele Briani Fioravanti che ha ricordato come il marito Ilario – scomparso un anno fa - fosse particolarmente legato alla sua opera realizzata per la scuola di Mercato Saraceno. A Ilario Fioravanti fu chiesto da Gianpiero Giordani, nel marzo del 2011, di autenticare il busto di Filippo Zappi, non firmato dall’artista, per una sua ricollocazione nel sito originario. Egli si commosse davanti alla richiesta e ricordò con uno scritto – letto durante la cerimonia - l’iter che lo portò a realizzare il ritratto bronzeo dell’esploratore mercatese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il busto è stato per l’occasione ricollocato nell’atrio della scuola media, dov’era stato posto inizialmente e poi smontato, anni addietro, a causa di lavori di ampliamento dell’edificio. L’iniziativa è stata organizzata dall’Istituto scolastico comprensivo, dal Comune di Mercato Saraceno e dalla Associazione Culturale “Fogli Volanti”, organizzatori della Mostra del libro per Ragazzi “Dentro il Libro”, appena conclusasi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento