menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quota quindici per il Premio Pascoli di poesia: le iscrizioni chiudono il 30 aprile

Due le sezioni del premio: in lingua, promosso dalla Banca Romagna Est, consta del valore di 2mila euro, ed è riservato a opere edite non prima del 1 maggio scorso

Quota quindici per il Premio Pascoli di poesia, promosso da Sammauroindustria, l’associazione pubblico-privato che raggruppa i principali imprenditori (calzaturieri e non solo) e l’amministrazione comunale di San Mauro Pascoli. Due le sezioni del premio: in lingua, promosso dalla Banca Romagna Est, consta del valore di 2mila euro, ed è riservato a opere edite non prima del 1 maggio scorso; dialetto, per opere edite non prima del 1 maggio 2013 (con testo italiano a fronte), sempre del valore di 2mila euro.

Nelle edizioni passate sono stati premiati illustri personaggi della letteratura italiana e internazionale come Mario Luzi, Giovanni Giudici, Yves Bonnefoy, Adonis, Nelo Risi, Franco Loi. La giuria che vaglierà i lavori è composta da cinque esperti e studiosi di letteratura: Andrea Battistini (Università di Bologna, presidente della giuria e dell’Accademia Pascoliana), Franco Brevini (Università di Bergamo e Milano), Gualtiero De Santi (università di Urbino), Gianfranco Miro Gori (saggista, poeta), Piero Meldini (scrittore).

Il termine ultimo di partecipazione è il 30 aprile. La partecipazione al concorso è gratuita. La premiazione avverrà nel corso di una serata pubblica in programma nel mese di luglio a Casa Pascoli, alla presenza dei vincitori. Il Premio Pascoli consta anche di una sezione dedicata alle opere prime a carattere biennale. Nell’ultima edizione il Premio Pascoli è stato assegnato nella sezione in lingua italiana a Sauro Albisani con il volume “Orografie”, nella sezione Opera prima a Francesco Romanetti con “Non siamo noi che andremo all’inferno”.

"Il premio, che si è consolidato negli anni divenendo uno dei principali per la poesia in lingua e uno dei pochi forse l'unico rimasto, ormai, per la poesia edita in dialetto – afferma il presidente di Sammauroindustria, Miro Gori - si è arricchito dall'anno scorso con l'introduzione del premio biennale all'opera prima, ponendosi così come luogo di emersione, di visibilità per poeti esordienti. Il che dovrebbe essere tra gli scopi dei premii".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento