"QuindiciDiciotto. I nostri nonni in trincea". Mostra a Bagno di Romagna

  • Dove
    Palazzo del Capitano
    Indirizzo non disponibile
    Bagno di Romagna
  • Quando
    Dal 17/10/2015 al 06/01/2016
    venerdi e sabato dalle 16 alle 18 e dalle 20,30 alle 22; domenica 10,00-12,00 e 16,00-18.00; ulteriori aperture 29/30 dicembre 2015 e 4/6 gennaio 2016: 16-18 e 20,30-22
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Dal 17 ottobre al 6 gennaio Palazzo del Capitano, a Bagno di Romagna, ospiterà la mostra "QuindiciDiciotto. I nostri nonni in trincea", per ricordare i soldati caduti durante la Grande Guerra. La mostra, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Bagno di Romagna, scaturisce da una ricerca per la costituzione di un “Albo dei Caduti nella Guerra nazionale 1915-1918 residenti nel Comune di Bagno di Romagna” nel Centenario del suo inizio. 

Vi è dunque, su una grande “lapide”, l'elenco completo dei Caduti, riportati in ordine cronologico per dare il senso del susseguirsi dei lutti, che manifesta e quantifica il prezzo di sangue pagato anche dal Comune di Bagno di Romagna: 2 sottotenenti, 6 sergenti, 7 caporal maggiori, 3 caporali, 244 soldati, ognuno accompagnato da notizie essenziali (nascita, paternità, residenza, battaglione, luogo di morte), riportate  anche nel catalogo che accompagna la mostra. 

Per una cinquantina di essi sono state poi realizzate “schede” che riproducono documenti dell'Archivio Comunale (qualche lettera dal fronte e dalla prigionia, dati somatici, qualche raro foglio matricolare o di congedo, le schede dell'Ufficio per le notizie alle famiglie dei militari...) e quelli messi a disposizione dai familiari (fotografie, cartoline, lettere intense). Ogni scheda, pur nella scarna documentazione, vuole ricomporre frammenti di una memoria perduta, attimi di vita di quei ragazzi di cento anni fa, e vuole far immaginare le loro piccole storie sullo sfondo crudele della Grande Guerra.

L’indagine è stata condotta da Giuliano Marcuccini, con la partecipazione di Grazia Baldassini e di due studenti  del Liceo Scientifico “A. Righi” di Cesena, sede staccata di Bagno di Romagna: ma è stata anche supportata da documenti forniti da alcune famiglie. “Abbiamo sentito il bisogno di elevare l’attenzione - osservano il sindaco Marco Baccini e l’assessore alla cultura Enrica Lazzari - sul contributo che i nostri concittadini hanno offerto per la difesa di quei valori civili, morali e identitari che quel conflitto stava mettendo a rischio. Un contributo pagato con la vita per la libertà delle future generazioni, sulle quali grava il dovere di conoscere la storia, anche e soprattutto attraverso quelle vicende che hanno coinvolto la propria comunità”.

“Si è voluto far emergere dalla memoria - scrive da parte sua sul catalogo della mostra il curatore Marcuccini - il destino di questi nostri nonni e bisnonni, le loro giovinezze trascorse in trincea tra la desolazione delle macerie e l’odore della morte, nella notte della guerra; di quei molti che non videro più la loro famiglia, sepolti lontano”. La mostra, inserita nell’annuale “cartellone” di “Bagno d’Arte” promosso dal Comune di Bagno con la collaborazione dell’Istituto regionale per i Beni Culturali, è la prima di una serie di iniziative legate al “Centenario della Grande Guerra”, che proseguirà nel prossimo anno. In programma sono incontri pubblici, come quello previsto per sabato 14 novembre (di cui successivamente daremo notizie più dettagliate), e rassegne tematiche d’interesse locale ed esposizioni d’arte, a cominciare dalle celebri pitture dedicate agli alpini ed alle loro gesta dell’artista cesenate Tommaso Magalotti.


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Immagini, spazio e suoni nella mostra "Compresenze"

    • Gratis
    • dal 19 settembre al 18 ottobre 2020
    • Il Vicolo Galleria Arte Contemporanea e la Chiesa di San Zenone
  • Storie, memorie e visioni: un fine settimana di visite al Si Fest

    • da domani
    • Gratis
    • dal 26 al 27 settembre 2020
    • Centro storico di Savignano

I più visti

  • L'Oktoberfest approda in centro fra boccali di birra, giochi e spettacoli

    • dal 18 settembre al 4 ottobre 2020
    • Chiosco dei Giardini Savelli
  • Abiti vintage, mobili, giocattoli e molto altro al “Mercatissimo dell’usato”

    • dal 25 al 27 settembre 2020
    • cortile della parrocchia di Sant’Egidio
  • Moka Club, Casabianca, fontane danzanti, buon cibo e fuochi d'artificio al Palio dei Barrocci

    • Gratis
    • dal 25 al 29 settembre 2020
    • Sant'Angelo di Gatteo
  • Nelle vie del centro sfilano le auto da corsa

    • Gratis
    • 27 settembre 2020
    • Centro storico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    CesenaToday è in caricamento