Cesena, le nuove mostre del [non]museo

Il progetto Lingua Mamma nasce da una considerazione sul linguaggio come primo elemento di differenza tangibile tra le culture e primo veicolo per l'identificazione della realtà e per la costruzione della propria identità. Nello specifico è stato pensato per la comunità bangladese di Roma, studiando un percorso di scambio artistico-linguistico tra bambini italiani e bangladesi e tra bambini e madri bangladesi e italiane.

Successivamente lavorando direttamente con i bambini della scuola primaria Pisacane il progetto si è trasformato  adattandosi alla realtà della scuola e alle diverse nazionalità dei bambini che oltre alla bangladese erano numerose: tunisina, venezuelana, romena, cinese, albanese, figli di coppie miste, con genitori italiani e statunitensi, brasiliani, francesi. Abbiamo considerato i bambini come i principali mediatori per le donne e le famiglie in Italia nell’apprendimento della nuova linguaSiamo partite dall’esperienza di molte donne straniere che arrivando in Italia non hanno molte occasioni di relazionarsi al di fuori della propria famiglia, e non imparano la lingua Italiana se non attraverso il filtro dei figli che si integrano molto più rapidamente nel nuovo paese perché frequentano la scuola o perché giocano con gli altri bambini. Attraverso di loro, le madri possono avviare i primi passi verso l´integrazione. I lavori realizzati con i bambini sono stati presentati presso: Milano e Oltre, La triennale di Milano, M.A.X.X.I. BASE Roma, The Gallery Apart Roma.

SABATO 19 e DOMENICA 20 DICEMBRE
INAUGURAZIONE CON LABORATORI PER BAMBINI E RAGAZZI PER GIOCARE INTORNO ALLE MOSTRE
dalle 16.00 alle 19.00
SARA BASTA e MARIANA FERRATTO
“LINGUA MAMMA”

> CHARLES BURDETT e DEREK DUNCAN
“Transnationalizing modern languages”

L’istallazione presenta una parte del lavoro svolto in due scuole di Edimburgo, la Drummond Community High School e la Castlebrae High School, nell’ambito del progetto Transnationalizing Modern Languages. Mobility, Identity and Translation in Modern Italian Cultures (UK). Lavorando con insegnanti di arte e alunni di età tra i 12-18 anni, considerati come co-ricercatori nel progetto, sono state realizzate delle esperienze didattiche guardando alle pratiche di traduzione culturale pensandola non solo in termini linguistici, ma anche in relazione alle sue mutazioni in riferimento alle migrazioni e ai movimenti delle idee e degli oggetti. Punto focale di alcuni progetti è stato l’artista scozzese Eduardo Paolozzi, che gli alunni coinvolti conoscono molto bene per i riferimenti sia locali che globali del suo lavoro. Essendo i professori dei due licei considerati come coricercatori del progetto universitario, restando entro i termini teorici generali dati, sono stati lasciati completamente liberi di trovare i propri mezzi di espressione culturale con i ragazzi.

Proseguono fino al 31 Dicembre:
> Viola Niccolai
“La volpe e il polledrino” / Mostra di illustrazioni - itinerante tra [Non]Museo e Biblioteca Malatestiana
> Katrièm “Che cos’è l’arte?Esercizi senza bisogno di una risposta” / Mostra didattica dalla scuola di Borgo Indaco

Ingresso libero.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Labirinto sensoriale e altre sorprese. Gli spazi verdi si rinnovano al Garden Festival d’Autunno

    • dal 19 settembre al 18 ottobre 2020
    • Garden Battistini
  • "Come mi vesto": un appuntamento per discutere di moda etica ed economia circolare

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 settembre 2020
    • piazza della Libertà
  • Il gioco degli scacchi: una palestra del linguaggio per i più piccoli

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 settembre 2020
    • Sala Sozzi del Palazzo del Ridotto

I più visti

  • L'Oktoberfest approda in centro fra boccali di birra, giochi e spettacoli

    • dal 18 settembre al 4 ottobre 2020
    • Chiosco dei Giardini Savelli
  • Abiti vintage, mobili, giocattoli e molto altro al “Mercatissimo dell’usato”

    • dal 25 al 27 settembre 2020
    • cortile della parrocchia di Sant’Egidio
  • Moka Club, Casabianca, fontane danzanti, buon cibo e fuochi d'artificio al Palio dei Barrocci

    • Gratis
    • dal 25 al 29 settembre 2020
    • Sant'Angelo di Gatteo
  • Nelle vie del centro sfilano le auto da corsa

    • Gratis
    • 27 settembre 2020
    • Centro storico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    CesenaToday è in caricamento