rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Eventi

Due nuove esperienze didattiche al Teatro Comandini di Cesena: un laboratorio di arte ed un corso di aggiornamento

S’intitola Agonismo e restituzione dei sensi. Laboratorio di arte applicata, sotto la protezione e l’insegna di San Tommaso la nuova proposta didattica di Claudia Castellucci, drammaturga, coreografa e didatta

Due nuove esperienze didattiche al Teatro Comandini di Cesena sono annunciate da Societas per il nuovo anno. Un laboratorio di arte applicata diretto da Claudia Castellucci in febbraio e un nuovo corso di aggiornamento per insegnanti diretto da Chiara Guidi tra febbraio e aprile.

S’intitola Agonismo e restituzione dei sensi. Laboratorio di arte applicata, sotto la protezione e l’insegna di San Tommaso la nuova proposta didattica di Claudia Castellucci, drammaturga, coreografa e didatta, cofondatrice della nota compagnia teatrale Societas. Rivolto ad artisti, artigiani e studenti, il laboratorio si terrà tutti i venerdì e i sabati di febbraio 2022 al Teatro Comandini di Cesena, con l’intento di sperimentare e ricongiungere il rapporto tra arte e artigianato – oggetto di diverse trasformazioni nella storia – e di farlo attraverso la costruzione di manufatti.  Le opere del laboratorio seguiranno quattro rami: l’esecuzione di copia dal vero del fumo e le sue volute, disegnati con il carboncino; i ritratti di persone assenti o defunte, che servono da incitamento tecnico; le decorazioni di ciò che viene utilizzato; e la collocazione delle opere in un luogo, assurta a tema specifico. 

Scrive Claudia Castellucci: “Il rapporto tra arte e artigianato è qui rimesso in discussione in una contesa cruciale e ionizzata dal bisogno di toccare, e di credere, come San Tommaso, soltanto ai sensi della vista e, soprattutto, del tatto: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò» [Gv 20, 25-27]. Il Laboratorio soddisfa la carenza del tatto, della sua intelligenza intuitiva, delle sue rapaci emulazioni, delle sue conclusioni concrete, delle sue speranze di miglioramento e di collaborazione nel fabbricare manufatti o decorare cose”. Agonismo e restituzione dei sensi si concluderà con un evento cerimoniale pubblico.

Il laboratorio si terrà il venerdì dalle 15.30 alle 19.30; e il sabato dalle 10.00 alle 18.00. La prima ora sarà dedicata alla ginnastica. Le ore successive saranno di laboratorio di arte applicata. Dopo le 14.30, la prima ora sarà dedicata alla teoria dell’arte. Seguiranno altre ore di laboratorio e prove di allestimento cerimoniale.

Iscrizioni entro il 22 gennaio presso organizzazioneclaudiacastellucci@societas.es specificando i propri dati anagrafici, la residenza e il numero di telefono. Non ci sono selezioni, ma i posti sono limitati. Il costo è di 150 Euro. La materia prima, i supporti e gli strumenti sono forniti dall’organizzazione. Il Teatro Comandini rispetta l’obbligo di Legge del Certificato Verde per i luoghi pubblici.

Chiara Guidi – che di Societas è a sua volta cofondatrice e regista, drammaturga, attrice e didatta, recentemente insignita del “Premio Ivo Chiesa_La scuola” – terrà tra febbraio e aprile un nuovo corso di aggiornamento per insegnanti di ogni ordine e grado (il nono dal 2012), intitolato La furia delle immagini. Esercizi del guardare, inaugurando così la nuova edizione di Puerilia (giornate di puericultura teatrale per la Scuola Pubblica) intitolata “Quête”. Ispirato al volume omonimo del fotografo spagnolo Joan Fontcuberta, il Corso – composto da 10 incontri per un totale di 20 ore – porrà l’attenzione sull’incontro quotidiano con le immagini che circolano a gran velocità di fronte ai nostri occhi. “Come raccogliamo una immagine? – si chiede Chiara Guidi –. Ci vuole tempo per calcolare cosa l’occhio vede, e intuire ciò che non vede perché l’immagine racchiude un segno che non si può spiegare: si può solo far germinare. Interpretare”. Con insegnanti ed educatori si sperimenterà come davanti a una immagine si possa lavorare per vedervi all’interno altre immagini così da suscitare storie nelle storie, colori nei colori, parole nelle parole… Ci si eserciterà per individuare una relazione segreta tra le cose, avulsa dalle informazioni che abbiamo su di esse, una relazione che si riconosce col cuore. “D’altra parte – continua l’artista – quando una immagine ‘ci tocca’ ci spinge. Compie in noi una azione. Ci invita ad andare. Alla scuola, allora, il compito di discernere le molteplici implicazioni fisiche di uno sguardo, prenderne coscienza e ‘criticare’ ciò che quotidianamente l’occhio subisce”.La furia delle immagini vuole porre l’accento sulla necessaria ricerca di una relazione tra l’immagine e colui che guarda, e coinvolgerà insieme a Chiara Guidi alcuni altri artisti: il fotografo Alessandro Scotti, lo scenografo e scultore Vito Matera, il maestro elementare Cesare Moreno, lo scrittore e critico Marco Dotti.

Il Corso – riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca come attività di aggiornamento – è realizzato in collaborazione con ERT / Teatro Nazionale, che offre la copertura della quota di iscrizione alle docenti e ai docenti non di ruolo, e che dunque non sono in possesso della Carta del Docente.

È previsto il rilascio di un attestato di frequenza. Gli incontri si svolgeranno presso il Teatro Comandini di Cesena dalle 17.00 alle 19.00 nei giorni: 8, 15, 22 Febbraio; 1, 8, 15, 22 e 29 Marzo; 5, 12 Aprile 2022. Iscrizioni a partire dal 10 gennaio presso il portale S.O.F.I.A. oppure rivolgendosi alla segreteria di Societas presso atti@societas.es. Il costo è di 80 euro, pagabili con Carta del Docente 
Per accedere al Corso è necessario il Super Green pass. In caso di nuove restrizioni dovute all’ondata pandemica, La furia delle immagini sarà annullato e le quote di iscrizione verranno restituite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due nuove esperienze didattiche al Teatro Comandini di Cesena: un laboratorio di arte ed un corso di aggiornamento

CesenaToday è in caricamento