Danza, musica e teatro, ecco la stagione in tre movimenti del Petrella

Spazio a tre residenze creative, spettacoli e concerti, ma anche alle immagini di Alberto Casiraghy

Si ripartirà dalla danza, a settembre e ottobre. Si proseguirà con la musica, da novembre. Con l’auspicio di poter tornare ad utilizzare tra febbraio e aprile 2021 la piena capienza e dare spazio a spettacoli di teatro dedicati a un ampio pubblico. Il Teatro Petrella di Longiano riparte, dopo la chiusura imposta dal Covid19.

Lo farà con gradualità e spirito di adattamento, scegliendo un “passo a tre”, tre movimenti come quelli dei vecchi mangianastri, quasi a riproporre metaforicamente la ricerca del “brano giusto per il momento giusto” dei vecchi lettori di cassette musicali: Rewind – Forward – Play.

Danza

Primo passo: REWIND – Danza, in collaborazione con L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino e con E’BAL – Palcoscenici romagnoli per la danza contemporanea. Un riavvolgere il nastro, per andare a recuperare ciò che l’emergenza Covid19 aveva interrotto. Adattamento significherà anche metamorfosi delle condizioni di fruizione del teatro. Tra settembre e ottobre, un allestimento del teatro che prevede la platea rialzata e il pubblico nei palchi consentirà di ripartire dal punto nel quale ci si era lasciati, lo scorso febbraio. Il programma sarà interamente dedicato alla danza con il recupero di due progetti di residenza e prova aperta della scorsa stagione e la presentazione di una novità.

Dall’1 settembre, il palcoscenico del Teatro Petrella tornerà ad animarsi con la prima delle due residenze creative del progetto Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi – Progetto di accoglienza e residenza per creazioni coreografiche, condiviso da Cronopios con L’arboreto - Teatro Dimora di Mondaino: saranno a Longiano Vincenzo Schino, regista e artista visivo, e Mara Bichisao, danzatrice e coreografa, per affrontare un nuovo lavoro, JUMP!, concepito nell’ambito del progetto di ricerca artistica Opera Bianco: uno studio intorno al problema del ritmo dell’uomo in dialogo con il ritmo del mondo e che sarà proposto al pubblico, con una prova aperta, mercoledì 15 settembre (ore 21).

Prenderà il via il 21 settembre, invece, la residenza creativa di CollettivO CineticO che ha scelto lo storico teatro longianese per il nuovo progetto Manifesto Cannibale, con cui prosegue l’indagine filosofica e fisica sulla trasposizione di condizioni proprie del mondo vegetale, lavorando intorno al repertorio musicale del Winterreise di Schubert. La regia e coreografia è di Francesca Pennini, già applaudita la scorsa stagione al Petrella nei suoi 10 Miniballetti. Sabato 3 ottobre (ore 21) e domenica 4 ottobre (ore 18) CollettivO CineticO presenterà al pubblico del Petrella l’Anteprima/Primo studio del nuovo spettacolo.

Dal 9 ottobre il Petrella si anima nuovamente con la terza residenza creativa, di nuovo nell’ambito di Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi, con My Body di Stefania Tansini, un progetto modulare che si articola in un solo e in un trio. Prova aperta al pubblico sabato 24 ottobre (ore 21).

Musica

Il secondo passo di una stagione inevitabilmente innestata in uno scenario fluido, condizionata dalle normative che Governo e Regioni hanno adottato e adotteranno per il settore dello spettacolo in relazione all’evoluzione dell’emergenza Covid19, sarà un movimento in avanti.

FORWARD – Musica: esattamente come il tasto che consentiva di muovere in avanti il nastro delle musicassette alla ricerca di un brano o di un momento particolare, il Teatro Petrella muoverà qualche passo in avanti tra novembre 2020 e gennaio 2021 con un programma di concerti che sarà comunicato successivamente. Il teatro cambierà nuovamente forma: per garantire l'incontro ottimale fra artisti e spettatori, nel rispetto del distanziamento fisico, in platea tornerà l’allestimento con tavolini e sedie già proposto nelle scorse stagioni con la fortunata formula del Petrella Jazz Club.

Teatro

Il teatro è vita, è socialità, è trasformazione, è cultura nel senso pieno della parola. L’auspicio è che il Petrella possa tornare pienamente ad essere, nei prossimi mesi, una casa sicura per artisti, operatori e spettatori. Che possa tornare a poter utilizzare la sua piena capienza (200 posti circa) per dare spazio, con PLAY – Teatro (terzo passo) a spettacoli rivolti ad un ampio pubblico, nel solco della progettualità che Cronopios ha portato avanti, con passione e rigore, nelle passate stagioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le immagini di Alberto Casiraghy

Una stagione che inevitabilmente, in questa fase, non poteva che presentarsi in una veste non definitiva, ma ancora in parte solo immaginata, trova nelle immagini scelte per accompagnarla l’adeguato complemento: selezionate ancora una volta in collaborazione con la Fondazione Tito Balestra di Longiano, sono dell’artista Alberto Casiraghy, editore, aforista e illustratore, amico di Alda Merini, originario di Osnago (Lecco).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento