menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza della Libertà, arriva “Libera Mese”: festival itinerante per famiglie e bambini

Il rinnovamento e la valorizzazione del centro storico passano non solo dai progetti di riqualificazione, ma anche dalla proposta di un ricco programma di nuove iniziative, mirate in particolare a favorire la rinascita di piazza della Libertà

Gioco, musica, burattini e tanto altro ancora per animare il cuore della città e renderlo a misura di bambini e famiglie. Il rinnovamento e la valorizzazione del centro storico passano non solo dai progetti di riqualificazione, ma anche dalla proposta di un ricco programma di nuove iniziative, mirate in particolare a favorire la rinascita di piazza della Libertà come spazio di incontro e di svago. E anche se i lavori non sono ancora cominciati, il cantiere dovrebbe aprire la prossima estate, l’Amministrazione comunale getta il cuore oltre l’ostacolo, lanciando la proposta di “Libera Mese”, festival itinerante per famiglie e bambini, che ogni mese porterà nella rinnovata piazza attività e iniziative ispirate di volta in volta a un tema diverso.

“Il progetto del Festival “LiberaMese” – spiegano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Servizi per le Persone Simona Benedetti, che lo ha presentato ufficialmente in occasione di “A due passi dal futuro”  – punta a  costituire una programmazione permanente di eventi e appuntamenti da realizzare a Cesena, in Piazza della Libertà, con l’intento di coinvolgere prevalentemente famiglie, bambini ed adolescenti. Filo conduttore delle attività  proposte, oltre alla continuità nell’arco dei dodici mesi, sarà la scelta di dare grande spazio alla creatività, alla libertà di espressione e di movimento, alla necessità di incontrarsi e socializzare. In particolare, saranno elaborate proposte specifiche rivolte a tutte le fasce di età, dai bambini piccoli e piccolissimi fino agli adolescenti. L’idea di sviluppare il festival attraverso una programmazione mensile parte dalla necessità di organizzare attività flessibili, libere e sempre all’aria aperta, con il fine di vivere liberamente e continuativamente la propria città, senza particolari vincoli e imposizioni temporali”.

Così, stando al calendario di massima già anticipato, gennaio sarà dedicato alla musica, a febbraio saranno protagonisti i libri, a marzo si darà spazio al gioco, aprile sarà dedicato allo sport, maggio alla natura, giugno alla magia, luglio al cinema, agosto ai burattini, settembre al teatro, ottobre al cibo, novembre al circo e, infine, a dicembre sarà protagonista, ovviamente, il Natale. “Come si può notare – puntualizzano il sindaco e l’assessore Benedetti – abbiamo cercato di definire una programmazione coerente con le iniziative consolidate, sia pubbliche che private, già organizzate in città, dalla Fiera di San Giovanni a Piazze di Cinema, al Festival del cibo di strada, mentre il mese di settembre, dedicato al teatro, vedrà la concomitante organizzazione del Festival Teatrale Itinerante per Famiglie e Bambini, che coinvolgerà non solo Piazza della Libertà, ma anche altre aree della città”.

Ogni mese, dunque, si svolgeranno molteplici attività legate al tema prescelto: spettacoli, laboratori didattici, letture, biblioteche itineranti, giochi di strada, merende, sport all’aperto. Gli appuntamenti saranno, di norma, programmati nei giorni di venerdì, sabato e domenica, con l’aggiunta di una intera settimana, durante la quale tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, saranno animati da eventi pomeridiani e serali. Il cartellone del  Festival vedrà il coinvolgimento di artisti, compagnie teatrali, associazioni ed enti sia locali, che di rilievo nazionale, sulla base di una  comprovata esperienza in questo campo e di una elevata qualità. Dal canto suo, l’Amministrazione comunale si impegna a sostenere economicamente l’iniziativa – anche attraverso la partecipazione di enti sponsor – e a coordinare il coinvolgimento attivo alla programmazione dei servizi per le persone della città (scuole di ogni ordine e grado, post scuola, centri di aggregazione, associazioni, polisportive, ecc.).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento