La parrocchia di Montecastello festeggia San Lorenzo tra musica, cappelletti e piadina

Sotto i riflettori questo fine settimana c’è la parrocchia di Montecastello che festeggia il patrono San Lorenzo. Una delle feste più grandi e partecipate della media Valle del Savio. Sabato, giorno della festa, si terrà la messa solenne alle ore 16.30 e domenica alle ore 11.15. Sabato sera allieterà l’orchestra Luana Babini dalle ore 21. Domenica pomeriggio è previsto alle 16.30 il torneo dei rioni. Domenica, dalle ore 21, allieterà la musica di “Groove up”. Sia sabato che domenica, dalle ore 19, è possibile cenare insieme: ottimo è quanto preparato dallo staff nello stand. Piadina, affettati, salsiccia, primi. Da non perdere i tradizionali cappelletti asciutti con ragù, la prelibatezza della festa, preparati nelle sere precedenti da esperte signore, che lavorano con esperienza e col cuore.

Si tratta, spiega don Daniele Bosi, di "una delle parrocchie più comode ed ambite, un tempo, della Diocesi di Sarsina per la particolare posizione, su un pianoro soleggiato. L’antica chiesa di Montecastello non si trovava dove è oggi l’attuale, ma bensì era nel castello che era situato sul poggio ancora denominato “Castellaccio”. Era molto antica e siccome minacciava rovina, ed era diventata scomoda per la maggiora parte del popolo, dicono le cronache “del popolo più ragguardevole”, cioè dei signorotti locali, venne trasportata nella Villa dei Muratori, l’odierna posizione, dove venne costruita in due anni e benedetta dal Vescovo di Sarsina mons. Giovan Battista Mami nel 1760. L’alto castello verso il 1100 apparteneva alla famiglia degli Onesti di Ravenna. A questa famiglia degli Onesti apparteneva “Saraceno”, che sembra abbia fondato Mercato Saraceno, esiliato da Ravenna e venuto a stabilirsi a Montecastello. Nel 1192 Giovanni Onesti vendette Montecastello alla Chiesa ravennate; da questa tornò alla chiesa Sarsinate che, nel 1365, lo diede in feudo a Mainardo Ravaldini. Tornò poi agli Onesti, che nel 1442 lo vendettero al Novello Malatesta di Cesena. Leone X nel 1519 lo infeudò al Alberto Pio di Carpi. La chiesa venne consacrata da mons. Mami nel 1775, il 25 luglio. E’ dedicata a San Lorenzo. Nella chiesetta si conservano due splendidi dipinti, uno raffigurante la Madonna e il Bimbo in alto, con S. antonio, San Francesco da Paola e San Lorenzo, con putti che reggono i simboli loro riferiti. Questa opera è del nostro pittore locale Michele Valbonesi, nato a Ranchio nel 1731. Sul coro, entro una grandiosa cornice in legno intarsiata, con tanto di baldacchino sovrastante, si trova una splendida immagine, restaurata una decina d’anni fa grazie al contributo della Cassa Rurale ed Artigiana di Sarsina, dove si trova San Lorenzo, raffigurato in piedi, dipinto nel 1703 come si legge ai piedi della tela, voluto dal parroco don Bartolomeo Gori. Tale dipinto, con la cornice, vengono dalla vecchia chiesa. C’è anche un’altra scritta, del 1840, che testimonia un restauro subìto. Da notare anche le 14 via Crucis settecentesche con altorilievi in cartapesta, inserite nel muro in cornici di stucco ornamentali. Nel campanile, dalla forma particolare, si conservano quattro campane tra le più grandi in zona, due fuse nel 1843 e due nel 1957. P iù di 30 sono i sacerdoti nati da famiglie di Montecastello lungo il secolo 1900. Tanti sono stati i missionari, i religiosi e le suore, alcuni ancora viventi, nati a Montecastello e poi trasferitisi altrove seguendo la via religiosa".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • Gli artisti del Ferrara Buskers Festival fanno tappa a Cesenatico

    • Gratis
    • 26 agosto 2019
  • Per il post Ferragosto torna la sagra della Pera Cocomerina

    • Gratis
    • dal 16 al 18 agosto 2019
    • Ville di Montecoronaro
  • Combattimenti, danze sciamaniche, idromele e concerti: il programma di Druidia 2019

    • dal 15 al 18 agosto 2019
    • Parco di Ponente
  • Un fine settimana di concerti con il Porto di Jazz

    • Gratis
    • dal 16 al 18 agosto 2019
    • Molo Ponente, molo Levante e piazza Ciceruacchio
Torna su
CesenaToday è in caricamento